venerdì 05 marzo 2021
  • 0
NEWS 20 gennaio 2021    di Redazione
Cina come il Grande Fratello. E Trump qualifica “genocidio” quello contro gli Uiguri

Un rapporto del partito conservatore britannico sulle violazioni dei diritti umani in Cina, pubblicato giovedì scorso, mira a mostrare la reale portata degli abusi promossi da Pechino nei confronti di milioni di cittadini cinesi; e sostiene le sanzioni internazionali e altre misure da adottare contro il regime comunista. Il rapporto di 87 pagine intitolato The Darkness Deepens – The Crackdown on Human Rights in China 2016-2020 e pubblicato dalla Commissione per i diritti umani del partito conservatore, fornisce prove di diffusi abusi dei diritti umani e atrocità tra cui pulizia etnica, espianti di organi, lavoro forzato (aiutato in larga misura da marchi globali), torture, arresti arbitrari, repressioni sulla libertà religiosa e confessioni forzate.

Come riportato da Edward Pentin sul National Catholic Register, l’ultimo governatore di Hong Kong dell’ex colonia britannica, Lord Christopher Patten, ha definito il rapporto un «rapporto profondamente studiato ed eccezionalmente ben informato» e che «fornisce una visione terrificante della crudeltà del regime brutale di Xi Jinping. Per preservare la sua presa sul potere, il Partito Comunista Cinese ha attaccato ogni segno di dissenso e ha iniziato a costruire uno stato di sorveglianza totalitaria oltre l’immaginazione di George Orwell», ha detto Patten, un cattolico che ha contribuito a riformare le comunicazioni vaticane negli anni 2010. Ha aggiunto che il rapporto «dimostra esattamente perché dobbiamo stare in guardia nelle democrazie per proteggere le nostre libertà e valori».

Intanto il Segretario di Stato americano, Mike Pompeo, ha annunciato in una dichiarazione di aver stabilito che la Cina, «sotto la direzione e il controllo del PCC (Partito Comunista Cinese), ha commesso un genocidio contro gli uiguri prevalentemente musulmani e altre minoranze etniche e religiose nello Xinjiang. Penso che questo genocidio continui e quello che stiamo vedendo sia un tentativo sistematico di distruggere gli uiguri da parte del partito-stato cinese», ha detto Pompeo. L’atto si configura come uno degli ultimi dell’amministrazione Trump che in questi giorni, precisamente lo scorso 17 gennaio, ha anche  proclamato anche la Giornata nazionale della sacralità della vita umana (22 gennaio).

Per tornare alla Cina e al «genocidio» degli Uiguri il Segretario Pompeo ha aggiunto: «I processi di Norimberga alla fine della seconda guerra mondiale hanno perseguito gli autori di crimini contro l’umanità, gli stessi crimini che vengono perpetrati nello Xinjiang», ha detto Pompeo. L’azione intrapresa martedì dal Dipartimento di Stato è insolita e potrebbe portare all’imposizione di nuove sanzioni alla Cina se così deciso dalla futura amministrazione di Joe Biden, che mercoledì presterà giuramento. Lo scorso agosto, un portavoce dei Democratici aveva già indicato che la politica di Pechino nei confronti degli uiguri poteva essere considerata “genocidio”. Secondo il New York Times, questa determinazione è la denuncia più dura mai avanzata da qualsiasi altro governo al mondo contro le politiche cinesi nello Xinjiang.

Rahima Mahmut, rappresentante del Congresso mondiale uigura che ora vive in esilio a Londra e separata dalla sua famiglia rimasta in Cina, raccoglie le storie di quello sta succedendo, direttamente dai suoi contatti e dice: «sono racconti provengono da campi di concentramento del 21 ° secolo, racconti strazianti di persone che hanno perso i propri cari, giovani e vecchi. Ogni uigura ha una storia simile, una più orribile dell’altra: gli effetti della brutale pulizia etnica e del genocidio che si sono verificati lì dal 2017 mentre il mondo ha chiuso gli occhi sulla sofferenza. La parte più dolorosa è non essere in grado di offrire parole di conforto e di speranza in mezzo al tormento. Dall’agosto 2018, quando le Nazioni Unite hanno riconosciuto che un milione di persone erano state internate in quelli che la Cina chiamava “campi di rieducazione”, un numero crescente di persone coraggiose ha lavorato per esporre la verità. Non hanno diritti umani. Non si tratta di violazioni. Semplicemente non hanno diritti umani. I nostri diritti umani fondamentali ci vengono portati via da questo regime brutale e crudele. Appena prima di iniziare Ho ricevuto un messaggio da qualcuno la cui madre, un medico, è scomparsa due anni fa e recentemente hanno appreso che è stata condannata a 20 anni di prigione. Quindi ci sono milioni di persone che soffrono in questo momento un dolore insopportabile e anch’io  sono tra loro».  (Fonte)


Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il Timone

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone dal tuo PC, da tablet o da smartphone

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: