domenica 01 agosto 2021
  • 0
NEWS 27 novembre 2020    di Redazione

5 a 4, la Corte Suprema Usa vota in difesa della libertà di culto

La Corte Suprema nella tarda serata di mercoledì ha vietato le restrizioni ai servizi religiosi a New York che il governatore Andrew M. Cuomo aveva imposto per combattere il coronavirus. Il voto è stato di 5 a 4, con il giudice capo John G. Roberts Jr. e i tre membri liberali della corte in dissenso. Il voto è stato il primo in cui il nuovo membro della corte, il giudice Amy Coney Barrett, ha svolto un ruolo decisivo. La sentenza della corte suprema è in contrasto con quelle precedenti riguardanti le chiese in California e Nevada. In quei casi, decisi a maggio e luglio, il tribunale ha consentito ai governatori degli stati di limitare la partecipazione alle funzioni religiose.

Da allora i membri della Corte Suprema sono cambiati, con il giudice Barrett che succede al giudice Ruth Bader Ginsburg, morta a settembre. Anche nei casi precedenti il ​​voto era 5 a 4, ma nella direzione opposta, con il presidente della Corte Suprema Roberts che si univa al giudice Ginsburg e agli altri tre membri di quella che allora era l’ala liberale della corte. In un parere non firmato, la maggioranza attuale ha affermato che le restrizioni applicate da Cuomo hanno violato il Primo Emendamento sul libero esercizio della religione. Il giudice Neil M. Gorsuch ha detto che Cuomo ha trattato le attività secolari in modo più favorevole di quelle religiose. «È tempo di chiarire che, mentre la pandemia pone gravi sfide, non c’è mondo in cui la Costituzione tolleri editti esecutivi codificati a colori [anche negli Stati Uniti hanno utilizzato i colori per definire zone e divieti. Ndr] che riaprono negozi di liquori e negozi di biciclette ma non chiese, sinagoghe e moschee», ha scritto il giudice Gorsuch.

L’ordinanza del tribunale ha riguardato due richieste: una presentata dalla diocesi cattolica di Brooklyn, l’altra da due sinagoghe, un’organizzazione ebraica ortodossa e due cittadini. Entrambe le richieste affermavano che le restrizioni di Cuomo violavano le protezioni costituzionali per il libero esercizio della religione, e quella delle sinagoghe aggiungeva che Cuomo aveva «individuato una particolare religione a cui dare la colpa per un aumento di una pandemia a livello sociale». Le restrizioni sono rigide. Nelle “zone rosse”, dove il rischio di coronavirus è più alto, non più di 10 persone possono partecipare alle funzioni religiose. Nelle “zone arancioni” la partecipazione è limitata a 25. Questo vale anche per le chiese che possono ospitare più di 1.000 persone. Le misure sono state indotte in gran parte dall’aumento dei casi di coronavirus nelle aree ebraiche ortodosse, ma hanno riguardato tutti i “luoghi di culto”.

Chiedendo alla Corte Suprema di intervenire, gli avvocati della diocesi hanno sostenuto che le loro «chiese spaziose» erano più sicure di molte «attività secolari che possono aprire senza restrizioni, come negozi di animali, uffici di intermediazione, banche e simili». Una messa di un’ora, dicono dalla diocesi, è «più breve di molti viaggi in un supermercato o in un grande magazzino, per non parlare di un lavoro dalle 9 alle 5». (Fonte)


Potrebbe interessarti anche