domenica 27 settembre 2020
  • 0
NEWS 26 agosto 2014    
Detenuti non islamici costretti a osservare il Ramadan. Libertà  religiosa a senso unico in Francia

Secondo le stime ufficiali, in Francia gli stranieri rappresenterebbero il 18,5% del numero complessivo dei detenuti contro quelli in libertà che sono il 6%.

Ebbene, un verbale di polizia del 19 luglio riguardante il carcere di Le Pontet, nel dipartimento di Vaucluse, riporta che, dopo l’inizio del Ramadan, «se ospitati nella stessa cella, alcuni giovani detenuti, di confessione non islamica, sono stati costretti sotto minaccia a mangiare ed a bere agli stessi orari e con gli stessi ritmi dei musulmani praticanti. Per evitare rappresaglie, vi è chi ritiene inevitabile soggiacere alle loro pretese».

Una vera e propria ancorché silenziosa e subdola forma di persecuzione religiosa ai danni dei cristiani e degli appartenenti ad altre religioni diverse dall’islam.

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: