lunedì 23 maggio 2022
  • 0
NEWS 5 Aprile 2022    di Redazione

«A Hollywood cristianesimo sempre più sotto attacco»

«Le due società principali… che sono proprietarie di tutto, compresi i nostri media, vedono un’opportunità per indottrinare i bambini in tenera età per scopi politici», ha dichiarato l’attrice a The Christian Post. «Questo è quello che penso stia succedendo. È plasmare un mondo che si allontana dalla famiglia di una casa cristiana. È davvero una cattiva intenzione».

I continui attacchi al cristianesimo, ha detto l’attrice 50enne, hanno acceso in lei la passione di lottare per contenuti positivi ed edificanti e di “non compromettere” le sue convinzioni per il bene della sua carriera. «Recentemente sono stata molto esplicita su come vedo la direzione in cui sta andando Hollywood. Sento che c’è un attacco al cristianesimo e questo mi fa davvero desiderare di parlare della mia fede. Sento che ci deve essere libertà di religione per continuare a vivere la nostra fede nel modo in cui vogliamo farlo. Semplicemente non prenderò più parte a nessuna di queste sciocchezze».

Baker parla per esperienza. L’attrice, esperta e nota per i suoi ruoli in Charmed, Will & Grace e nella sitcom di Disney Channel Good Luck Charlie, ha rivelato di aver sentito la pressione di recitare in «ruoli sessualmente compromettenti», qualcosa che si è rifiutata di fare. «In realtà non era altro che porno. E non avevo intenzione di farlo. È stato disgustoso per me», ha detto. «Mi sono stati offerti ruoli… che sono molto carichi di lussuria e sessualità. Ed è qualcosa che non voglio che i miei figli vedano. Non ho intenzione di farlo. Ciò non significa che non farò cose che non sono adatte ai bambini, ma semplicemente non ho intenzione di compromettere chi sono per la carriera. Semplicemente non lo farò».

Ora, l’attrice, che con la sua famiglia si è recentemente trasferita da Los Angeles a Nashville, recita nella commedia per famiglie Family Camp, un film che, secondo lei, riflette i suoi valori e le sue convinzioni. Secondo la sinossi del film, la famiglia vive un’avventura non pianificata dopo che il loro pastore «incoraggia la congregazione a iscriversi per una settimana al campo famiglia». È lì che «la protagonista crede di aver trovato la cura perfetta per il suo clan imperfetto, anche se preferirebberotutti essere dovunque tranne il rustico Camp Katokwah».

«Non girerò nessun film se (il film) non parla al mio cuore, ha un buon messaggio e supporta una voce cristiana. A questo punto della mia carriera, non sono interessata», ha detto Baker. «Vedo solo come sta andando il mondo. Una volta era: “Beh, questo non è un brutto film e ha un buon messaggio, quindi lo farò”. Ma ora, è molto diverso. Ora, osservo in profondità il messaggio, i contenuti e l’argomento. E se non è in linea con i miei valori, non scenderò a compromessi».

Baker ha detto di essere stata attratta da questo film per come la sua sceneggiatura fosse divertente la sceneggiatura per come trattasse il cristianesimo, con rispetto senza fare proselitismo. «Non avevo mai visto una commedia cristiana prima», ha specificato. «Ci sono molte voci sul cristianesimo e su Gesù… che semplicemente non sono vere. Penso solo che sia davvero importante invitare le persone al tavolo. La cosa grandiosa di questo film è che non vuole convincere nessuno a essere cristiano. Non sta spingendo verso una religione. Alla fine della giornata, questo è un film davvero bello e divertente che piacerà a tutti, indipendentemente dalla fede».

La commedia, ha detto, è un ottimo modo per abbattere le barriere in una società sempre più divisa. «Quando vengono girati questi film basati sulla fede, vengono apparecchiate le tavole solo per le persone che sono già pronte da mangiare», ha affermato. «Ma dobbiamo sistemare dei posti vuoti al tavolo e invitare altri a venire e unirsi. E sento che la commedia lo fa. Non è ridere di Dio, non è ridere di Gesù; siamo noi umani che ridiamo di noi stessi e delle debolezze che commettiamo, e della folle camminata che intraprendiamo in questa vitae di quanti errori commettiamo».

Baker ha aggiunto: «Sono entusiasta di vedere i cristiani usare i loro talenti e fare buoni film perché puoi fare un film cristiano al giorno, ma se non è un buon film +, le persone non lo vedranno. La gente lo prenderà in giro».

La scorsa settimana delle riprese video trapelate hanno mostrato un funzionario Disney che si vantava di adeguare le produzioni all’agenda gayper quanto riguarda la programmazione per bambini. La società ha recentemente promesso online che «il 50% dei personaggi regolari e ricorrenti nei contenuti sceneggiati della Disney General Entertainment proverrà da gruppi sottorappresentati» entro il 2022, inclusi più personaggi Lgbt. All’inizio di quest’anno, Disney Plus, un servizio di streaming a marchio “famiglia”, ha iniziato a presentare contenuti per un pubblico maturo, comprese scene di sesso esplicito e una scena di strip club.

Alla luce di queste tendenze, Baker ha sfidato i cristiani a sostenere l’intrattenimento basato sulla fede, sottolineando che «questo è il momento per i cristiani di rendersi conto che è qui che la tua voce può essere ascoltata: la sentiranno al botteghino. Sento che è importante che tutti rimangano saldi nella loro fede. È molto importante che anche i cristiani difendano tutta la libertà religiosa.Ma le persone stanno cedendo alla paura. Le chiese stanno cedendo alla paura. E questo non è il momento di cedere. Questo è il momento di rimanere saldi nella nostra fede».

Fortunatamente c’è ancora chi ha il coraggio, tra gli attori, di denunciare il marcio di Hollywood – dove pure esiste qualche voce fuori dal coro -, richiamando l’importanza di altri valori. Che oggi, evidentemente, sono sempre più sotto attacco.


Potrebbe interessarti anche