giovedì 01 dicembre 2022
  • 0
NEWS 19 Luglio 2022    di Redazione

400 Km in carrozzina al Cammino di Santiago. «Non ero sola, ma sulle ginocchia di Maria»

Marie-Caroline è una donna francese di 37 anni nata con una disabilità fisica che la costringe a dover sempre usare una sedia a rotelle. Ma questa non è stato un impedimento nel suo pellegrinaggio in solitaria lungo il Cammino di Santiago fino alla tomba dell’apostolo. 400 chilometri per abbandonarsi completamente a Dio, uscire dalla propria zona di comfort per vivere l’imprevisto e lasciarsi aiutare dagli altri. Questa giovane donna ha lasciato León e ha percorso le strade della Castiglia con la sua sedia elettrica e poi le complicate montagne che danno accesso alla Galizia, fino a quando ha finito per percorrere le strade della Galizia giungendo a Santiago. Un’impresa complicata per un disabile che percorre da solo un percorso non facile.

Secondo Famille Chrétienne, l’unica cosa che aveva preparato in linea di principio era dove alloggiare, poiché doveva essere sicura di poter ricaricare la sedia a rotelle elettrica ogni notte. Per il resto, avrebbe dovuto vivere l’attimo, con percorsi di 30 o 40 chilometri lungo sentieri o passi di cui non aveva certezza che la sua sedia potesse superare. «Non ero sola, ma sulle ginocchia di Maria. Ho anche portato con me, attraverso la preghiera, i bambini degli slum di Manila che sono accuditi da padre Dauchez e con i quali ho potuto scambiare opinioni via video pochi giorni prima della mia partenza», racconta. Inoltre, ricorda che anche i suoi amici gli avevano affidato numerose intenzioni di preghiera per portare l’apostolo Giacomo. «Quando avevo freddo, quando ero stanca e fradicia, mi aggrappavo a tutte quelle persone che contavano su di me: erano la mia ragione per andare avanti, davano un senso a tutti i momenti difficili», aggiunge.

Mentre Marie-Caroline era in pellegrinaggio per tre settimane attraverso le terre di Spagna, una moltitudine di persone ha pregato per lei e l’ha accompagnata spiritualmente: la sua famiglia, gli amici, le comunità religiose, le scuole, i gruppi di preghiera… Non si è mai sentita sola da quando il Signore ha messo le persone lungo la strada per aiutarla in ogni situazione che lo richiedeva. Che si trattasse di superare sentieri con sassi o troppo fango, per potersi coprire in caso di pioggia, per raggiungere la cuccetta di notte o anche per superare un pendio troppo ripido per la batteria della propria sedia…

«Essere dipendente mi predispone necessariamente a incontrare persone!», dice. E così è stato. Mai in quelle tre settimane le è mancata una mano che l’aiutasse nel suo pellegrinaggio. Ecco come la vede lei: «Abbiamo tutti bisogno di aiuto. Chiedo aiuto nella mia vita quotidiana, e in cambio sono fonte di guarigione per alcune persone, perché offrendo la mia dipendenza si creano legami forti, creando momenti di fiducia. Risveglio l’umanità di chi non ha mai avuto l’opportunità di aiutare una persona dipendente e per il quale è molto difficile entrare nell’intimità di un altro. Allora ci troviamo direttamente nelle nostre debolezze. Ho sempre pregato lo Spirito Santo di indirizzarmi alla parola giusta».

Lungo tutto il percorso, ha vissuto bellissime sorprese che ha potuto godere e assaporare grazie alla sua predisposizione ad avere il cuore aperto all’imprevisto. «Mentre camminavo verso Santiago ho incontrato san Francesco d’Assisi: tutto è iniziato con l’incontro con un frate francescano a León che mi ha rivelato che il Cammino di Santiago era un modo per fare pace con le proprie paure perché impediscono il bene, la ricezione dell’Amore di Dio. Ho dovuto chiudere il capitolo attuale della mia vita e aprirne uno nuovo», commenta questa giovane cattolica francese.

Inoltre, l’ultimo consiglio che il sacerdote gli ha dato ha segnato il suo pellegrinaggio: «Abbi il coraggio di prenderti del tempo per contemplare lo spirito di Dio nella creazione». E così ha fatto, prima attraverso i campi di Castiglia e poi attraverso i verdi paesaggi della Galizia come se fosse un segno di Resurrezione, trasformandosi in grazia. E c’è un grande aneddoto legato a questo consiglio, perché il suo orologio si è fermato quindi vide più chiaramente quel segno di prendersi il suo tempo durante il Cammino. Dio è amore, ma anche umorismo, crede Marie-Caroline. «Sentivo che la pianificazione di tutto fosse un ostacolo alla grazia, quindi ho cancellato tutte le mie prenotazioni negli ostelli. Il Signore mi stava chiamando alla vera resa, non alla tiepidezza. Più siamo poveri, più siamo capaci di vedere i doni che Dio ci fa e io ho potuto meravigliarmi del creato», conferma.

La giovane è arrivata a Santiago due giorni prima del previsto e nel mezzo di un forte acquazzone. Nella Plaza del Obradoiro, davanti alla cattedrale, ha incontrato molte delle persone che ha incrociato durante il suo pellegrinaggio. «Piangiamo di gioia! È una gioia difficile da spiegare… Il Cammino di Santiago è un vero cammino di pace», conclude.

Abbonati alla rivista!


Potrebbe interessarti anche