lunedì 06 dicembre 2021
  • 0
NEWS 8 Febbraio 2021    di Redazione

Bioeticisti inglesi contro l’interruzione del sostegno vitale a una bambina di 5 anni

In una dichiarazione del 4 febbraio, l’Anscombe Bioethics Center di Oxford, in Inghilterra, ha descritto il ragionamento etico alla base della decisione dell’Alta Corte di interrompere il sostegno vitale a una bambina, come «profondamente imperfetto». Un giudice ha emesso la sentenza l’8 gennaio dopo che gli specialisti dell’ospedale pediatrico di Londra hanno affermato che il trattamento di supporto vitale sarebbe dovuto essere interrotto per Pippa Knight, una bimba di 5 anni in stato vegetativo dopo aver subito un danno cerebrale. La BBC ha riferito il 27 gennaio che la madre della ragazza, Paula Parfitt, avrebbe presentato ricorso contro la decisione del giudice con il sostegno finanziario della Society for the Protection of Unborn Children (SPUC). Il gruppo pro-vita ha esortato le persone a inviare messaggi di sostegno a Parfitt. SPUC ha sostenuto la madre di Pippa affermando: «Non capiamo perché l’ospedale e il tribunale non abbiano permesso di verificare se Pippa poteva tornare a casa per essere assistita con tutta la sua famiglia intorno a lei, quando due medici indipendenti di ospedali inglesi rispettabili hanno affermato di ritenere che valesse la pena provare. Invece, il tribunale ha deciso che tutte le cure di Pippa dovrebbero cessare in modo che lei muoia».

Il giudice Nigel Poole, che ha presieduto un’udienza presso la Family Division della High Court di Londra a dicembre, ha affermato che gli specialisti dovrebbero continuare a curare Pippa mentre Parfitt organizza il suo appello. Pippa è nata nel 2015. A dicembre 2016 si è ammalata e ha iniziato a soffrire di convulsioni. I medici le hanno diagnosticato un’encefalopatia necrotizzante acuta, una rara forma di danno cerebrale caratterizzato da lesioni bilaterali multiple.

In un’analisi dettagliata della sentenza del tribunale, anch’essa rilasciata il 4 febbraio, il direttore dell’Anscombe Bioethics Center David Albert Jones ha affermato che il caso aveva somiglianze con quelli di Charlie Gard e Alfie Evans, in cui la ventilazione è stata interrotta contro la volontà dei loro genitori. Ha detto che la sospensione del trattamento di sostentamento vitale potrebbe essere giustificata se non serve più al suo scopo. «D’altra parte, la cessazione del trattamento di sostegno vitale quando il trattamento sarebbe benefico e non eccessivamente oneroso non è altro che abbandono», ha scritto. «Inoltre, anche se la revoca del trattamento è giustificabile, è importante che la decisione venga presa per le giuste ragioni. Nel caso di Pippa Knight, come nei due casi precedenti, il ragionamento etico è profondamente viziato». Jones ha osservato che la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia afferma che un bambino ha, «per quanto possibile, il diritto di conoscere ed essere assistito dai suoi genitori. Il diritto di Pippa di essere assistita dalla madre, per quanto possibile, include il diritto di Pippa di far prendere decisioni alla madre in relazione alle sue cure», ha aggiunto.

«È un diritto che viene violato quando le decisioni vengono tolte dalle mani di una madre senza un motivo molto serio». Lo stato può intervenire in “casi estremi”, ma non si deve «usurpare il ruolo del genitore a meno che non si possa dimostrare che il genitore è chiaramente irragionevole in modo tale che il bambino risulta in pericolo». Ha aggiunto: «Questo principio è accettato dalla legge inglese quando si tratta di questioni di protezione dei bambini e di custodia dei bambini. Tuttavia, in relazione al processo decisionale medico, la legge è stata seriamente distorta da una precedente sentenza in cui il giudice Holman ha affermato [in un caso del 2006] che i desideri dei genitori sono del tutto irrilevanti per la considerazione del superiore interesse oggettivo del bambino. Questa ampia dichiarazione ora deve essere qualificata, grazie alla sentenza [2017] della Corte europea dei diritti dell’uomo nel caso di Charlie Gard. Tuttavia, i giudici inglesi faticano ancora a riconoscere che rispettare la decisione del genitore significa rispettare il diritto del bambino di essere assistito dai genitori, per quanto possibile».

Jones ha osservato che gli esperti medici hanno offerto opinioni diverse sulla migliore via da seguire per la bambina di cinque anni della contea del Kent, nel sud-est dell’Inghilterra. «C’era accordo sul fatto che le condizioni di Pippa fossero statiche da ben più di un anno e che non ci fossero prospettive di miglioramento. C’era accordo sul fatto che prendersi cura di Pippa a casa non sarebbe stato semplice», ha scritto. «Nella migliore delle ipotesi sarebbe rischioso e potrebbe non essere possibile dal punto di vista medico. Tuttavia, più di un medico era del parere che valesse almeno la pena provare, dato che l’alternativa era la sospensione immediata della ventilazione».

«Dato che gli esperti medici avevano opinioni diverse, era chiaramente ragionevole che la madre di Pippa cercasse di seguire l’opinione che si accordava con la sua visione dell’interesse superiore del bambino. È ingiusto in un caso del genere che il giudice le tolga questa decisione». L’Anscombe Bioethics Center ha recentemente sollevato preoccupazioni in merito a una sentenza del tribunale separata che ha consentito la privazione di cibo e acqua da un paziente cattolico praticante. Il paziente, identificato solo come “RS”, è morto a gennaio nonostante gli sforzi dell’ultimo minuto da parte di vescovi e funzionari governativi per portarlo nella nativa Polonia per le cure. Concludendo la sua analisi, Jones ha dichiarato: «La decisione dell’Alta Corte è attualmente in appello. Resta da vedere se questa decisione profondamente viziata verrà ribaltata. Qualunque sia l’esito legale, lo staff dell’Anscombe Bioethics Center desidera esprimere la nostra solidarietà a Pippa, sua madre e tutta la sua famiglia mentre attraversano questo momento profondamente doloroso e assicurarli delle nostre preghiere per Pippa e per coloro che le stanno intorno». (Fonte)


Potrebbe interessarti anche