lunedì 06 dicembre 2021
  • 0
NEWS 4 Febbraio 2021    di Redazione

Descrivono come “gruppi di odio” organizzazioni a favore del matrimonio tra uomini e donne

Il rapporto del 2020 intitolato Year of Hate and Extremism, pubblicato il 1° febbraio, mira a creare un elenco di “gruppi di odio” negli Stati Uniti, suddivisi per stato. I creatori della lista, che include neonazisti, nazionalisti bianchi e capitoli del Ku Klux Klan, hanno deciso di aggiungere anche le organizzazioni che promuovono la vita, la famiglia e la libertà religiosa, come Alliance Defending Freedom, C-FAM, Family Research Council e Ruth Istituto.

Questi gruppi sono elencati sotto il titolo “Anti-LGBTQ” in quanto si oppongono al matrimonio tra persone dello stesso sesso. La definizione di Alliance Defending Freedom come “gruppo di odio” ha attirato l’attenzione nel 2016, quando lo studio legale è stato inserito nella lista dei gruppi d’odio per la prima volta. Il consulente legale dell’Alliance Defending Freedom Jeremy Tedesco ha risposto che «l’Alliance Defending Freedom è uno dei difensori della Corte Suprema più rispettati e di successo nel paese, avendo vinto 11 casi presso la Corte Suprema degli Stati Uniti dal 2011. Lavoriamo per preservare le libertà fondamentali di parola, religione e coscienza di tutti gli americani», ha detto. Inoltre, il funzionario dell’Alliance Defending Freedom ha fortemente criticato l’SPLC, «che una volta era un’organizzazione per i diritti civili rispettata». Ha aggiunto che la ONG «ha distrutto la propria credibilità a causa della sua palese agenda partigiana e del suo screditato piano di raccolta fondi» e che «è diventata un gruppo che attacca e diffonde menzogne ​​su organizzazioni e individui che non sono d’accordo con il suo programma di estrema sinistra».

Nel 2017, quando il Ruth Institute, un’altra delle organizzazioni inserite nella lista, è stato classificato come un “gruppo di odio”, l’organizzazione ha perso la possibilità di raccogliere fondi online. La dottoressa Jennifer Roback Morse, fondatrice dell’istituto, ha dichiarato che la sua domanda per il programma “Amazon Smile”, che destina parte degli introiti degli acquisti in beneficenza, è stata respinta. «L’obiettivo principale del Ruth Institute è impedire la “disgregazione familiare” e il suo seguente impatto sui bambini: comprenderla, curarla, porle fine. Se questo ci rende un “gruppo di odio”, allora così sia», ha detto la dottoressa Morse nel settembre 2017 in risposta alla controversia. Le conseguenze della designazione di “gruppo d’odio” sono state anche più gravi. Nel 2012, Floyd Lee Corkins II, brandendo una pistola da 9 mm e 50 colpi di munizioni, è entrato nell’atrio del quartier generale del Family Research Council (FRC) a Washington DC e ha sparato a una guardia di sicurezza disarmata, sopravvissuta all’attacco. Le autorità hanno affermato che le azioni della guardia di sicurezza potrebbero aver impedito una sparatoria di massa. Corkins, che è stato condannato a 25 anni di carcere, ha confessato di essere stato motivato dall’etichetta di “anti-gay” che l’SPLC ha dato alla Family Research Council.

William Boykin, vicepresidente esecutivo della Family Research Council, ha detto che l’SPLC «è una macchina diffamatoria politica che ha poco rispetto per la libertà di pensiero e di espressione». Boykin ha aggiunto che l’organizzazione è diventata così estremista che sta perdendo credibilità. «In tutto lo spettro politico, c’è una consapevolezza di ciò che è diventato l’SPLC: un’organizzazione completamente disonorata che cerca di zittire i suoi oppositori politici con calunnie false e diffamatorie che mettono in pericolo la vita di coloro che vengono attaccati», ha detto. «Abbiamo visto aziende e persino i media diventare sempre più scettici nei confronti dei dati forniti, della mappa e delle varie liste SPLC», ha detto Boykin. «L’FBI ha rimosso i collegamenti all’SPLC dalla sua pagina “risorse per i crimini d’odio” e il Pentagono ha preso le distanze dai materiali dell’SPLC», ha aggiunto.

Anche Brian Brown, presidente dell’Organizzazione internazionale per la famiglia, ha respinto le classificazioni della lista di odio dell’SPLC. «Sono davvero gli stessi SPLC ad essere motivati ​​da pregiudizi e intolleranza. Non c’è nulla di “odioso” nel credere che i bambini meritino una mamma e un papà, ma è completamente odioso perseguitare le organizzazioni e gli individui che sostengono questa idea», ha detto. «L’SPLC deve essere ritenuta responsabile della retorica provocatoria e infiammatoria che ha già provocato almeno una sparatoria e anche delle vite e dei mezzi di sussistenza che hanno distrutto con le loro bugie», ha continuato Brown.


Potrebbe interessarti anche