sabato 13 aprile 2024
  • 0
Caveziel: «”Resurrection” sarà il film più importante della storia»
NEWS 5 Settembre 2023    di Redazione

Caveziel: «”Resurrection” sarà il film più importante della storia»

«Non posso dirtelo. Se lo facessi, dovrei ucciderti», questa è stata la risposta data dal famoso attore Jim Caviezel (Jesus in The Passion e Tim Ballard in Sound of Freedom) all’ex legislatore repubblicano Devin Nunes quando è stato interrogato per l’uscita di uno dei film più attesi sul grande schermo, Resurrection. Un film carico di aspettative che ha visto il suo regista, Mel Gibson, affermare: «Sarà uno dei film più importanti della storia».

Le riprese avranno luogo a partire da gennaio 2024. Almeno questo è assicurato da portali specializzati come World of Reel o IMDB, il più grande database esistente sui film, secondo il quale le loro riprese e la loro uscita avranno luogo nel corso del prossimo anno, in attesa di conferma ufficiale. Ancora poco invece si sa del cast. Per il momento, lo stesso portale afferma che accanto a Caviezel nelle vesti di Gesù, si troveranno di nuovo presenti Maia Morgenstern come Maria e Francesco de Vito nel ruolo di Pietro, anche se ancora non è pervenuta alcuna conferma ufficiale.

Un’altra questione ancora dubbia, riguarda l’eventuale possibilità che il film sia diviso in più parti o meno. Lo stesso Caviezel ha menzionato la possibilità che potesse essere diviso fino a tre parti. Riguardo alla sceneggiatura, il famoso giornalista, critico cinematografico e creatore del prestigioso blog cinematografico World of Reel, Jordan Ruimy, ha sottolineato che la sua produzione è in corso da molto tempo, avendo Gibson lavorato su un massimo di sei bozze della sceneggiatura insieme allo sceneggiatore di Braveheart Randall Wallace.

Non c’è alcun dubbio invece sul titolo e sulla sinossi. Lo stesso Gibson ha confermato che si chiamerà Resurrezione e che si concentrerà sugli eventi che hanno seguito la passione e la morte di Gesù. La versione finale debutterà come era stato per La Passione, in ebraico, aramaico e latino. Tuttavia, il regista ha anche affermato di essere aperto a interpretazioni «profonde» di quegli eventi, con la possibilità che Resurrezione non sia una semplice descrizione lineare dei fatti. «È un argomento molto ampio e deve essere studiato perché non vogliamo fare una semplice rappresentazione, leggere quello che è successo. Sperimentare ed esplorare significati più profondi richiederà un po’ di lavoro», ha spiegato a Greg Laurie a Harvest Crusade, nel 2016.

Secondo Gibson, il film evidenzierà anche il periodo di tre giorni che inizia il Venerdì Santo, il giorno della morte di Gesù, e analizzerà perché i discepoli non hanno riconosciuto Gesù sulla strada per Emmaus. Il 29 agosto, Ruimy ha riferito che «la sceneggiatura sarà più filosofica e poetica di una storia semplice», sulla base delle dichiarazioni di Gibson che la Resurrezione sarebbe come un viaggio in cui Gesù sarebbe andato «in altri regni».

Nell’aprile di quest’anno, il regista e vincitore dell’Oscar ha ammesso a Outstanding Screenplays che il film «sarebbe arrivato molto presto», ma che non è qualcosa che può essere fatto «con leggerezza e rapidamente». «Devi davvero considerare cosa hai bisogno di mostrare per essere commovente. Non può essere lineare. È necessario avere molte cose da giustapporre tra loro, anche di epoche diverse», ha detto, «per il momento» paragona il suo lavoro a quello di «risolvere un autentico puzzle» dovendo decidere tra due delle sceneggiature che ha.

La Passione di Cristo è uno dei film indipendenti di maggior successo nella storia del cinema. Non avendo il sostegno di nessuno studio, Gibson stesso ha deciso di investire 30 milioni di dollari dalla tasca della propria società di produzione per l’uscita del film: al botteghino ha incassato più di 612 milioni di dollari. A questa grande cifra si deve aggiungere ciò che è stato ottenuto dal merchandising e dalla vendita del film in DVD, che i portali specializzati ammontano a un minimo di 125 milioni di dollari. (Fonte foto: ricerca immagini Bing licenza libera)

ABBONATI ALLA RIVISTA!


Potrebbe interessarti anche