lunedì 06 dicembre 2021
  • 0
NEWS 30 Settembre 2021    di Redazione

Dopo 70 anni identificati i resti di Padre Kapaun, il cappellano che ha dato la vita per i soldati in guerra

Il Servo di Dio Emil Kapaun, cappellano dell’esercito americano, morto in un campo di prigionia in Corea del Nord dopo una vita donata totalmente ai soldati in guerra, sarà finalmente sepolto mercoledì, ben 70 anni dopo la sua morte.

Emil Joseph Kapaun è nato il 20 aprile 1916 a Pilsen, in Kansas  in una famiglia cattolica, originaria della Repubblica Ceca.

Fu battezzato  nella chiesa di San Giovanni Nepomuceno, ha frequentato la scuola cattolica, con tre suore Adoratrici del Preziosissimo Sangue di Cristo. Scelse San Giuseppe come suo patrono. Un estratto dei suoi scritti mentre era diacono, suggerisce l’impatto che la sua educazione ha avuto sulla sua fede cattolica : «Gesù ha voluto mostrare che la vita semplice, umile è molto gradita a Dio. La volontà di Dio era che la Santa Famiglia vivesse una vita di povertà e di umile lavoro. La vita della Sacra Famiglia era una vita semplice; non è stato segnato dagli onori e dal fascino che il mondo può dare, ma è stato segnato dalla pace e dalla santità di Dio. La vita della Sacra Famiglia è stata una vita di vera felicità. Per avere felicità nelle nostre famiglie cristiane dobbiamo praticare la virtù del sacrificio».

Padre Kapaun è stato ordinato sacerdote dal Vescovo Christian Winkelmann nel 1940 nella St. John’s Chapel nel campus del Sacred Heart College a Wichita, ora Newman University e si è unito al Corpo dei Cappellani dell’Esercito degli Stati Uniti solo quattro anni dopo, dopo aver prestato servizio come cappellano ausiliario in una vicina base aerea dell’esercito. Il suo primo incarico fu all’estero durante la fine della seconda guerra mondiale; servendo sia in Birmania che in India, viaggiava spesso per migliaia di miglia per incontrare soldati in combattimento. È stato promosso al grado di capitano il 3 gennaio 1946 e iniziò il suo servizio al Corpo di artiglieria contraerea a Fort Bliss, in Texas, nel 1948.

Padre Kapaun partì per il Giappone nel 1950 per aiutare le forze di pace della 1° Divisione  a soddisfare i bisogni spirituali delle truppe celebrando la Messa e confessando.  La situazione cambiò radicalmente quando la Corea del Nord comunista invase la Corea del Sud il 25 giugno 1950. L’unità di padre Kapaun, l’8° reggimento di cavalleria fu assegnata ad aiutare la Corea del Sud. In una lettera al suo vescovo, il cappellano scrisse: «Domani andremo in combattimento. Ho tutto in ordine… È edificante il modo in cui i soldati cattolici si stringono attorno al prete».

Data la gravità della situazione sul terreno, padre Kapaun si diede da fare e per quattro mesi ha assistito centinaia di soldati morti e feriti tra il caldo estremo e la pioggia torrenziale. Padre Kapaun ha rischiato la vita per offrire i sacramenti alle truppe nascoste nelle trincee, trasportando sulla propria schiena soldati feriti e seppellendo i morti – da entrambe le parti . Ha anche scritto lettere personali alle famiglie dei militari che erano morti, per raccontare ai parenti che il loro figlio o coniuge era morto con la consolazione degli ultimi riti e con un prete al suo fianco.

Come mostrano le foto d’archivio, Padre Kapaun celebrava la Messa sul cofano della Jeep – un giorno il suo veicolo e il kit per la Messa vennero rubati mentre correva per fuggire dal nemico, quindi prese la decisione di portare sempre con sé il Santissimo Sacramento, insieme agli olii sacramentali e agli oggetti necessari alla Messa per averli sempre a portata di mano.

Con l’arrivo dell’inverno, molte truppe pensavano che la guerra stesse per finire. Il giorno di Ognissanti, padre Kapaun ha celebrato la messa per i suoi soldati. Le forze statunitensi sul campo a fianco delle Nazioni Unite avevano fermato l’avanzata della Corea del Nord e la maggior parte delle truppe pensava che avrebbero trascorso il Natale a casa con le loro famiglie. Ma, durante la notte 20.000 soldati cinesi invasero il campo, cogliendo di sorpresa 2.000 soldati americani mentre proteggevano la città di Unsan.

Padre Kapaun è entrato in azione, aiutando a portare in salvo i feriti e offrendo l’estrema unzione ai morenti. È stato catturato una volta, ma è fuggito quando i soldati statunitensi hanno risposto al fuoco. Ascoltava le confessioni tra gli spari.

Padre Kapaun è stato catturato per la seconda volta poco prima dell’alba. Centinaia di soldati catturati, ora prigionieri di guerra, avevano iniziato la “marcia della morte” verso il campo, camminando per 87 miglia mentre soffrivano di congelamento e per le ferite di guerra. Chiunque non fosse in grado di camminare veniva immediatamente ucciso e padre Kapaun prese a portare quelli che cadevano sulla sua schiena, chiedendo ad altri soldati di radunare l’ultimo briciolo di forza che potevano per fare lo stesso. Per questo motivo, molti di coloro che sarebbero morti lungo la strada sono arrivati ​​al campo di prigionia n. 5 a Pyoktong, in Corea del Nord.

Fu al campo di prigionia 5 che l’eroismo disinteressato di padre Kapaun emerse in pienezza. Impiegando alcune delle abilità che aveva acquisito crescendo in una fattoria, si svegliava ogni giorno prima dell’alba e, anche con temperature sotto zero, scioglieva la neve per dare acqua pulita da bere per gi suoi soldati. Con vecchie lamiere di ferro creò dei contenitori per lavare i vestiti degli infermi e dei feriti. Per aiutare coloro che soffrivano la fame, padre Kapaun cercava nel campo grano, soia, sale e altre provviste, pregando sempre il Buon Ladrone, San Disma, prima di intraprendere una delle sue missioni.

Padre Kapaun è stato un faro di speranza per tutti i soldati del campo di prigionia. Si adoperava sempre per nutrire le anime degli uomini. Sebbene fosse proibito, celebrò una messa pasquale per i soldati nel 1951, ricordando loro le sofferenze che Cristo ha sopportato per loro e la nuova vita portata dalla risurrezione.

Dopo poche settimane si ammalò gravemente, a causa di un coagulo di sangue alla gamba e di una polmonite. Soffriva molto. Quando le guardie carcerarie si resero conto delle sue condizioni dissero che doveva andare “all’ospedale”, un eufemismo per indicare le camere della morte. I suoi compagni di prigionia si opposero, ma padre Kapaun li ha rassicurati dicendo: «Non preoccupatevi per me. Sto andando dove ho sempre voluto andare e quando ci arriverò dirò una preghiera per tutti voi».

Quasi in lacrime i soldati chiesero di portare loro stessi padre Kapaun, il loro amato cappellano, alla Casa della Morte.  Il 23 maggio 1951 – dopo aver impartito la benedizione –  il cappellano Kapaun morì da solo, esausto per i suoi anni di servizio ai suoi uomini e a Dio. Aveva 35 anni.

Padre Kapaun è stato dichiarato “Servo di Dio” da Papa Giovanni Paolo II nel 1993. Con almeno due miracoli attualmente allo studio, il processo di canonizzazione di questo compassionevole sacerdote continua soprattutto ora che è tornato a casa. (Fonte)


Potrebbe interessarti anche