giovedì 26 novembre 2020
  • 0
NEWS 5 maggio 2016    
Ascensione: solo il cristianesimo ha osato collocare un corpo d’uomo nella profondità  di Dio

dal discorso di Paolo VI ai partecipanti al Simposio sul mistero della risurrezione di Gesù, Roma 4 aprile 1970

 

«Non si tratta dunque soltanto della sopravvivenza gloriosa del suo io. Siamo in presenza di una realtà profonda e complessa, di una vita nuova, pienamente umana: “La penetrazione, la trasformazione di tutta la vita, compreso il corpo, per la presenza dello Spirito Santo […] Noi realizziamo questo cambiamento d’asse che si chiama fede e che, invece di pensare Cristo in funzione del mondo, fa sì che si pensi il mondo e tutte le cose in funzione di Cristo […] La Risurrezione sviluppa un germe da sempre presente in lui”. Sì, diremo con Romano Guardini: “La Risurrezione e la trasfigurazione ci sono necessarie per comprendere veramente cos’è il corpo umano […] in realtà, soltanto il cristianesimo ha osato porre il corpo nelle profondità più recondite di Dio” (R. Guardini, Il Signore)».

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Per navigare controcorrente.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: