giovedì 01 ottobre 2020
  • 0
NEWS 17 marzo 2020    di Redazione
Il cardinale dello Sri Lanka chiede un’indagine sul genocidio causato dal coronavirus

Il cardinale Malcolm Ranjith ha invitato le Nazioni Unite a condurre immediatamente un’indagine sul COVID-19, sostenendo che si tratta di una malattia creata dall’uomo e che i responsabili dovrebbero essere perseguiti per “genocidio”. Parlando in una messa televisiva il 15 marzo, l’arcivescovo di Colombo ha affermato che a paesi potenti non è permesso giocare con le vite di persone innocenti. Aggiungendo che la causa del coronavirus ritiene che sia una sperimentazione con la natura portata avanti senza scrupoli.

«Sappiamo che in diverse aree del mondo ricercatori di tutti i tipi, per varie ragioni, si stanno impegnando nella ricerca per distruggere la vita e la natura umana. Alcuni di questi virus sono il prodotto di esperimenti senza scrupoli», ha affermato il cardinale Ranjith. «Questo tipo di ricerca non viene svolto da persone nei paesi poveri, ma in laboratori nei paesi ricchi. Produrre tali cose è un crimine molto grave per l’umanità. Chiedo al Signore di rivelare chi ha prodotto questi semi velenosi. Le Nazioni Unite o le organizzazioni internazionali devono scoprire chi c’è dietro questi incidenti e punirli. Tali ricerche dovrebbero essere vietate».

I commenti del cardinale sono arrivati quando la chiesa dello Sri Lanka ha cancellato messe e altri servizi in tutte le parrocchie a causa di un rapido aumento dei casi di coronavirus nel paese. Sono stati cancellati tutti i servizi religiosi fino alla fine del mese. La decisione è arrivata nel bel mezzo della stagione quaresimale che prevede incontri comuni come la Via Crucis, pellegrinaggi quaresimali, meditazione di gruppo, servizi di guarigione e servizi di preghiera di gruppo.

In una conferenza stampa, il cardinale Ranjith ha chiesto a tutti i partiti politici di unirsi per combattere Covid-19, chiedendo alle persone di non raccogliere inutilmente beni extra. Il numero di infezioni nello Sri Lanka è salito a 18. La maggior parte dei pazienti era arrivata di recente dall’Italia. Il ministero dell’educazione ha deciso di chiudere tutte le scuole governative fino al 20 aprile, mentre anche le scuole a conduzione cattolica sono state chiuse. È stato introdotto un periodo di quarantena di due settimane per chi arriva dall’Europa. Il governo ha sottolineato l’importanza dell’uso dell’elettronica, della stampa e dei social media per educare le persone sul coronavirus.

Il vescovo Valence Mendis di Chilaw ha affermato che il 21 marzo è un giorno speciale di preghiera per i cattolici. «Chiedo a tutti voi di riunirvi per pregare per tutti noi in questo paese e per tutti coloro che soffrono di questa malattia in altri paesi», ha detto. Il vescovo Raymond Wickramasinghe di Galle, presidente della Commissione per i migranti, ha fatto appello per le preghiere per i lavoratori migranti e gli studenti che sono coinvolti nella pandemia in molte parti del mondo.

«Penso ai nostri numerosi fratelli e sorelle in tutto il mondo che non hanno accesso alle cure mediche perché vivono in condizioni di povertà», ha affermato Mons. Wickramasinghe. «Spero che vengano fatti sforzi per cooperare affinché tutti abbiano accesso a cure adeguate a preservare e ripristinare la propria salute». (Fonte)


Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Per navigare controcorrente.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: