lunedì 26 febbraio 2024
  • 0
«Camera delle deputate e dei deputati», la nuova priorità del Pd
NEWS 8 Febbraio 2024    di Giuliano Guzzo

«Camera delle deputate e dei deputati», la nuova priorità del Pd

La cosa simpatica del Pd è che, se si ci pensa, sa sempre stupire. Si chiama democratico eppure silura le proprie esponenti che osano votare secondo coscienza – per maggiori informazioni chiedere alla consigliera del Veneto Anna Maria Bigon, rea d’essersi detta contraria al suicidio assistito –; attacca il centrodestra perché oggi lottizza la Rai, che però i progressisti hanno occupato indisturbato per decenni; vorrebbe rappresentare i precari ma è guidato da una segreteria che si affida ad una armocromista con compensi fino a 400 euro l’ora; si batte per i diritti delle donne e delle minoranze contro ogni violenza, ma fa finta di nulla quando, invece, a subire violenza sono i pro vita e le loro sede viene attaccata con le molotov.

Insomma, il Pd è davvero una forza politica curiosa. Difficile quindi stupirsi della nuova trovata partorita da via del Nazareno, vale a dire un disegno di legge che, intervenendo sulla Costituzione, è finalizzato nientemeno che a cambiare il nome della Camera dei deputati – nome storico, scritto per l’appunto in Costituzione – in «Camera delle deputate e dei deputati». La proposta è dei dem Gian Antonio Girelli e Sara Ferrari, con quest’ultima che ha spiegato come essa serva «a rendere visibili le donne in questo Paese, in particolare dentro un’Assemblea che fa le leggi, che è un’assemblea rappresentativa, che rappresenta uomini e donne e che quando è nata aveva al suo interno soltanto uomini».

Oggi invece, ha spiegato sempre l’onorevole Ferrari, in quell’assemblea «le donne ci sono e dunque crediamo che anche nella denominazione di questo luogo e di questa assemblea sia giusto riconoscere la loro presenza». Ora, con tutto il rispetto per le idee e le iniziative di ognuno, è davvero difficile cogliere in questo di ddl una dimensione di serietà. Non è un caso che, a quanto pare, la proposta non solo ha raccolto le critiche dai partiti della maggioranza, ma pare che pure perfino all’interno dello stesso Pd vi siano sì alcuni deputati la sostengono (è il minimo sindacale), ma anche altri che neppure vogliono commentarla ed altri ancora che non la ritengono una priorità.

Per carità, è vero che il Pd non è nuovo a iniziative legislative bizzarre – basti pensare alla proposta per rendere “Bella Ciao” riconosciuta «canto di valore istituzionale» -, ma con «Camera delle deputate e dei deputati», ecco, forse si è andati oltre. E il bello, quando si parla di donne e politica, è che a sinistra si son quasi sempre fatti soffiare i primati dal centrodestra. La prima donna presidente del Consiglio? Giorgia Meloni, come noto. La più giovane presidente della Camera? Fu Irene Pivetti, allora leghista. La prima sindaco donna di colore? È stata Sandy Cane, anch’essa proveniente dalla lega.

La stessa elezione alla segreteria del Pd di Elly Schlein è stata letta da più d’un osservatore come una sorta di risposta – o rincorsa – all’ascesa a Palazzo Chigi della Meloni. Senza dimenticare, infine, che è curioso che il Pd si dica ancora un partito per i diritti delle donne dal momento che diversi suoi esponenti – a partire dalla stessa segretaria Schlein – appoggiano una pratica barbara come l’utero in affitto (che preferiscono chiamare G.p.a., acronimo che riduce l’inciviltà della surrogata a “innocua” sigletta). Però, scusate, volete mettere ritrovarsi un domani a parlare di «Camera delle deputate e dei deputati»? Eh, quello sì sarebbe un gran passo avanti. Verso il ridicolo, però.

(Foto: Imagoeconomica)


Potrebbe interessarti anche