domenica 27 settembre 2020
  • 0
NEWS 29 maggio 2020    di Redazione
Trump interviene sui social: “Chiamati a rispondere come gli altri editori”

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump interviene sui colossi del web modificando una legge del 1996 che garantisce ampia immunità dalle cause civili per ciò che gli utenti pubblicano su internet, perché a livello giurisprudenziale i siti vengono considerati “piattaforme” e non “editori” e dunque sollevati dalle responsabilità sui contenuti. Pubblichiamo di seguito una nostra traduzione di alcuni stralci dell’Ordine esecutivo firmato da Trump. Prima che questa modifica diventi effettiva, è necessario che ottenga il via libera della Federal Communications Commission (Fcc), massimo organo federale che regola le telecomunicazioni in Usa.

La libertà di parola è il fondamento della democrazia americana. I nostri Padri Fondatori hanno protetto questo sacro diritto con il Primo Emendamento alla Costituzione. La libertà di esprimere e discutere idee è il fondamento di tutti i nostri diritti di persone libere.
In un paese che ha a lungo amato la libertà di espressione, non possiamo permettere a un numero limitato di piattaforme online di scegliere manualmente le parole a cui gli americani possono accedere e trasmettere su Internet. Questa pratica è fondamentalmente non americana e antidemocratica. Quando grandi e potenti società di social media censurano le opinioni con cui non sono d’accordo, esercitano un potere pericoloso. Smettono di funzionare come bacheche passive e dovrebbero essere visualizzate e trattate come creatori di contenuti.
La crescita delle piattaforme online negli ultimi anni solleva importanti domande sull’applicazione degli ideali del Primo Emendamento alla moderna tecnologia delle comunicazioni. Oggi molti americani seguono le notizie, restano in contatto con amici e familiari e condividono le loro opinioni sugli eventi attuali attraverso i social media e altre piattaforme online. Di conseguenza, queste piattaforme funzionano in molti modi come un equivalente del 21° secolo della piazza pubblica.
Twitter, Facebook, Instagram e YouTube esercitano un potere immenso, se non senza precedenti, per modellare l’interpretazione degli eventi pubblici; censurare, cancellare o far sparire informazioni; e per controllare ciò che la gente vede o non vede.
In qualità di presidente, ho chiarito il mio impegno per un dibattito libero e aperto su Internet. Tale dibattito è tanto importante online quanto nelle nostre università, nei nostri municipi e nelle nostre case. È essenziale per sostenere la nostra democrazia.
Le piattaforme online si stanno impegnando in una censura selettiva che sta danneggiando la nostra libertà nazionale. Decine di migliaia di americani hanno segnalato, tra gli altri comportamenti preoccupanti, che le piattaforme online “contrassegnano” i contenuti come inappropriati, anche se non violano i termini di servizio dichiarati; apportano modifiche inspiegabili senza preavviso alle politiche aziendali che hanno l’effetto di sfavorire alcuni punti di vista; e eliminano contenuti e interi account senza preavviso, senza nessuna logica e senza nessun ricorso.
Twitter ora decide in modo selettivo di apporre un’etichetta di avvertimento su determinati tweet in un modo che riflette chiaramente il pregiudizio politico. Come è stato riferito, Twitter sembra non aver mai posto tale etichetta sul tweet di un altro politico. Fino alla settimana scorsa, il rappresentante Adam Schiff scontinuava a fuorviare i suoi seguaci vendendo la bufala collusione russa a lungo smentita, e Twitter non ha mai segnalato quei tweet. Non sorprende che il suo ufficiale responsabile della cosiddetta “integrità del sito” abbia sfoggiato il suo orientamento politico nei suoi tweet.
[…]
Come nazione, dobbiamo promuovere e proteggere i diversi punti di vista nell’attuale ambiente di comunicazione digitale in cui tutti gli americani possono e dovrebbero avere voce in capitolo. Dobbiamo cercare trasparenza e responsabilità dalle piattaforme online e incoraggiare standard e strumenti per proteggere e preservare l’integrità e l’apertura del discorso americano e la libertà di espressione.
[…]
La sezione 230 non aveva lo scopo di consentire a una manciata di aziende di diventare titani che controllano strade vitali per la nostra libertà di espressione con il pretesto di promuovere forum aperti per il dibattito, e quindi di fornire a quei colossi immunità quando usano il loro potere per censurare il contenuto e silenziare punti di vista che non gradiscono. Quando un fornitore di servizi informatici interattivi rimuove o limita l’accesso al contenuto e le sue azioni non soddisfano i criteri di cui alla lettera c) (2) (A), è coinvolto in una condotta editoriale. È politica degli Stati Uniti che un fornitore del genere debba perdere lo scudo di responsabilità limitata di cui alla lettera c) (2) (A) ed essere esposto a responsabilità come qualsiasi editore tradizionale che non è un fornitore online.
[…]
Nel maggio del 2019, la Casa Bianca ha lanciato uno strumento di segnalazione di pregiudizi tecnici per consentire agli americani di denunciare incidenti di censura online. In poche settimane, la Casa Bianca ha ricevuto oltre 16.000 denunce di censura di piattaforme online contro gli utenti in base ai loro punti di vista politici. La Casa Bianca presenterà tali denunce ricevute al Dipartimento di giustizia e alla Federal Trade Commission (FTC).

Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: