martedì 20 ottobre 2020
  • 0
NEWS 17 settembre 2020    di Redazione
Annullamento record di abbonamenti Netflix dopo la prima di “Cuties”

Lo scorso fine settimana la cancellazione degli abbonamenti Netflix negli Stati Uniti ha battuto il record negli ultimi anni, dopo le polemiche generate dalla premiere di “Cuties”, film accusato di promuovere la pedofilia sessualizzando le protagoniste femminili. Secondo i dati dell’azienda YipitData «i tassi di abbandono degli abbonati Netflix hanno iniziato ad aumentare il 10 settembre, il giorno dopo il lancio di “Cuties” su Netflix, quando l’hashtag “#CancelNetflix” era nel posto più in voga su Twitter».

«Sabato 12 settembre, il tasso di cancellazione di Netflix negli Stati Uniti è balzato a quasi otto volte i livelli medi giornalieri registrati nell’agosto 2020, raggiungendo il massimo degli ultimi anni», ha detto l’azienda che analizza i dati sul comportamento di milioni di consumatori americani. Ha inoltre specificato che, poiché «l’hashtag #CancelNetflix continua ad essere un trend sui social network, è possibile che l’alto tasso di abbandono continui nei prossimi giorni». YipitData non ha fornito stime del numero di clienti che hanno annullato l’iscrizione al servizio e Netflix non ha nemmeno segnalato la situazione.

Cuties è un film scritto e diretto dalla francese-senegalese Maïmouna Doucouré. È stato originariamente presentato in anteprima al Sundance Film Festival a gennaio di quest’anno e dal 9 settembre può essere visto su Netflix. Prima della sua uscita, migliaia di utenti dei social network hanno manifestato contro il film. Netflix è stata particolarmente criticata per aver promosso una “cultura della pedofilia” con il film, in quanto la descrizione – successivamente modificata – diceva che si trattava della storia di un gruppo di ragazzine di undici anni che “ballano sensualmente”. «Amy ha undici anni e vuole appartenere a un gruppo di ragazze della sua età che ballano in modo sensuale, quindi inizia a sfruttare la femminilità e sfidare la tradizionalità della sua famiglia», afferma la sinossi.

Allo stesso modo, è stata criticata l’immagine promozionale che accompagna il testo, che è stata definita inappropriata da innumerevoli utenti. Nell’immagine si vedono quattro ragazze poco vestite e in pose di danza erotiche.  Netflix si è scusato pubblicamente per la sinossi e per l’immagine promozionale, ma non ha rimosso il film. L’11 settembre, il senatore del Partito Repubblicano per lo Stato del Texas, Ted Cruz, ha chiesto al Procuratore Generale degli Stati Uniti di indagare se Netflix e Cuties «violassero una legge federale contro la produzione e la distribuzione di pornografia infantile».

Ad oggi, una campagna lanciata sulla piattaforma CitizenGO ha raccolto più di 230.000 firme, chiedendo a Netflix di «ritirare questa produzione altamente offensiva». Per partecipare alla campagna firmata CitizenGO che richiede che Netflix rimuova “Cuties” dal suo servizio, puoi andare QUI .

(Fonte)


Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Per navigare controcorrente.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: