sabato 08 maggio 2021
  • 0
NEWS 25 gennaio 2021    di Redazione

Dalle maratone, al convento. Parla un medico specializzato ora suora di clausura

Nella sua testimonianza raccontata a Cloistered Lifequesta suora dice che credeva di essere molto felice della sua vita. A quanto pare aveva tutto: un buon lavoro, hobby, molti amici, soldi, poteva viaggiare… Per otto anni ha lavorato come fisioterapista in Minnesota. «Mi piaceva correre. Quando non lavoravo correvo. Non ho mai avuto problemi ad alzarmi alle 3:00 del mattino per correre per 29 km prima di andare al lavoro. La maratona (poco più di 42 chilometri) era la mia distanza e ne ho percorse otto in cinque anni».

Nonostante fosse cresciuta in una famiglia cattolica, il suo stile di vita l’ha portata ad «abbandonare la fede» e ad essere in una «situazione di stallo spirituale». Inoltre, dopo il college è diventata ossessionata dal suo aspetto, si è convinta di essere troppo grassa e di aver bisogno di fare esercizio fisico ancora di più.
Correre e controllare le calorie divenne un’ossessione, quindi non era più consapevole del danno che stava recando a se stessa.

Suor Marie Elizabeth ha affermato che in quel momento era propensa a quella che lei chiamava una «missione laica» e si è presentata la possibilità di unirsi a un gruppo di medici che svolgevano attività umanitarie in Guatemala. «Quello che ho scoperto lì è diventato un punto di svolta nella mia vita. Sapevo che la gente del Guatemala era molto povera, quello che non mi aspettavo era la loro gioia contagiosa. Come potevano essere così felici? Ben presto mi fu chiaro dove fosse la risposta. Avevano trovato tutta la loro gioia in una fede profondamente radicata. Questo mi ha colpito molto duramente».

È così che a poco a poco è tornata alla fede cattolica in cui era cresciuta e ha scoperto la Vergine Maria, che è stata la chiave in un momento specifico della sua vita. «All’epoca avevo un ragazzo che non condivideva la mia riluttanza nei confronti delle relazioni fisiche prima del matrimonio. In due momenti specifici, Maria è venuta in mio soccorso e ha preservato la mia verginità», ha ricordato.
Alla fine ha lasciato il suo ragazzo e sebbene sapesse che lasciarlo era il meglio per lei, era completamente devastata. Questo lo fece cercare ancora più rifugio in Dio. Cominciò ad andare a messa tutti i giorni e ad adorare il Santissimo Sacramento. In quel momento ha deciso di parlare con un sacerdote per spiegare il suo rapporto con la Vergine. Il sacerdote le chiese se il Signore poteva chiamarla a una vita di verginità: «Ho reagito con impulso e molta enfasi, dicendo “NO”». Ma la sua risposta è stata gentile e anche inquietante: «All’inizio neanche io volevo essere un prete, ma se è la volontà di Dio, Lui cambierà il tuo cuore».

Il suo processo di vocazione stava avanzando senza che lei se ne accorgesse. «Mio zio aveva risvegliato il mio interesse per un posto chiamato Medjugorje», ha detto. Così alla fine è andata in pellegrinaggio in questo luogo, dove gli è successo qualcosa di straordinario. «Con un santo sacerdote ho fatto la più impressionante confessione della mia vita. Dopo avergli detto i miei peccati, mi ha fatto prendere un crocifisso con lui e recitare una preghiera». Marie Elizabeth ha dichiarato che «ho sentito qualcosa di molto potente dentro di me» ed è uscita dal confessionale «sapendo che ero una persona diversa. Il giorno dopo a messa, tutto era già molto chiaro per me. Non era morta, ma viva!». Tornò a casa e si impegnò in vari gruppi cattolici. Durante una gita sugli sci, ha vissuto un altro momento chiave della sua vocazione: ha iniziato a leggere Santa Faustina Kowalska e non poteva smettere di leggere e piangere. Lì cominciò a considerare la vita religiosa.

Tre settimane dopo è arrivato «il giorno che rimarrà per sempre impresso nella mia memoria». Quel giorno chiese a Dio, come segno, che il sacerdote che avrebbe ascoltato la sua confessione potesse aiutata a capire quale fosse la volontà di Dio per lei. «Dopo aver confessato i miei peccati, ho detto al sacerdote che pensavo di impazzire perché non riuscivo a sentire Dio abbastanza e che sentivo pace solo durante la Messa, nell’Adorazione o nella preghiera del Rosario». Il sacerdote gli disse con calma che probabilmente aveva bisogno di «avere un appuntamento con Gesù» e la invitò ad accompagnarlo a visitare le Clarisse a Sauk Rapids, dove in precedenza era stato cappellano. Quattro giorni dopo era con il prete in questo convento dove si sono incontrati con la madre badessa. Ha raccontato loro la sua esperienza di oltre cinquant’anni come suora di clausura. «Ho pensato che Dio doveva essere pazzo per pensare a una vita come quella per me, che amavo viaggiare e stare lontano da casa». Marie Elizabeth ha però confessato che «il Signore è un Dio di sorprese» e meno di sei mesi dopo era già postulante in convento. Ormai è suora da anni e non le manca la sua vita folle: «Ogni giorno è un’avventura e Lui mi sfida sempre e mi porta oltre quelli che penso siano i miei limiti. Agli occhi del mondo, la mia vita è considerata uno spreco, ma ora ho Dio, sono molto soddisfatto. Mi ha chiamato non alla maternità fisica ma alla maternità spirituale». (Fonte)

Suor Marie Elizabeth in centro


Potrebbe interessarti anche