domenica 01 agosto 2021
  • 0
NEWS 22 settembre 2020    di Redazione

Tra i candidati di Trump alla Corte Suprema anche il giudice Barbara Lagoa. Anche lei cattolica

L’elenco ristretto di potenziali candidati alla Corte Suprema del presidente Donald Trump include anche il giudice Barbara Lagoa, una cattolica che ha parlato di come la sua fede abbia plasmato la sua carriera legale. Lagoa, 52 anni, è nata a Miami ed è figlia di immigrati cubani. Trump ha nominato Lagoa alla Corte d’Appello degli Stati Uniti per l’11° Circuito di Atlanta alla fine del 2019. In precedenza aveva prestato servizio come giudice presso la Corte Suprema della Florida, la prima donna ispanica a farlo.

Il presidente Donald Trump ha comunicato lunedì che annuncerà un candidato entro il 26 settembre per sostituire il defunto giudice della Corte Suprema Ruth Bader Ginsburg, morta venerdì sera. Trump ha fatto sapere che stava «considerando cinque, probabilmente quattro, giudici molto seriamente» per sostituire Ginsburg.

Il giudice Amy Coney Barrett, cattolica, madre di 7 figli che sostiene che «la carriera legale non è un fine, ma un mezzo, il fine è costruire il Regno di Dio» (ne parliamo qui) è uno dei candidati di punta, ma anche Lagoa è nella rosa dei candidati di Trump, e si dice anche che i legislatori della Florida stiano sostenendo la sua nomina.

Lagoa, che ha tre figli, ha parlato spesso dell’importanza della fede cattolica nella sua vita. Durante una cena dell’ottobre 2019 per la Thomas More Society, un’organizzazione di avvocati cattolici, Lagoa ha elogiato l’omonimo santo del gruppo come modello per i professionisti del diritto cattolico, che non dovrebbero separare la loro vita professionale dalla loro vita spirituale.

Della sua fede cattolica dice «è più che andare a messa ogni domenica, e almeno per me, significa avere un rapporto personale con Dio che a sua volta plasma il modo in cui trattiamo gli altri». Seguire l’umiltà di Tommaso Moro nella pratica legale «inizia con il ricordare a noi stessi, anche quando è più difficile, la dignità di ogni essere umano – anche il più difficile avvocato avversario – e aiuta anche a tenere presente che nessuno di noi è perfetto e che noi stessi possiamo contribuire a risolvere o a esacerbare una situazione difficile», ha detto.

Lagoa ha anche esortato gli avvocati a chiedere la guida dello Spirito Santo e i doni di saggezza, consiglio e fortezza nella vita quotidiana, secondo il Florida Catholic. «Penso che la cosa più importante che posso dire alle donne sui loro ruoli di leadership è la cosa che dico alle mie tre figlie, che è: non aver paura del fallimento, non aver paura di commettere errori, sii audace e prendi dei rischi», ha detto in un’intervista dell’aprile 2019. «Questa è l’unica cosa che posso dirti su tutte le donne che occupano posizioni di leadership; tutti hanno corso dei rischi … Niente è mai perfetto. Fallo e sarai felice di averlo fatto. Forse all’inizio fallirai, ma il fallimento porta anche all’apprendimento».

Dalla morte del giudice Ginsburg la scorsa settimana, le voci a favore della vita e dell’aborto hanno chiarito che la posizione di qualsiasi candidato sull’aborto sarà una questione chiave. Il rappresentante della Florida Matt Gaetz ha descritto Lagoa come «molto favorevole alla vita, in modo affidabile a favore della vita». Se la Corte Suprema revocasse la Roe v. Wade e rimuovesse la presunta protezione costituzionale per l’aborto, la legalità dell’aborto sarebbe soggetta alla regolamentazione stato per stato. Una dozzina di stati, tra cui New York e la California, hanno sancito il diritto all’aborto nelle proprie costituzioni. Altri stati, come l’Arkansas, hanno leggi che vieterebbero automaticamente l’aborto del tutto se il caso fosse ribaltato.

Sabato, Americans United for Life, un’importante organizzazione pro-vita, ha appoggiato il giudice Barrett e ha esortato il presidente Trump a nominarla. La probabile nomina da parte di Trump di un giudice della Corte suprema per sostituire Ginsburg è diventata oggetto di controversia, in un contesto politico e sociale statunitense già irritabile. Il leader della maggioranza del Senato repubblicano Mitch McConnell ha promesso venerdì che un candidato alla Corte Suprema di Trump sarà votato anche se mancano meno di sette settimane alle elezioni presidenziali del 3 novembre. (Fonte)


Potrebbe interessarti anche