domenica 07 agosto 2022
  • 0
NEWS 28 Giugno 2022    di Redazione

360.000 fedeli persi nel 2021, chiesa tedesca in agonia

Secondo le statistiche pubblicate dalla Conferenza episcopale tedesca, lo scorso anno 359.338 fedeli hanno voltato le spalle alla Chiesa, cifra che supera di gran lunga il record precedente, di 273.000, del 2019. In Germania è obbligatorio che i fedeli siano iscritti ufficialmente alla Chiesa cattolica o alla “chiesa” luterana, per poter pagare la tassa religiosa. La cancellazione dall’anagrafe è considerata come abbandono dell’istituto.

Sono dati che mostrano la “profonda crisi” in cui si trova l’istituzione, secondo una dichiarazione “scioccata” di Georg Bätzing, presidente della Conferenza episcopale tedesca. «Gli scandali di cui ci rammarichiamo all’interno della Chiesa e di cui noi stessi siamo responsabili in misura significativa, si riflettono nel numero delle partenze», ha detto Bätzing, aggiungendo che non solo i parrocchiani che non frequentavano la chiesa da molto tempo, ma anche tante persone che fino ad ora erano «molto coinvolte».

Rifiuto di invertire il processo

Secondo Bätzing, ciò significa che il processo di rinnovamento che la Chiesa cattolica tedesca ha intrapreso nel 2019 a seguito di una denuncia sugli abusi sessuali sui minori all’interno dell’istituto «non è ancora entrato in contatto con i credenti». E ha aggiunto che è necessario dire addio all’idea che il numero dei praticanti salirà di nuovo e che le chiese saranno riempite di nuovo, anche se allo stesso tempo ha affermato che le statistiche costituiscono per lui un mandato per «continuare con coraggio il cammino intrapreso».

Dati devastanti

Secondo il portale Katolisch.de, la situazione è insostenibile. Il numero delle persone che hanno abbandonato la Chiesa è devastante: con 359.338 persone totali, 138.000 in più rispetto all’anno precedente che hanno lasciato la Chiesa. Dieci anni fa, se un totale di 138.000 persone avesse lasciato la Chiesa sarebbe stata una cifra molto preoccupante. Alle “dimissioni” poi si devono aggiungere i morti e, quindi, il vero totale è di quasi 550.000 cattolici in meno rispetto all’anno precedente. Nessuna organizzazione può permettersi un calo del genere per molto tempo.

Rispetto all’anno precedente, c’è stato un forte aumento di matrimoni e cresime, i cui numeri erano crollati a causa delle restrizioni dovute alla pandemia di covid-19. Anche le prime comunioni sono leggermente aumentate. Tuttavia, è stata amministrata solo la metà dei battesimi. (Fonte)

Abbonati alla rivista..c’è lo sconto!

 


Potrebbe interessarti anche