domenica 29 novembre 2020
  • 0
NEWS 17 novembre 2020    di Redazione
Crew Dragon, il comandante è cattolico, e ha portato l’Eucarestia nello spazio.

È partita ieri la capsula Crew Dragon, prodotta dal progetto SpaceX di proprietà di Elon Musk. La navicella è stata lanciata dalla stazione di Cape Canaveral, verso la Stazione Spaziale Internazionale. A bordo della nuova capsula, battezzata ‘Resilienza’, sono presenti quattro astronauti, tra i quali Michael Hopkins, astronauta con già esperienza di sei mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) avvenuta nel 2013.

La notizia è su tutti i giornali, quello però che pochi sanno è che il comandante è un ex metodista convertito al cattolicesimo, e che nel 2013 è riuscito nell’impresa di portarsi nello spazio quello che aveva di più caro sulla terra, Gesù nell’Eucaristia. Hopkins è entrato a far parte della Chiesa cattolica nel 2012, così, quando ha scoperto che poteva portare con sé l’eucarestia nello spazio non ha esitato. Il National Catholic Register lo ha intervistato proprio su questo:

Com’è possibile che tu sia diventato il tipo di astronauta che porta Gesù nello spazio?
Beh, è una lunga storia. Sono cresciuto come metodista non praticante. Ho conosciuto mia moglie, Julie, al college. È cattolica, e abbiamo iniziato a frequentarci e alla fine abbiamo finito per sposarci e abbiamo deciso di crescere i nostri secondo gli insegnamenti della Chiesa. Non avevo intenzione di diventare cattolico, ma sentivo che era importante per i nostri figli rendersi conto che ciò che alla fine era rilevante era il loro rapporto con Dio.mE così abbiamo iniziato ad andare in chiesa regolarmente, alla chiesa cattolica, dove i nostri figli sono stati battezzati. Nel 2009 sono stato selezionato per diventare astronauta. Ci siamo trasferiti a Houston e siamo diventati membri della Chiesa Cattolica di Mary Queen, qui a Friendswood, una delle parrocchie locali. Per quanto riguarda la mia pratica religiosa, tutto era ancora più o meno lo stesso di sempre: andavamo in chiesa coi ragazzi, loro andavano al catechismo, ma io non facevo la Comunione perché non ero cattolico. E poi, nel 2011, sono stato assegnato a una missione alla Stazione Spaziale Internazionale. Stavo per partire e trascorrere sei mesi nello spazio, quindi si potrebbe dire che per quanto riguarda gli obiettivi di carriera e la mia famiglia, tutto era perfetto. Ed è vero, tutto andava bene, ma, per me personalmente, sentivo che mancava qualcosa. È stato difficile rendermene conto, ma alla fine ho capito che avevo bisogno di diventare cattolico. Volevo partecipare di più alla vita religiosa della mia famiglia. Credo che Dio abbia un modo di mettere nella vostra vita persone che ti aiutino quando ne hai bisogno. In questo caso, per me, è stato padre Skip Negley, che era il sacerdote di Mary Queen. La mia conversione non sarebbe mai avvenuta senza di lui, o sarebbe stata, credo, una lotta molto più grande o un processo molto più lungo.

Sono stato in grado di essere confermato nella Chiesa cattolica nel dicembre 2012. Una volta che sono stato confermato, però, devo ammettere, non ero ancora abbastanza soddisfatto – perché sapevo che sarei andato nello spazio per sei mesi. Così ho iniziato a fare la domanda: “C’è qualche possibilità che io possa portare l’Eucaristia con me nello spazio?”.  Ancora una volta, Dio ha un modo di mettere le persone nella tua vita quando c’è bisogno. E Chuck Turner [un diacono] e padre Jim [Kuczynski], che aveva sostituito Padre Skip, iniziarono a fare le domande dell’arcidiocesi: “Cosa dovremmo fare per permettere a Mike di prendere l’Eucaristia nello spazio?” Così hanno fatto davvero un sacco di lavoro per farlo accadere, e sono stato in grado di prendere una piccola pisside con me, che mi ha permesso di avere ben 24 opportunità di ricevere la Comunione in orbita. Sono stato in grado di prendere l’Eucaristia ogni settimana di quei sei mesi. Ci sono state un paio di volte in cui ho ricevuto la Comunione anche in occasioni speciali: ho fatto due passeggiate spaziali; così la mattina di entrambi quei giorni, quando sono uscito per la passeggiata spaziale, ho fatto la Comunione. È stato davvero utile per me sapere che Gesù era con me quando sono uscito dal portello nel vuoto dello spazio. E poi ho ricevuto la mia ultima Comunione nel mio ultimo giorno in orbita nella “Cupola”, che è questa grande finestra che guarda la Terra, e questo è stato un momento molto speciale prima di tornare a casa.

In che modo la NASA, un’entità molto scientifica, ha risposto alla tua conversione e al voler portare l’Eucaristia nello spazio?
La NASA è stata fantastica… Non avevano alcuna riserva su di me per il fatto che prendessi l’Eucaristia o che praticassi la mia fede in orbita. Certo, sono lì con un lavoro da fare, e devo farlo, ma non c’è stata alcuna interferenza. Ci sono un bel po’ di astronauti che sono molto religiosi. Stiamo esercitando la nostra fede. Non dobbiamo nasconderci.
Chissà se avrà fatto la stessa cosa anche con la Crew Dragon.


Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Per navigare controcorrente.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: