venerdì 23 ottobre 2020
  • 0
NEWS 5 febbraio 2018    di Giulia Tanel
Animali da salvare. A quarant’anni dalla 194

«Dio disse: “Facciamo l’uomo a nostra immagine, a nostra somiglianza, e domini sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo, sul bestiame, su tutte le bestie selvatiche e su tutti i rettili che strisciano sulla terra”» (Gen, 26).

Questo noto e importante passaggio della Bibbia ha sempre portato a ritenere l’uomo superiore agli animali. Tuttavia, oggi la piramide che vedeva l’uomo posto al vertice pare non essere più valida: uomini e animali sono sempre più spesso affiancati, ritenuti degni di uguale dignità.

Anzi, talvolta viene pure il dubbio che ora siano gli uomini a servizio degli animali, non più viceversa: basta fare caso a quante persone si trovano costrette a portare fuori il cane nelle rigide sere d’inverno, oppure a quanti scelgono il luogo di vacanza in funzione degli animali domestici o, ancora, a quanti percorrono le vie della città con un passeggino (!) con dentro il loro amico a quattro zampe… Ma, se questi possono risultare per alcuni dati poco oggettivi, stiamo ai numeri: secondo le ultime statistiche in Italia ci sono ben 60 milioni di pet, quindi di fatto un rapporto 1:1 con i cittadini.

Sorprende dunque fino a un certo punto il fatto che – a seguito dell’enorme pressione delle associazioni animaliste -, a partire dal prossimo 6 febbraio la Protezione Civile avrà tra i suoi doveri anche quello di soccorrere e assistere gli animali. A sancirlo è il Decreto Legislativo n. 224, pubblicato in Gazzetta Ufficiale con il titolo “Codice della protezione civile”, il quale all’art. 1 cita: «Il Servizio  nazionale  della  protezione  civile, di seguito Servizio nazionale, definito di pubblica utilità, è il sistema che esercita la funzione di protezione  civile costituita  dall’insieme delle  competenze  e  delle  attività volte  a  tutelare  la  vita, l’integrità  fisica,  i  beni,  gli  insediamenti,  gli  animali e l’ambiente dai danni o dal pericolo  di  danni  derivanti  da  eventi calamitosi di origine naturale o derivanti dall’attività dell’uomo».

Siamo ormai al paradosso: per legge, gli animali vanno salvati; invece i bambini nel grembo materno, quelli che alcuni si ostinano ancora a definire “grumi di cellule”, possono essere uccisi: in Italia, a quarant’anni dall’approvazione della legge 194, il numero di morti innocenti ammonta a più di sei milioni, aborti clandestini e aborti chimici (con spirale, pillola del giorno dopo o dei cinque giorni dopo…) esclusi.


Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Per navigare controcorrente.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: