lunedì 06 dicembre 2021
  • 0
NEWS 28 Giugno 2021    di Redazione

Al capezzale di Lady D ci fu un prete cattolico

Il prossimo 1 luglio Diana Spencer , meglio conosciuta come Lady D, o semplicemente come Principessa Diana del Galles, avrebbe compiuto 60 anni, ma un incidente d’auto di 24 anni fa a Parigi, come tutti sanno, le fu fatale.

Ora che questo anniversario si avvicina, la stampa britannica offre maggiori dettagli su un evento che ha segnato profondamente la società. Era molto amata dagli inglesi e alla fine è la madre del futuro re d’Inghilterra.

Come ricostruisce Religion en libertad, il quotidiano Daily Mail in questi giorni ha pubblicato le testimonianze delle persone che sono state con Diana nei suoi ultimi istanti di vita. Ed è sorprendente che uno di questi personaggi fosse un prete cattolico, che di fronte all’urgenza e alla mancanza di un cappellano anglicano a Parigi dovette farsi carico di restare accanto a Lady D nel suo letto d’ospedale.

Questo sacerdote era padre Yves-Marie Clochard-Bossuet (fotto sotto), che attualmente serve nella parrocchia parigina di Notre-Dame-Des-Foyers.

Mentre l’autista e Dodi Al Fayed, il compagno di Lady Di, sono morti sul colpo nell’incidente stradale avvenuto nella galleria che passa sotto il Ponte de l’Alma a Parigi, la guardia del corpo che li accompagnava e Diana sono sopravvissuti all’impatto. E iniziò rapidamente una corsa per cercare di salvare le loro vite, sebbene la situazione fosse già segnata da una gravità quasi senza speranze.

Fu allora che entrò in scena questo prete cattolico, che mai avrebbe immaginato di finire in questa storia. Vivendo vicino all’ospedale Pitié-Salpêtrière di Parigi, il sacerdote si era offerto da tempo volontario come cappellano di turno nei fine settimana.

Quella notte il suo telefono squillò alle due del mattino. Rispose e dall’altra parte della linea c’era, come riportato da Famille Chretienne, il direttore dell’ospedale.

LA TELEFONATA

«Puoi darmi l’indirizzo di uno dei tuoi colleghi anglicani?», chiese frettolosamente il direttore al prete. «Risposi», dichiara padre Clochard-Bossuet, «che non avevo un nome anglicano a portata di mano e aggiunsi: ‘Non dovresti avere il numero di un prete anglicano?’ Mi disse: “Non risponde”. E io: “Mi dispiace”. E riattaccai».

Appena tre minuti dopo il suo telefono squillò di nuovo. Era di nuovo il direttore dell’ospedale: «Puoi venire al posto del prete anglicano?»

«Sì, ma perché?»

«Non te lo posso dire», gli rispose il direttore.

Allora padre Clochard-Boussuet: «È curioso che tu non possa dirmelo, perché se devo vedere una persona alle due del mattino vorrei sapere chi è». A questo punto il prete è venuto a pensare che il suo interlocutore fosse ubriaco: «Se non puoi dirmi il nome o il motivo, sono le due del mattino, allora stai scherzando».

Ma molto seriamente il direttore rispose: «Te lo dico. Lei è la Principessa del Galles». A questo punto il sacerdote si convinse che il direttore lo stesse davvero prendendo in giro e riattaccò il telefono. Tuttavia, padre Clochard-Bousset si sentiva irrequieto. Nello stesso momento in cui il manager aveva parlato con il sacerdote, la principessa Diana era arrivata in ospedale viva, seppur con una grave emorragia interna.

Il telefono di padre Clochard-Bossuet squillò di nuovo: «Padre, mi dispiace molto, ma quello che ti ho detto è vero». E gli assicurò che l’ambasciatore britannico lo stava aspettando, e che era già in ospedale implorandolo di andare perché la situazione medica era molto grave.

Fu allora che il prete si convinse che non fosse una bugia, si vestì in fretta e furia e partì per l’ospedale. Avvicinandosi ha visto molto movimento e furgoni con antenne paraboliche. «Allora è vero», disse a se stesso.

VEGLIANDO IL SUO CORPO

Alle 3.30 del mattino il sacerdote arrivò al reparto di chirurgia dell’ospedale. Intorno alle 4:20, è stato scortato al primo piano da un’infermiera, dove si trovavano alti funzionari, tra cui il ministro degli Interni francese, Jean-Pierre Chevènement e l’ambasciatore britannico che gli chiese di pregare per Diana.

Quest’ultimo disse: «Ora ti accompagniamo nella stanza dove si trova Diana». Gli chiesero di pregare e vegliare su di lei finché non fosse stato trovato un prete anglicano. Padre Clochard-Bossuet  accettò e alle 4,41 era già accanto al corpo della defunta principessa. Rimase con lei per dodici ore.

«Fu lì che la vidi per la prima volta», ricorda padre Clochard-Bossuet. «Il suo corpo era completamente intatto, senza segni, macchie o trucco. Completamente naturale. Era una donna molto bella ed era quasi come se potessi parlarle», ricorda.

Padre Clochard-Boussuet non aveva una buona opinione della principessa: «Tutte queste foto, amanti… di una donna che è la madre di un futuro re. Non si stava comportando bene». Ma tutto questo si è dissolto quando si è trovato faccia a faccia con lei.

Da solo davanti a Lady D, il prete pensò ai suoi figli, i due giovani principi. Mentre il prete cattolico vegliava su di lei, il ministro Chevènement dall’ospedale annunciava al mondo la morte della principessa. Padre Clochard-Bossuet a sua volta, dall’intimità della stanza in cui si trovava accanto a lei, raccomandò la sua anima a Dio.

LA GRATITUDINE DELLA MADRE DI LADY D

«Per padre Yves, con la mia gratitudine per sempre, per aver pregato con la mia amata Diana», è questo il testo dell’augurio di Natale che Frances Shand Kydd, madre di Diana (nella foto sotto con insieme alla figlia), convertita al cattolicesimo, ha poi inviato a questo sacerdote. Come emerge da alcune lettere e documenti che sono stati resi pubblici.

Un rapporto epistolare che finirà per diventare un’amicizia tra la madre della principessa e il prete cattolico che l’accompagnò per dieci ore dopo la sua morte.

Padre Yves, così colpito dalla reazione dei media intorno al caso, chiese poi il permesso di trascorrere alcune settimane di preghiera a Medjugorje. Ma prima decise di scrivere alla madre della principessa. «Ho un cugino inglese ed è stato lui a dirmi che la madre di Diana era una cattolica convertita con una fede forte. Mi ha suggerito di scrivergli», ricorda al Daily Mail

«Ho scritto una lettera molto formale dandole tutti i dettagli [del giorno della morte di Diana]. Volevo dire a sua madre che le infermiere che si erano prese cura di lei avevano fatto molto bene. Non c’era niente di cui lamentarsi [anche se] si trattava di una stanza d’ospedale e non di Buckingham Palace. E gli ho detto che avevo pregato e che ero rimasto fino all’arrivo del principe Carlo».

Il sacerdote non si aspettava una risposta, supponendo che fosse una delle tante lettere che la madre avrebbe ricevuto in quei momenti: «Ma solo pochi giorni dopo ho ricevuto da lei una lettera commovente. Mi ha ringraziato perché sono stato il primo a dargli informazioni direttamente». Nessun altro l’aveva contattata. Non la direzione dell’ospedale, non i medici, non Buckingham Palace. Era anche contenta che ci fosse stato un prete cattolico.

LA MESSA SEGRETA

La madre di Diana, sorprendentemente, chiese al sacerdote se avesse potuto celebrare una messa privata presso l’ospedale dove era morta Diana, chiedendogli di tenerlo segreto.

La madre di Diana arrivò a Parigi tre settimane dopo la morte della figlia . «L’ho presa all’aeroporto Charles de Gaulle con la mia piccola Peugeot 206. L’ho riconosciuta subito. Assomigliava molto a sua figlia. Era molto alta, molto bionda, e mi ha visto avvicinarmi a lei. Indossavo un impermeabile (per nascondere il colletto) perché avevo paura che i giornalisti ci vedessero. Si avvicinò a me e mi aprì il cappotto per vedere il mio collo e confermare che ero il prete. Con lei, in quel modo, il ghiaccio si è rotto velocemente», aggiunge oggi padre Clochard-Boussuet .

La messa “segreta” ebbe luogo il giorno successivo. E da quel momento è nata un’amicizia in cui circa due volte l’anno il sacerdote cattolico che vegliò su Lady D e la madre di Diana Spencers si sono visti.


Potrebbe interessarti anche