domenica 27 settembre 2020
  • 0
NEWS 14 aprile 2020    
Benedizioni straordinarie per combattere il coronavirus

A Bologna, il Lunedì di Pasqua, l’arcivescovo Matteo Zuppi ha deposto davanti alla Sacra immagine della Beata Vergine di San Luca i nomi di quanti sono morti in queste settimane. Durante l’omelia della celebrazione eucaristica l’arcivescovo ha detto: «Un duello (Tra vita e morte) vero e reale, non virtuale. È quello che abbiamo visto in queste settimane entrare nelle nostre case e strappaci persone care. Una lotta che si è combattuta in tanti luoghi per difendere la vita. Ringraziamo quanti hanno aiutato in questo duello tra l’amore e la vita. Da che parte stiamo in questo duello? Non ci sono terze soluzioni. È un luogo, questo Santuario, che ci orienta nelle due dimensioni della nostra vita: quella terrena e quella spirituale. Ho imparato a capire dove sono a Bologna cercando dove è San Luca. Quando la vediamo capiamo dove siamo e quanto manca. Questa casa ci aiuta a orientarci in cielo e in terra». Terminata la messa, l’immagine della Madonna è uscita per benedire tutta la Diocesi accompagnata dal lancio di razzi colorati. Anche il Sindaco di Bologna, Virginio Merola, ha partecipato alla Messa e alla benedizione dal piazzale del Santuario.

A Caltanisetta, Giovedì Santo, giorno santissimo in cui viene commemorata l’Istituzione della Santissima Eucaristia e del Sacerdozio Cattolico, il Vescovo insieme al Clero e alle autorità cittadine si sono affidati completamente al Signore Gesù presente nel Santissimo Sacramento. Alle 11 di mattina è iniziata la processione del Vescovo Mario Russotto che recava l’ostensorio con Gesù Eucaristia fino a giungere alla Cattedrale di Santa Maria Nova. A mezzogiorno, dopo aver recitato alcune preghiere nella cappella di San Michele Arcangelo Patrono della Città, intonato il Tantum Ergo il Vescovo ha impartito la Benedizione Eucaristica al popolo e alla città dal portone del duomo con il Santissimo Sacramento. Successivamente il Venerdì Santo, 10 aprile, alle 17 nelle varie parrocchie è stata celebrata la Liturgia della Passione del Signore a porte chiuse e senza concorso dei fedeli. Al termine della Liturgia del Venerdì Santo, ogni parroco ha fatto l’ostensione della Croce percorrendo da solo alcune vie della parrocchia d’appartenenza.

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: