mercoledì 24 luglio 2024
  • 0
di Lorenzo Bertocchi
il Timone N. 226 di Marzo 2023

«Trema tutto ma non l’Amore di Dio»

Oltre 40.000 morti tra Turchia e Siria, è la cifra indicibile delle vittime che ha causato il terremoto che ha colpito nella notte tra 5 e 6 febbraio 2023 con le due scosse principali di magnitudo 7,8 e 7,6. «Le due placche, quella arabica e quella anatolica», implicate nello scatenare il sisma, «si sono spostate di tre metri, ma l’energia liberata dalla faglia ha causato una deformazione molto forte lungo 300 chilometri», ha notato il nostro Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv). Una devastazione che noi abbiamo visto con le immagini televisive, ma che, ci dice l’italiana Giulia Longo, responsabile coordinamento Caritas Anatolia, «non riescono a rendere bene ciò che è accaduto e sta accadendo…»

Per leggere il reportage acquista Il Timone o abbonati

 

Per leggere l’articolo integrale, acquista il Timone di Marzo.
Acquista una copia de il Timone in formato cartaceo.
CARTACEO
Acquista una copia de il Timone in formato digitale.