venerdì 23 febbraio 2024
  • 0
NEWS 18 Gennaio 2024    di Louis Raphaël Sako

Il peggio che è accaduto ai cristiani iracheni negli ultimi vent’anni

Per gentile concessione dell’autore pubblichiamo l’intervento del cardinale Sako sulla situazione dei cristiani in Iraq

Le osservazioni che seguono non hanno altro scopo che quello di contribuire alla comprensione dell’attuale realtà e di sollecitare una saggia e attenta revisione da parte di tutti per trovare chiare soluzioni pratiche per il bene comune, soprattutto per proteggere  i cristiani e le minoranze.

I cristiani sono nel cuore dell’Iraq e all’origine della sua antica civiltà. Costituiscono una parte essenziale del variegato tessuto culturale, sociale, nazionale e religioso dell’Iraq e del suo patrimonio di civiltà: caldeo, assiro, siriaco, arabo, curdo, turkmeno, yazidi, mandeo… I cristiani per natura amano la vita, la natura e la conoscenza. Sono noti per essere pacifici e non attaccano nessuno. Rispettano gli altri e li considerano fratelli e sorelle. La loro sincerità e lealtà parla di loro. Ne parlano anche tutte le scuole di alto livello, gli ospedali professionali, i dipendenti onesti, gli orfanotrofi, le case di cura per anziani ed emarginati, per non parlare delle opere di beneficenza, in particolare “Caritas”.

 Il PASSATO GLORIOSO

Questa terra, prima che i musulmani vi arrivassero dalla penisola araba a metà del VII secolo, era cristiana e ricca di monasteri, chiese e scuole, (vedi il libro di Muhammad Said al-Tarihi, Monasteri e luoghi cristiani a Kufa e dintorni, Beirut 1981). I cristiani accolsero i musulmani e aprirono le loro scuole, i centri culturali e gli ospedali. Tradussero le scienze greche in siriaco nella “Casa della Saggezza” e le esportarono in Occidente. Così pure sottolineo il ruolo influente dei ministri cristiani precedenti, di medici e farmacisti, economisti e giuristi, scrittori, artisti, musicisti, ingegneri, storici, linguisti, archeologi e operatori turistici (alberghi e ristoranti), nonché abili costruttori che hanno costruito molte moschee musulmane, soprattutto a Mossul.

I musulmani ripetono spesso alle orecchie dei cristiani: «Voi siete rose e sale della terra» e l’elogio del Corano per loro: «Troverai che quelli che sono vicini per affetto a quelli che hanno creduto sono coloro che dicono «noi siamo Cristiani» (Surah della tavola imbandita 85), nei loro cuori «c’è compassione e misericordia» (Surah del ferro 27),  è il riflesso di questo rispetto e onore per loro. Non sarebbe forse più degno conservare questo “tesoro” e di non sprecarlo!

I califfi discutevano i problemi della gente e li risolvevano davanti alle loro case, nella moschea o nella pubblica piazza secondo una legge consuetudinaria che era stata trasmessa, e in un modo tipico per ottenere giustizia! Quanto siamo lontani da questo modello! La storia di un Paese inizia quando ottiene la libertà e l’indipendenza sul suo territorio. Quando approva la propria “costituzione”, le proprie leggi, il rispetto delle norme di giustizia e i diritti dell’uomo le libertà. Queste sono regole fondamentali per una società armoniosa con pieni diritti di cittadinanza.

L’AMARO PRESENTE E L’INCERTO FUTURO

I cristiani hanno pagato un prezzo pesante negli ultimi vent’anni. I loro dolori rimarranno vivi nella loro memoria per molti anni.

  1. Nei mesi di giugno e agosto 2014, elementi dell’ISIS hanno sfollato 120.000 cristiani da Mossul e dalle città della Piana di Ninive. Nei tre anni della catastrofe e dopo la liberazione, la Chiesa rimase sola con loro e con molte famiglie musulmane, e fornì loro aiuto e continua a farlo. Dopo la liberazione nel 2017, ha riparato le case, le scuole e le chiese, mentre il governo centrale non ha offerto loro nulla, anzi li ha lasciati davanti alla scelta di emigrare o affrontare il loro destino come se fossero estranei al Paese.
  2. Rapimenti, uccisioni e riscatti, tra cui religiosi, incitamento all’odio, casi di conversione religiosa forzata, il sequestro delle loro risorse, case e proprietà, e il controllo di milizie armate (in particolare la milizia babylon) sulle loro città nella piana di Ninive e il loro dominio su di esse per guadagni materiali e politici, che hanno fatto sì che un certo numero dei residenti sfollati si rifiutasse di tornare alle loro case, preferendo rimanere nella regione del Kurdistan!
  3. La milizia “Babylon”. È un peccato che i governi che si sono succeduti abbiano abbandonato i cristiani a causa della competizione per i “seggi”, le “quote”, i benefici privati e la corruzione dilagante, e abbiano praticamente e politicamente consegnato gli affari e le capacità dei cristiani alla milizia “Babylon” sostenuti da esso e da altri in modo che loro potessero essere i soli. Alcuni funzionari sostengono che il conflitto è cristiano-cristiano, ma è un discorso vuoto. Il conflitto è interno alla milizia Babylon, appartenente alla Mobilitazione Popolare militare, guidata dal cosiddetto Rayan, che si dichiara cristiano e caldeo, ma è completamente lontano dalla vera morale cristiana, e la sua abitudine di falsificare i fatti e le sue bugie sono infinite. Se una persona perde la sua morale, perde se stesso. È un vero peccato che “Rayan” sia riuscito, con mezzi maligni, a guadagnarsi la lealtà di alcuni chierici con privilegi finanziari, per trasformare il conflitto tra lui e la Chiesa caldea in un conflitto interno tra le chiese, ma ciò non è possibile, perché la Chiesa caldea è cosciente di questo e anche la maggior parte delle chiese. I cristiani lo respingono, si  rifiutano di averlo come loro tutore, e sono risoluti di fronte a lui. I fedeli cristiani distinguono le persone oneste dagli opportunisti, cioè il “buon pastore dal mercenario” (Gv 10,11-12), e non ascoltano coloro che lo seguono! Questi esempi rimangono nella memoria delle persone.
  1. Ritiro dei decreti. La decisione del Presidente della Repubblica, Dr. Abdul Latif Rashid, di ritirare il Decreto (147) dal Capo della Chiesa Caldea sotto la pressione del capo del “Babylon” e dei suoi quattro deputati, e poi dal resto dei vescovi che prendevano di mira i cristiani, sebbene Sua Eccellenza fosse obbligato a rispettare questi decreti storici che hanno ottenuto legittimità, anche se non li aveva emanati? Questa decisione affrettata e senza precedenti da parte del Presidente della Repubblica non poteva essere immaginata!
  2. Come non pensare ai gemiti del matrimonio di Qaraqosh (settembre 2023), come la gioia si sia trasformata in funerale e la vita in morte (133 morti e un numero enorme di feriti), e ancora a ripetere che l’incidente è avvenuto per caso!

Qui mi chiedo: Chi ha chiuso gli occhi con una manciata di soldi non dovrebbe riconsiderare tutto con senso critico?  Questi attacchi “pubblici” e altri hanno causato lo sfollamento di oltre un milione di cristiani. La maggior parte di loro sono il fior fiore intellettuale, economico e qualificato, e l’emorragia dell’emigrazione continua, e potrebbe svuotare il paese di loro e delle minoranze in pochi anni!

POSIZIONE DEL GOVERNO E SOLUZIONE

Una questione di tale gravità e importanza obbliga l’attuale governo ad assumersi la sua responsabilità nazionale e legale adottando misure pratiche e chiare per rendere giustizia ai cristiani, salvarli, affrontare la loro situazione con fermezza, recuperare le loro proprietà usurpate, condurre un’indagine sugli abusatori commisurata alla punizione con l’abuso commesso e compensare con l’entità del danno, e rassicurarli di un futuro migliore in una vita dignitosa e sicura sulla loro terra!

Il primo provvedimento è quello di ritirare le milizie, soprattutto Babylon, dalla Piana di Ninive e sostituirle con la polizia federale. Questo è ciò che ho chiesto al governo precedente e i vescovi della Piana di Ninive hanno chiesto all’attuale governo. Questa procedura è l’inizio della soluzione. Che la milizia “Babylon” si dedichi a lavorare sotto il controllo della Mobilitazione Popolare militare e obbedisca agli ordini del Comandante in Capo delle Forze Armate, e lasci che le questioni cristiane siano ai cristiani e allo Stato per risolverle attraverso il dialogo e la collaborazione con buona volontà e non con l’esclusione!

Nonostante tutta questa ingiustizia e questo dolore, i cristiani hanno ancora la speranza che l’ingiustizia, la corruzione e la menzogna non prevalgano, ma che prevalga la verità, l’onesta e la giustizia, e che il sole sorga di nuovo e torni la pace e la sicurezza nel nostro Paese, e le persone godano del bene.

Da parte nostra, non cederemo al male, né perderemo la speranza, perché alla fine arriva il “giudizio di Dio”, il vero garante della verità, quando la giustizia degli uomini è incapace!

(Fonte foto: Imagoeconomica)


Potrebbe interessarti anche