lunedì 21 settembre 2020
  • 0
NEWS 17 aprile 2014    
Denuncia aggiornata della Cina, dove con migliaia di condanne a morte prospera il mercato di organi umani

Da mezzo secolo la Cina espianta gli organi dei giustiziati per alimentare il vasto e ricco mercato dei trapianti illegali. Ma soprattutto continua a farlo oggi, come documenta l’ultimo rapporto, aggiornatissimo, della Laogai Research Foundation, fondata e diretta a Washington dal noto dissidente anticomunista Harry Wu. Solo nell’ultimo anno, ammettendo questa pratica, ha deciso di ricorrere a metodi legali, con donatori volontari. Ma finora i donatori sono ancora, a gran maggioranza, tristemente involontari. Mentre invece sostanzialmente invariata è la mattanza che ogni anno miete decine e decine di vite, vittime di una pena capitale che viene comminata per ben 55 fattispecie di reato, alcune delle quali davvero banali e assurde. Amnesty International ha da qualche anno smesso di pubblicare stime sulla pena capitale nella Cina neopostcomunista, ma nondimeno parla di miglia di vittime: anzi, la sola Cina continua ogni anno a giustiziare più persone di tutti gli altri Paesi del mondo dove vige la pena di morte messi assieme. Un numero di morti che, in modo assolutamente inquietante, è tra l’altro del medesimo ordine di grandezza del fabbisogno di organi per trapianti.

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: