mercoledì 25 novembre 2020
  • 0
NEWS 23 febbraio 2017    
Dopo il gender, la sinistra francese chiede che si insegni nelle scuole, anche elementari, «etica animale»

Riportiamo l'articolo scritto dalla radicale Donatella Poretti per l'agenzia Aduc

 

“I ragazzi esprimono spesso un’empatia spontanea nei confronti degli animali. Ci riconoscono una volontà individuale, una curiosità e una inquietudine che è loro familiare. Che si tratti di animali vicini o lontani, espressivi, vulnerabili, inventivi, curiosi o affettuosi... i bambini si riconoscono nella loro soggettività e li vedono per quello che sono: i soggetti di una vita.”

Eppure in Francia, gli animali in quanto individui sono largamente assenti dai programmi scolastici, questo lo spunto da cui parte un appello pubblicato oggi sul quotidiano Libération e sottoscritto da illustri firme di filosofi, ricercatori, giuristi, etologi, veterinari e psicologi perché nella scuola si insegni l’etica animale.

Coltivare l’apertura verso altre forme di vita, sviluppare l’empatia, la considerazione, il rispetto e l’attenzione per l’altro, di colui che e’ differente. Quale occasione migliore può fornire la condizione animale per favorire il senso di responsabilità, la cooperazione, il rifiuto della violenza e le discriminazioni nel futuro cittadino oggi ragazzo e studente? Il nostro attuale rapporto con gli animali solleva e apre vasti e appassionanti dibattiti etici e filosofici. Gli animali hanno diritti? La nostre responsabilità vanno oltre la nostra specie? Dobbiamo tenere conto di tutti gli individui capaci di provare sofferenza?
I sottoscrittori dell’appello chiedono così che l’etica animale venga introdotta a partire dalla scuola primaria e che in particolare i corsi di educazione morale e civica vengano arricchiti di capitoli dedicati allo statuto morale degli animali all’interno di un pedagogia progressiva globale sulle nozioni dei diritti e delle libertà.

Bello spunto di riflessione anche per la nostra scuola che ha molto da lavorare sulle basi e le fondamenta. Una scuola dove se va bene si insegnano nozioni, ma difficilmente si impara a diventare cittadini se non impara il concetto di laicità, nel senso politico e sociale del termine, ossia del rivendicare l’autonomia decisionale rispetto a ogni condizionamento ideologico, morale o religioso altrui. Difficile quando ancora si prevede l’ora di religione cattolica.

Qui il testo dell’appello

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Per navigare controcorrente.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: