lunedì 27 settembre 2021
  • 0
NEWS 13 settembre 2021    di Redazione

Cardinale Onaiyekan: l’Eucaristia non dovrebbe essere ricevuta indegnamente

I sacerdoti hanno il dovere di ricordare ai cattolici di non ricevere l’Eucaristia in stato di peccato grave e di rendere la confessione facilmente disponibile, ha detto il cardinale John Onaiyekan al Congresso eucaristico internazionale giovedì scorso. «È ancora dottrina della Chiesa che chiunque sappia di essere in uno stato di peccato grave, che lo allontana dall’amore di Dio, non dovrebbe andare avanti per ricevere la Santa Comunione solo per il fatto che tutti stanno andando».

«È necessario prima avvalersi del sacramento della riconciliazione con Dio mediante la confessione. Ma, sfortunatamente, quello che vediamo accadere è un flusso generale di persone che vanno a fare la Comunione a Messa, e sembra che non si preoccupino davvero di sapere se sono nello stato spirituale giusto per riceverla. È dovere dei pastori ricordarlo ai fedeli, senza introdurre inutili esagerazioni in materia. È anche dovere dei pastori rendere facilmente accessibile ai fedeli la confessione».

Il cardinale Onaiyekan è stato arcivescovo di Abuja dal 1994 al 2019, quando Papa Francesco ha accettato il suo ritiro all’età di 75 anni. Ha tenuto una catechesi di un’ora sulla dottrina cattolica riguardo l’Eucaristia al 52° Congresso Eucaristico Internazionale, che si è tenuto in Ungheria. Il cardinale, 77 anni, ha raccomandato ai sacerdoti di predicare sulla degna ricezione dell’Eucaristia in modo che le persone sappiano quando si trovano in una situazione irregolare e «adeguino il loro comportamento senza aspettare di essere pubblicamente chiamati fuori dai binari della Comunione. C’è un dibattito in corso in alcuni paesi sull’opportunità di impedire l’accesso alla Santa Comunione ad un politico che per ragioni politiche voti per una legge immorale», ha affermato il cardinale Onaiyekan.

«Se votare per una legge immorale, anche in uno stato laico, equivale a rendersi complice del delitto, allora avremmo a che fare con una decisione morale che è incompatibile con il ricevere la Santa Comunione. Ma da un punto di vista pastorale, non è così chiaro se nel caso tale persona si presentasse effettivamente alla balaustra dell’altare per la Comunione, dovremmo rifiutarci pubblicamente di dargli la Comunione, provocando così un grande clamore e scandalo. Sia sant’Agostino che san Tommaso d’Aquino propongono cautela nella gestione di tali casi». Il cardinale africano ha aggiunto che «un politico cattolico che non è d’accordo pubblicamente con la sua Chiesa su una questione morale dovrebbe fare bene a evitare di provocare deliberatamente polemiche intorno alla Santa Eucaristia».

Il cardinale Onaiyekan ha affermato che come vescovo ha fatto del suo meglio per incoraggiare i politici cattolici a «distinguersi sempre chiaramente e ad opporsi a qualsiasi legge contraria alla legge di Dio. Se, per ragioni politiche non è in grado di fermare una legge immorale, dovrebbe almeno essere registrato come contrario», ha aggiunto. «Una situazione recente che ha suscitato molto dibattito ha a che fare con la responsabilità dei politici cattolici di far rispettare le leggi della Chiesa nelle loro scelte e decisioni politiche, soprattutto per quanto riguarda il grave peccato dell’aborto», ha affermato il porporato.

Ha lamentato che l’aborto è considerato normale in molte «cosiddette nazioni sviluppate. Tuttavia, la posizione della Chiesa cattolica, che insiste risolutamente sul fatto che l’aborto è l’uccisione di bambini non nati innocenti, continua a reggere. Qualsiasi cattolico che abortisca, o che collabori all’aborto, dovrebbe sapere di aver commesso un omicidio e dovrebbe tenersi lontano dalla Santa Comunione, a meno che e fino a quando non si sia confessato», ha detto. «Non è così difficile tornare a Dio, anche dopo aver fatto una cosa del genere», ha aggiunto. «Il problema è quando le persone sono orgogliose di ciò che hanno fatto».

Il cardinale Onaiyekan ha affermato che la questione se un politico cattolico debba sempre necessariamente votare contro qualsiasi legge che permetta l’aborto o l’azione immorale è «più delicata e problematica. La questione importante qui è che, molto spesso, una volta entrati nell’arena della politica di partito, è necessario che la Chiesa stia attenta a non trascinare la Santa Eucaristia in dispute politiche, per non fare più danni di quelli che cerchiamo di evitare».

Onaiyekan è vescovo da 38 anni e in precedenza è stato presidente della conferenza episcopale cattolica nigeriana.  Ha affermato che la sua esperienza di vita a fianco dei musulmani in Nigeria, che insistono sulla legge della sharia, ha insegnato «utili lezioni su come non imporre le leggi religiose di una comunità di fede in una nazione multireligiosa. Vorrei avere il tempo di parlare della Nigeria e di ciò che Dio sta facendo in mezzo a noi, ma questo non è il mio compito per questa mattina».

«Nella Santa Eucaristia abbiamo un’intima unione con Gesù Cristo, il Figlio di Dio Padre, per azione dello Spirito Santo. In altre parole, abbiamo un’intima unione con la Santissima Trinità. Attraverso la Santa Eucaristia, Dio non solo viene a noi, ma Dio vive in noi e noi in lui», ha affermato il cardinale Onaiyekan. «Possiamo dire innanzitutto che, a rigore, nessuno è degno di ricevere la Santa Comunione. Siamo tutti peccatori davanti a Dio. Ecco perché quando, all’inizio della Messa, recitiamo il Confiteor – “Confesso a Dio Onnipotente” – dobbiamo farlo con sincerità. Non è solo una formalità», ha detto. «Dobbiamo ringraziare Dio per averci ammesso all’unione con Lui e averci reso degni di celebrare con Lui l’Eucaristia, per la sua misericordia». (Fonte)


Potrebbe interessarti anche