venerdì 02 dicembre 2022
  • 0
di AA. VV.
il Timone N. 222 di Novembre 2022

Ucraina, le condizioni per un negoziato

A distanza di ormai molti mesi dal suo inizio, la guerra in Ucraina continua a mietere vittime. L’esercito di Kiev è sicuramente riuscito a riscattarsi in modo significativo, ma le forze di Mosca sembrano lontanissime da una resa; anzi, aleggia e ritorna con frequenza costante anche del dibattito pubblico occidentale un incubo che sembra quasi non sembra terrorizzare più: quello dell’apocalisse nucleare.

Resta però sempre aperta la strada continuamente richiamata da Papa Francesco: quella del negoziato. E che sia una strada, per quanto stretta, ancora percorribile lo confermano, da prospettive diverse – quella diplomatica e quella militare – l’ambasciatore Carlo Marsili e il generale Fabio Mini i quali, sentiti da Roberto Vivaldelli, hanno delineato quelle che sono le condizioni, in realtà già presenti o comunque molto vicine, che possono agevolare una trattativa.

Trattativa che, come osserva in un articolo Davide Malacaria, grande esperto di politica estera e seguito autore di piccolenote.ilgiornale.it, non è più un auspicio solo di qualche esperto bellico né può considerarsi materia di interesse per il mondo pacifista, essendo ormai ampiamente qualcosa di auspicato anche dal popolo italiano…

Per leggere gli articoli acquista Il Timone o abbonati

Per leggere l’articolo integrale, acquista il Timone di Novembre.
Acquista una copia de il Timone in formato cartaceo.
CARTACEO
Acquista una copia de il Timone in formato digitale.