sabato 24 febbraio 2024
  • 0
   
il Timone N. 56 di Settembre 2006

Uccisi in nome di Allah

Dalla Turchia all’Indonesia, dall’Algeria all’Arabia Saudita, i Paesi musulmani sono campioni nella repressione dei cristiani. Colpa di una concezione dei diritti dell’uomo subordinata all’appartenenza all’islam.

La libertà religiosa viene giustamente considerata uno dei pilastri della modernità, ma il suo esercizio è sostanzialmente negato o incontra ancora molti limiti in varie parti del mondo islamico. Se l’articolo 18 della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo afferma che «ogni individuo ha diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religion...
Per leggere l’articolo integrale, acquista il Timone di Settembre.
Acquista una copia de il Timone in formato cartaceo.
CARTACEO
Acquista una copia de il Timone in formato digitale.