domenica 09 maggio 2021
  • 0
NEWS 9 febbraio 2021    di Redazione

Australia, genitori rischiano il carcere se non assecondano il “genere percepito” dal figlio

Lo stato australiano di Victoria ha trasformato in legge un testo della sinistra radicale dopo un dibattito di 12 ore in parlamento. Il provvedimento rende illegale cercare di modificare o sopprimere l’orientamento sessuale o l’identità di genere di una persona nello stato di Victoria. Il disegno di legge deve ora essere firmato dal governatore dello Stato ed entrerà in vigore tra 12 mesi. Un testo simile è stato approvato lo scorso anno nello stato del Queensland, ma la legislazione vittoriana va ben oltre in quanto proibisce  “pratiche dannose” non solo nelle strutture sanitarie ma anche nelle chiese. Questo comprende «lo svolgimento di una pratica religiosa, incluso ma non limitato a, una pratica basata sulla preghiera, una pratica di liberazione o un esorcismo». I trasgressori rischiano multe fino a $ 200.000 e 10 anni di carcere.

Il procuratore generale Jaclyn Symes è fermamente convinto che il disegno di legge «non metta fuori legge la preghiera, suggerire il contrario – dice –  è una bugia». Ma la direttrice degli affari pubblici dell’arcidiocesi cattolica di Sydney Monica Doumit – che è anche avvocato – afferma che il testo stesso suggerisce qualcosa di contrario: «Ai sensi di questa legge sarebbe vietato qualsiasi intervento di salute mentale, ma anche l’esecuzione di una pratica religiosa, inclusa ma non limitata a una pratica basata sulla preghiera diretta a una persona, con o senza il consenso della persona, allo scopo di cambiare l’orientamento sessuale o l’identità di genere della persona». L’orientamento sessuale è definito in senso ampio come «l’attrazione emotiva, affettiva e sessuale di una persona o le relazioni sessuali intime con persone di sesso diverso o dello stesso sesso o più di un sesso», ha detto Doumit. In una colonna per The Catholic Weekly Doumit ha dettagliato un elenco di esempi di chi potrebbe essere penalizzato ai sensi della nuova legge, date le definizioni ampie e vaghe nel suo testo: a un genitore il cui figlio di cinque anni insistesse sul fatto di essere una bambina sarebbe impedito di cercare qualsiasi tipo di aiuto – medico, psicologico, comportamentale, spirituale, sociale o altro – per aiutare il figlio a capire e accettare che è un maschio. Sarebbe anzi proibito riferirsi a lui come maschio. Agli adolescenti cristiani impegnati a conservarsi in castità per il matrimonio sarebbe proibito di riunirsi per sostenersi a vicenda per rimanere fedeli al loro impegno. Non solo, a Courage, un apostolato per cattolici che provano attrazione per lo stesso sesso, ma che vogliono vivere castamente in conformità il loro credo, sarebbe vietato l’insegnamento della Teologia del Corpo. E in modo allarmante, le leggi attualmente redatte impedirebbero persino a uno psicologo di cercare di modificare le “attrazioni” di un pedofilo.

Doumit ha criticato il premier Daniel Andrews, osservando che «Egli crede che ci sia davvero qualcosa di sbagliato se sei una persona di fede o se hai la convinzione morale che il sesso sia sacro e non meramente un’attività ricreativa, e che la biologia è determinante per il sesso di una persona». Ha anche notato che non sarebbe necessario presentare alcuna denuncia affinché la Commissione vittoriana per le pari opportunità e i diritti umani semplicemente «inizi le proprie indagini, costringa alla produzione di documenti, comprese le omelie, e insista affinché qualsiasi pratica che trova per offendere la legge venga interrotta». Leah Gray, ex lesbica ora è sposata e mamma di un bambino, ha scritto un articolo lamentandosi del fatto che lei e altri come lei sono stati ora «cancellati dai politici vittoriani». Da bambina, Leah, ha anche sperimentato la disforia di genere. «Dieci anni fa ho chiesto volontariamente consiglio a psicologi, ministeri, reti di sostegno e persone che avevano camminato prima di me. È stato difficile, ma ho trovato sollievo e felicità. Ogni passo del mio viaggio diventerà illegale secondo il [disegno di legge] del governo vittoriano. Per la cronaca, nessuna di queste vie di supporto è mai stata dannosa o coercitiva. In effetti, la consulenza che ho ricevuto mi ha salvato la vita. Le persone ex LGBT come me sono la prova vivente che un cambiamento reale e duraturo è possibile, che i suicidi sono stati prevenuti e che è bene per le persone avere la libertà di scegliere il tipo di aiuto e supporto che desiderano, incluso quello di tipo religioso», afferma la Gray.

La donna ha poi sottolineato che l’impulso per questa proposta di legge in primo luogo è stato un documento di ricerca del 2018 della Human Rights Law Alliance e della Trobe University basato sull’esperienza di sole 15 persone. Gray e la sua organizzazione, Free to Change, hanno prodotto il loro documento di ricerca, che hanno basato sulle risposte di 78 persone che erano state enormemente assistite dai «benefici salvavita» della consulenza per disforia di genere indesiderata o desideri omosessuali. La loro ricerca è stata ignorata dal governo. (Fonte)


Potrebbe interessarti anche