venerdì 23 ottobre 2020
  • 0
NEWS 18 luglio 2014    
Abito religioso, questo sconosciuto. Anche per i nuovi consultori della Congregazione dei religiosi

Nella foto, due dei nuovi consultori della Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica nominati mercoledì scorso: suor Lourdes Grosso García, dell'Istituto Id di Cristo Redentore, direttrice del Segretariato per la vita consacrata della Conferenza Episcopale Spagnola; padre José Cristo Rey García Paredes, clarettiano, vice direttore dell'Istituto teologico di vita religiosa di Madrid.

Codice di diritto canonico (669 - §1). «I religiosi portino l'abito dell'istituto, fatto a norma del diritto proprio, quale segno della loro consacrazione e testimonianza di povertà».

Dalla lettera di Giovanni Paolo II al cardinale Ugo Poletti, 8 settembre 1982: «L’abito ecclesiastico, come quello religioso, ha un particolare significato: per il sacerdote diocesano esso ha principalmente il carattere di segno, che lo distingue dall’ambiente secolare nel quale vive; per il religioso e per la religiosa esso esprime anche il carattere di consacrazione e mette in evidenza il fine escatologico della vita religiosa. L’abito, pertanto, giova ai fini dell’evangelizzazione ed induce a riflettere sulle realtà che noi rappresentiamo nel mondo e sul primato dei valori spirituali che noi affermiamo nell’esistenza dell’uomo. Per mezzo di tale segno, è reso agli altri più facile arrivare al Mistero, di cui siamo portatori, a Colui al quale apparteniamo e che con tutto il nostro essere vogliamo annunciare. […] Nella moderna città secolare dove si è così paurosamente affievolito il senso del sacro, la  gente ha bisogno anche di questi richiami a Dio, che non possono essere trascurati senza un certo  impoverimento del nostro servizio sacerdotale. In forza di queste considerazioni, sento il dovere, come  Vescovo di Roma, di rivolgermi a lei, signor Cardinale, che più da vicino condivide le mie cure e sollecitudini nel governo della mia diocesi, perché, d’intesa con le Sacre Congregazioni per il Clero, per i Religiosi e gli Istituti Secolari e per l’Educazione Cattolica, voglia studiare opportune iniziative destinate a favorire l’uso dell’abito ecclesiastico e religioso, emanando a tale riguardo le necessarie disposizioni e curandone l’applicazione…».  

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Per navigare controcorrente.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: