sabato 31 luglio 2021
  • 0
NEWS 7 gennaio 2021    di Redazione

I dubbi sulle elezioni non vanno risolti con la violenza. Parlano i vescovi Usa

I vescovi cattolici hanno condannato l’incursione dei manifestanti pro Trump nel Campidoglio mentre il Congresso discuteva della certificazione dei risultati delle elezioni presidenziali, che ha portato all’evacuazione dei legislatori e la sparatoria mortale di un manifestante da parte delle forze dell’ordine.

«Mi unisco alle persone di buona volontà nel condannare la violenza oggi al Campidoglio degli Stati Uniti», ha detto il 6 gennaio l’arcivescovo di Los Angeles Jose Gomez, presidente della Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti. «Non è questo che siamo americani. Prego per i membri del personale del Congresso e del Campidoglio e per la polizia e tutti coloro che lavorano per ripristinare l’ordine e la sicurezza pubblica».

«La transizione pacifica del potere è uno dei tratti distintivi di questa grande nazione», ha aggiunto. «In questo momento preoccupante, dobbiamo impegnarci nuovamente nei valori e nei principi della nostra democrazia e unirci come un’unica nazione sotto Dio».

Nella sua dichiarazione, l’arcivescovo Salvatore Cordileone di San Francisco ha detto: «Attaccare il Campidoglio degli Stati Uniti per esprimere la tua paura che la democrazia sia stata negata è sbagliato, e anche controproducente. I dubbi su elezioni libere ed eque non possono essere risolti con la violenza contro le istituzioni democratiche». «Alle morti causate da una pandemia e alla distruzione causata dai mezzi di sussistenza delle persone, non è necessario aggiungere un tentativo di guerra civile. Ho chiesto la fine della violenza nelle strade quando è accaduta quest’estate. Invito ogni americano di buona volontà a denunciare subito questa violenza contro il Campidoglio della nostra nazione». «Possa il Principe della Pace porre fine a questo conflitto e portare guarigione e critiche costruttive al posto del governo della folla. E che Dio benedica l’America», ha detto l’arcivescovo. Gomez ha affidato il Paese al cuore della Beata Vergine Maria, chiedendo: «Possa lei guidarci nelle vie della pace e ottenerci la saggezza e la grazia di un vero patriottismo e amore per la patria».

L’account Twitter della Conferenza dei vescovi degli Stati Uniti ha twittato: «Signore Dio della pace, ascolta la nostra preghiera». L’arcivescovo William Lori di Baltimora ha definito le proteste «scioccanti e illegali». «Preghiamo con fervore per la pace e per la protezione di Dio sul nostro paese, sui nostri legislatori e su tutti coloro che sono in pericolo in questo terribile giorno. Possano gli americani di buona volontà amanti della pace in tutti gli Stati Uniti unirsi per generare pace, riconciliazione e guarigione nella nostra nazione ferita e distrutta, che rimane e deve essere sempre una, sotto Dio». Il vescovo Nicholas DiMarzio di Brooklyn ha chiesto la preghiera per la nazione «in questo giorno senza precedenti di caos nazionale, in modo che possiamo tornare allo stato di diritto». «Siamo migliori di questo. Come popolo abbiamo sempre rispettato le nostre differenze. Il trasferimento pacifico del potere è il segno distintivo della nostra democrazia», ha detto.

Un altro vescovo che si è espresso contro le proteste è stato il vescovo Frank Caggiano di Bridgeport. «Ci sono poche parole che possono descrivere lo shock che provo nel vedere il nostro Campidoglio occupato da violenti rivoltosi. Come americani, dovremmo essere profondamente turbati nel vedere un importante simbolo di libertà e libertà nella nostra nazione violato in questo modo. La nostra nazione è migliore di così», ha detto su Twitter. «Il trasferimento pacifico del potere è uno degli aspetti più importanti e venerati della nostra democrazia», ha continuato. «Dobbiamo impegnarci a mantenere i valori che abbiamo a cuore come americani: democrazia, libertà e pace». «Come persone di fede, condanniamo la violenza in tutte le sue forme come un tradimento morale del Vangelo», ha detto. «Sappiamo anche che la nostra nazione ha bisogno di preghiera, ora più che mai, in modo che possiamo rimanere sempre una nazione, sotto Dio». Il vescovo ha chiesto alle persone di unirsi in preghiera per gli Stati Uniti «durante questo periodo senza precedenti e spaventoso nella nostra storia». «Preghiamo per la pace nelle nostre comunità, nella nostra capitale, nel nostro Paese, ma soprattutto nel nostro cuore», ha detto.

Il vescovo Joseph Strickland di Tyler ha invocato la festa dell’Epifania, dicendo: «Preghiamo per la pace e che Cristo risplenda in questa festa tradizionale dell’Epifania. È un giorno triste per la nostra nazione, ma Dio è con noi», ha detto. «Dobbiamo rivolgerci a Dio e ricordare davvero che affermiamo di essere una nazione sotto Dio».

Il cardinale Blase Cupich di Chicago ha definito l’evento una “disgrazia nazionale”, aggiungendo: «Preghiamo per la pace in questo momento incoraggiante nella storia degli Stati Uniti, una storia che è stata contrassegnata da una delle più grandi virtù della democrazia: la transizione pacifica e ordinata del potere». L’incidente al Campidoglio segue le interruzioni e i disordini significativi negli Stati Uniti lo scorso anno. La morte di George Floyd, un uomo di colore, mentre era detenuto dalla polizia di Minneapolis ha contribuito a scatenare proteste a livello nazionale per settimane. I manifestanti hanno spesso difeso pacificamente la brutalità della polizia e la giustizia razziale con il motto “Black Lives Matter”. Alcune di queste proteste sono diventate violente, causando miliardi di dollari di danni e diversi morti. (Fonte)


Potrebbe interessarti anche