domenica 27 settembre 2020
  • 0
NEWS 26 maggio 2020    di Redazione
Covid-19 e Nuovo ordine mondiale. E se fosse il crepuscolo del globalismo?

Pubblichiamo una nostra traduzione di un’editoriale di Ross Douthat, columnist del New York Times, dello scorso 23 maggio (QUI). Il tema riguarda le cosiddette teorie della cospirazione relative al Nuovo ordine mondiale al tempo del Covid-19. Davvero il globalismo liberal, le cui bandiere sono finanza senza confini, nuovi diritti per tutti e turismo, trae vantaggi dalla situazione attuale? Nonostante i vari tentativi, anche liberticidi e igienisti, di “puntellare il castello”, è molto probabile che gli afflati ideologici da open society perdano molto del loro fascino. Non ci avviamo verso una era post-liberale, né gli organismi transnazionali scompariranno, ma in un periodo di tempo medio-lungo la crisi economica e sociale potrebbe davvero non lasciare scampo a quello che Douthat chiama «amaro crepuscolo dell’era globalista» (Lorenzo Bertocchi).

(di Ross DouthatNew York Times) È un errore credere alla maggior parte delle teorie della cospirazione, ma è anche un errore presumere che non abbiano alcuna relazione con la realtà. Alcune sono solo emanazioni folli o disinformazione intenzionale. Altre esagerano e interpretano male le tendenze importanti piuttosto che negarle, o offrono spiegazioni plausibili per dei misteri che tuttavia persistono inspiegabili.

Questo è vero nell’era di Trump come in qualsiasi altro periodo. Gli extraterrestri probabilmente non sono tra noi, ma continuiamo a ricevere nuove prove che il fenomeno UFO è reale. QAnon [cospirazione che porta all’attenzione una ipotetica trama segreta organizzata da un presunto “stato profondo” contro il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e i suoi sostenitori, ndr] è una fantasia, ma il fatto che potenti predatori sessuali abbiano legami con presidenti, papi e principi è una dura verità post-Jeffrey Epstein.

A volte, tuttavia, le teorie della cospirazione sopravvivono alla realtà che una volta le alimentava, aumentando di popolarità proprio mentre il mondo reale sta rendendo irrilevanti le loro ansie. E qualcosa del genere potrebbe accadere proprio ora con il pensiero cospiratorio sul cosiddetto Nuovo Ordine Mondiale. Da un lato, il coronavirus sta ispirando un’ondata di “NWO paranoia”, una rinnovata paura delle cabala d’élite che aspirano a governare il mondo. Ma allo stesso tempo, l’attuale nuovo ordine mondiale, il sogno dell’integrazione globale e della governance transnazionale, si sta disintegrando sotto i nostri occhi.

Da quando il termine “Nuovo Ordine Mondiale” è stato coniato, la paranoia e i fatti reali sono sempre esistiti simbioticamente. La fantasia incombe, ma è stata incoraggiata da varie innegabili realtà: la crescita delle istituzioni transnazionali, il potere manifesto di una classe globale, l’espansione spesso non democratica dell’Unione Europea e l’ascesa della sorveglianza digitale e i legami che legano la Cina e gli Stati Uniti in “Chimerica”.

Ora sta ricevendo nuova vita dalla risposta al coronavirus, che viene usato come pretesto per una sorta di acquisizione da parte di una persona sola dei nostri dati- con Bill Gates e Anthony Fauci riconosciuti come potenziali menti dello schema “test and trace” per la sorveglianza permanente. Queste paure abbracciano lo spettro politico, ma poiché la sovra classe globale tende a essere secolare e ostile alla religione tradizionale, i timori del governo del mondo unico sono stati a lungo particolarmente forti (e conditi dall’ansia dei tempi finali) tra i cristiani conservatori. E nel momento attuale, con le chiusure delle chiese, tali paure hanno raggiunto persino la gerarchia cattolica, dove almeno due cardinali hanno firmato una dichiarazione scritta dall’arcivescovo Carlo Maria Viganò descrivendo i divieti imposti col coronavirus come un possibile «preludio alla realizzazione di un governo mondiale al di fuori di ogni controllo».

Ma a differenza degli anni ’90 o 2000, quando la paranoia del Nuovo Ordine Mondiale ha esagerato sviluppi e tendenze reali, nel momento attuale la realtà è l’opposto di ciò che si teme. Invece di portare a una sorta di consolidamento globalista, il coronavirus sta svelando la realtà dell’internazionalismo da ovunque lo si guardi. Il virus ha mostrato le entità globali come deboli e politicamente compromesse, nel caso dell’Organizzazione mondiale della sanità, o quasi irrilevanti, nel caso delle Nazioni Unite. Ha ripristinato o rafforzato i confini, ha impedito la migrazione, ha devoluto il potere da internazionale a nazionale e da nazionale a locale. (…) Sì, alcune forme di test and trace possono aumentare il potere di sorveglianza dell’industria tecnologica. Ma sotto ogni altro aspetto, le tendenze e le istituzioni che provocano la paranoia del nuovo ordine mondiale probabilmente emergeranno da questa crisi maltrattate, screditate o indebolite in modo permanente.

Lo stesso contrappunto si applica al suggerimento più ristretto e meno apocalittico che i blocchi della pandemia siano un’espressione del cosmopolitismo liberale della fase avanzata, dell’ossessione del tecnocrate liberale per la salute fisica e il controllo statale. In realtà, il liberalismo in fase avanzata è ossessionato dalla salute e dalla supervisione dello stato ai fini della liberazione personale, della ricerca del piacere, del turismo e del commercio. Quindi un periodo di blocco e confini chiusi non è l’apoteosi del cosmopolitismo liberale, ma la sua negazione temporanea.

(…) Quella negazione temporanea non significa che l’ordine liberale stia per lasciare il posto a una nuova era post-liberale, né la debolezza dell’OMS o dell’UE significa che il globalismo, ideologico e istituzionale, semplicemente scomparirà. Ma nell’era post-pandemia sia il liberalismo che il globalismo possono sembrare più come ideologie di zombi, fantasmi del passato più ambizioso e utopico, che forze ascendenti in grado di ispirare la speranza o la paura. E quelli che al momento li temono, fino al punto della paranoia e della cospirazione, possono rendersi conto che stavano scambiando degli spasmi per forza reale e l’amaro crepuscolo dell’era globalista per l’alba di un nuovo ordine mondiale.


Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: