lunedì 06 dicembre 2021
  • 0
NEWS 30 Luglio 2021    di Redazione

Ex bambina in affido e sostenitrice della vita incoronata Miss Universo

«Gloria a Dio nei secoli dei secoli. Amen», ha scritto Victoria Petersen sulla sua pagina Facebook il 22 luglio dopo aver vinto “Miss Universo 2022”. I suoi social sono  particolarmente focalizzati sui giovani del sistema di affidamento. È anche a favore della vita e si è espressa contro l’aborto. America’s Kids Belong, un’organizzazione dedicata ad aiutare i bambini in adozione a trovare una casa prima che anche loro invecchino fuori dal sistema, ha sponsorizzato Petersen, dicendo: «[Lei] condivide apertamente il suo viaggio traumatico dall’affidamento all’età adulta. Siamo entusiasti che stia usando la sua energia per far conoscere questo mondo e la sua voce forte per parlare del mondo dell’affido. I bambini in affidamento hanno in lei un alleato e noi celebriamo la sua bellezza, la sua anima, la gentilezza e la sua spinta a rendere il nostro mondo un posto migliore per i bambini in affidamento!».

Le probabilità di essere adottati sono molto scarse per gli adolescenti, che sono spesso respinti a causa della loro età e delle esperienze di vita molte volte traumatiche che riempiono la loro infanzia. Secondo Crescent-News, quando Petersen ha raggiunto i 15 anni c’era la preoccupazione che potesse rimanere incinta o finire in prigione e che non si sarebbe diplomata al liceo. Ma lei ha dimostrato che tutte quelle paure erano sbagliate grazie all’aiuto del suo allenatore di atletica leggera e la sua fede in Gesù. Con il supporto dell’allenatore Scott Wichman, Petersen si è concentrata sui suoi compiti scolastici e sulla corsa. Anche se ha detto che da bambina avrebbe avuto scoppi d’ira e ha disobbedito alle regole, era «una ragazza piuttosto brava». «Ho preso ottimi voti e mi sono dedicata agli studi accademici e all’atletica. Sapevo che se mi fossi concentrata sull’atletica non avrei potuto essere coinvolta nei giri della droga», ha aggiunto. «Avevo visto come la droga e l’alcol influissero negativamente sulle famiglie. L’uso di droghe e alcol è diventato per me totalmente inconcepibile quando ho pensato che un giorno avrei avuto una famiglia tutta mia».

Quando ha incontrato Wichman, lo ha rispettato perché prendeva sul serio il suo lavoro di allenatore di atletica leggera e perché «era un uomo perbene. «Non ho avuto molti uomini decenti nella mia vita, ma non avevo idea dell’impatto che un uomo per bene avrebbe avuto sulla mia vita», ha detto. Nel corso del tempo, l’allenatore è diventato la sua figura paterna, guidandola sul podio al campionato di pista dello stato dell’Ohio quattro volte e alla fine accogliendola nella sua famiglia e dandole il suo cognome dopo che è uscita dal sistema degli affidi. «Scott e le sue figlie hanno detto che volevano che facessi parte della loro famiglia», ha spiegato».

Quando ha sposato suo marito Jacob, è stato Wichman a accompagnarla all’altare, un momento con un padre che non avrebbe mai pensato di avere. Ora, Petersen è una madre, anche una mamma adottiva, e una forte sostenitrice dei bambini in affidamento e dei bambini nel grembo materno. In un video del 2020 per Students for Life, Petersen ha dichiarato: «Mia madre diceva sempre che quando mi vedeva con le mani appoggiate sotto la testa durante l’ecografia, sapeva che mi amava e che mi avrebbe dato alla luce. Dire che crescere nel sistema di affidamento è stato negativo sembra un eufemismo. Ma mia madre ha scelto eroicamente e coraggiosamente di non eliminare la potenziale vittima – me – e grazie alle sue scelte, ora sono una donna che passa il suo tempo a sostenere con passione i diritti di coloro che sono nel grembo materno e dei ragazzi in affidamento».

Petersen, che ha fondato Bring Belove, una comunità online e una risorsa per i bambini in affido, esorta i pro-life ad aiutare al meglio il sistema di affidamento, dicendo che non ci sono «persone migliori» dei pro-life per fornire compassione ai bambini in attesa di una famiglia. «Se amiamo sinceramente dobbiamo senza dubbio scegliere la vita», ha detto, «non solo nelle nostre marce e nei centri di gravidanza, ma nei nostri cortili, nelle nostre case e nel nostro sistema di affidamento». (Fonte)


Potrebbe interessarti anche