venerdì 23 ottobre 2020
  • 0
NEWS 7 luglio 2014    
Agosto, il Papa beatifica 124 martiri coreani. Una troupe di Seoul viene a Roma per un film e riscopre la fede

In febbraio Papa Francesco ha approvato il decreto che riconosce il martirio di 124 laici coreani, Paolo Yun Ji-chung e 123 suoi compagni, uccisi in odium fidei in Corea tra il 1791 e il 1888. I 124 martiri coreani saranno quindi dunque presto beati, anzi prestissimo: in agosto.

La visita del Papa nel Paese asiatico passerà anche dal santuario di Jeoldusan uno dei luoghi “caldi” del martirio cristiano; qui, infatti, decine di cristiani furono decapitati durante le persecuzioni perché fedeli a Cristo e alla Chiesa.

Anche in previsione di questo importantissimo evento, la Munhwa Broadcasting Corporation, rete televisiva nazionale di Seoul, capitale della Corea, ha recentemente inviato a Roma una troupe per preparare due ore di filmati sulla figura del Pontefice e sui luoghi dei martiri coreani. Durante la lavorazione, la troupe si è avvicinata sempre di più alla Chiesa: «Quando torno a casa - dice uno dei giornalisti - voglio tornare alla parrocchia che ho abbandonato anni fa». Una vicenda bellissima, un piccolo grande tassello nella storia affascinante e toccante della Chiesa di questo Paese ai “confini del mondo” dove, tra mille traversie, la fede comunque cresce e prospera.

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Per navigare controcorrente.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: