martedì 20 ottobre 2020
  • 0
NEWS 4 luglio 2017    
A Messa non si va vestiti come in spiaggia. In Messico c’è chi lo ricorda davanti a ogni chiesa. E da noi?

«Rispettare la celebrazione eucaristica» e presentarsi a questo momento con un abbigliamento curato e dignitoso, così come si fa naturalmente quando si partecipa a eventi importanti e solenni. Il richiamo che venne dalla diocesi messicana di Aguascalientes, nel 2014, dopo i lavori del suo terzo Sinodo, per bocca del vicario generale Raúl Sosa Palos, resta più che mai valido. Sosa ricordò allora alcune indicazioni di base e di minimo decoro, tra cui non entrare in Chiesa in bermuda o pantaloncini corti per gli uomini, evitare abiti troppo corti e scollature troppo pronunciate per le donne.

La diocesi fece esporre queste indicazioni sulla porta di ingresso di ogni chiesa. Non solo, quindi, delle grandi e storiche Cattedrali, meta di turisti, come avviene in Italia. Con il conseguente sbracamento a cui si assiste, soprattutto in estate, in parrocchie e chiese “ordinarie”.

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Per navigare controcorrente.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: