domenica 19 settembre 2021
  • 0
NEWS 6 settembre 2021    di Redazione

I due miracoli per la beatificazione del primate Wyszynski e madre Róza Czacka

Suor Nulla e Karolina Gawrych, sono le due donne guarite rispettivamente per intercessione del cardinale Stefan Wyszyński e di Madre Róża Czacka che presto saranno dichiarati beati. Nel corso di una conferenza organizzata giovedì scorso presso la Casa degli Arcivescovi di Varsavia, sono stati discussi gli eventi inspiegabili dal punto di vista medico che hanno portato alla conclusione dei processi di beatificazione dei Servi di Dio cardinale Stefan Wyszyński e di Madre Elżbieta Róża Czacka.

Suor Nulla
Quando suor Nulla è entrata nella sua Congregazione delle Suore Pie Discepole della Croce nel 1986, era già presente in lei la preghiera per la beatificazione del cardinale Wyszynski. Nel febbraio 1988, suor Nulla ha subito un intervento chirurgico esteso per un cancro alla tiroide. Durante l’operazione a Stettino, dove all’epoca lavorava, i medici hanno rimosso lesioni cancerose e linfonodi metastatici. Sfortunatamente, la malattia ha continuato a diffondersi, così nel 1989 la sorella ha ricevuto cure presso il Gliwice Cancer Center. Tuttavia, la terapia risultò inefficace e un tumore crebbe nella sua gola, rendendole molto difficile respirare, assumere farmaci e persino dormire.

«Quando il medico mi ha informato della diagnosi, mi ha detto che avevo un massimo di tre mesi di vita. L’intervento chirurgico era possibile, ma comportava un alto rischio di complicanze irreversibili», ricorda suor Nulla. Alla fine, non ha acconsentito all’operazione. La fondatrice della giovane congregazione, suor Helena Christiana Mickiewicz, ha quindi mobilitato le sue sorelle e anche altre persone a pregare intensamente per la guarigione chiedendo l’intercessione del Servo di Dio cardinale Stefan Wyszynski.

Nella notte dal 14 al 15 marzo 1989, molto dolorosa per Sr. Nulla (forte sanguinamento), c’è stata una svolta, il tumore ha cominciato a recedere. Suor Nulla ha lasciato l’ospedale il 21 marzo. Ha completato il noviziato come previsto, ha preso i voti e da allora lavora nella congregazione.  «I medici mi hanno detto molte volte avevano accettato di curarmi solo perché ero giovane, per non farmi crollare mentalmente, perché il trattamento che mi hanno dato non poteva aiutarmi. Ho visto accadere miracoli, e i credenti non hanno bisogno di molte spiegazioni», ha aggiunto. Nel novembre 2018, una commissione medica nominata dalla Congregazione delle Cause dei Santi ha dichiarato l’evento inspiegabile dal punto di vista medico.

Karolina Gawrych
Anche Karolina Gawrych ha parlato della sua guarigione per intercessione di Madre Róża Elżbieta Czacka. Il miracolo è legato a un grave incidente capitato alla ragazza, che allora aveva 7 anni. L’incidente è avvenuto il 29 agosto 2010. La trave che reggeva l’altalena si è rotta e si è schiantata contro la sua testa. Le ferite della ragazza erano così gravi che i medici avevano predetto che se non fosse morta, sarebbe rimasta in stato vegetativo.

L’intera Congregazione delle Suore Francescane Serve della Croce ha pregato per la ragazza per intercessione di Madre Czacka. Già il 13 settembre c’è stata una svolta e la ragazza ha iniziato a riguadagnare rapidamente tutte le sue facoltà. Due mesi dopo l’incidente, ha lasciato l’ospedale sulle proprie gambe.

Oggi Karolina è completamente sana. Si dedica al volontariato e da ottobre inizierà a studiare psicologia all’Università di Warmia e Masuria, a Olsztyn. Si prende cura anche dei suoi fratellini. «Cerco di parlare loro di quello che è successo, di spiegare perché sono ancora qui, in modo che conoscano il potere della preghiera. Cerco di visitare le sorelle di Laski il più spesso possibile. Visito la tomba di Madre Czacka, la ringrazio per la sua intercessione», ha detto Karolina.

Il 27 ottobre 2020 papa Francesco ha autorizzato il prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, cardinale Marcello Semeraro, a promulgare un decreto sul miracolo attribuito all’intercessione di Elżbieta Róża Czacka. Il miracolo riconosciuto ha aperto la strada alla beatificazione della Madre. (Fonte)


Potrebbe interessarti anche