venerdì 27 novembre 2020
  • 0
NEWS 23 ottobre 2020    di Redazione
Francia, la corazzata anticattolica contro la Basilica del Sacro Cuore

La basilica del Sacro Cuore, è uno dei luoghi simbolo del cattolicesimo in Francia (Ne parliamo qui). È il secondo monumento più visitato ogni anno a Parigi con oltre 10 milioni di visitatori. Tuttavia non era ancora considerato “monumento storico” sebbene sia stato eretto più di un secolo fa. Solo lo scorso 13 ottobre, il Ministero della Cultura e la Commissione regionale per il patrimonio e l’architettura della regione in cui è inclusa Parigi, hanno finalmente deciso di registrare questa chiesa dedicata al Sacro Cuore, iniziata nel 1875 e completata nel 1923, come monumento storico. Le reazioni a quella che è una decisione amministrativa non si sono fatte attendere. E le critiche furiose mostrano il loro volto anticattolico, ma anche massonico e comunista.

Un tempio dell’espiazione
La profonda animosità che suscita questa basilica in questi settori è dovuta a ciò che rappresenta: un tempio espiatorio di fronte alla sconfitta contro la Prussia e alla Comune di Parigi (il governo socialista che diresse Parigi dal 18 marzo al 28 maggio 1871), che causò migliaia di morti e fu responsabile dell’omicidio di dozzine di persone, tra cui molti ecclesiastici e cattolici. Con questi dolorosi eventi, anche la necessità di espiare i tanti crimini ha avuto il suo in coloro che hanno voluto questa chiesa. Da decenni il Sacro Cuore è un bersaglio, basti pensare che nel 2017 un’iniziativa popolare ha depositato una petizione presso il Comune di Parigi con l’obiettivo di demolirlo poiché «insulta la memoria della Comune di Parigi». Certamente non ha ricevuto molto riscontro, ma è stato simbolico dell’odio che sinistra e Massoneria hanno verso una chiesa dove l’Adorazione del Santissimo Sacramento non è stata interrotta per un secondo in 135 anni, né in tempo di guerra né di epidemie.

Attacchi di massoni, comunisti e socialisti
Philippe Foussier, ex Gran Maestro del Grande Oriente di Francia, ha protestato su Twitter contro la classificazione della Basilica del Sacro Cuore di Montmartre come monumento storico, chiedendo uno “screditamento”. Secondo lui, questa decisione è «un insulto ai 30.000 morti della comune». Ian Brossat , leader dei comunisti parigini, ha già tentato più volte di eliminare il Sacro Cuore e sostituirlo con uno “spazio di solidarietà”. Inoltre il socialista Lionel Jospin , ex primo ministro francese ed ex candidato alla presidenza, nel 2017, quando gli è stato chiesto quale monumento avrebbe distrutto se avesse avuto il potere di farlo, ha risposto in modo chiaro e rapido: il Sacro Cuore di Parigi, che «è un simbolo di oscurantismo, cattivo gusto e reazionario».

Le ragioni di questo odio
Il sacerdote Jacques Benoist , uno dei massimi esperti della basilica di Montmartre, spiega che nel testo ufficiale della consacrazione, inciso su una targa di marmo posta nel corridoio del Sacro Cuore intorno al 1914, si trovano espressioni come «riparare i nostri peccati»«ottenere la misericordia infinita del Signore», o «per porre fine alle disgrazie della Francia». Riferimenti alla Comune non compaiono, sebbene questo evento fosse irrimediabilmente nelle menti dei promotori del tempio. Questi crimini sono indiscutibili. La chiesa fu infatti eretta nello stesso luogo in cui il 26 maggio 1871 furono massacrati 49 ostaggi, di cui 10 ecclesiastici, da una folla inferocita. E questo atto non è stato un caso isolato.

La vera origine della basilica
Va tenuto presente che, secondo la storia di Montmartre, la collina dove è stato costruito il Sacro Cuore è sempre stata un luogo religioso. Prima era un luogo dei druidi; in seguito i romani eressero un tempio dedicato a Marte e Mercurio e, in seguito, furono costruiti numerosi edifici cristiani. Inoltre, il nome stesso di Montmartre deriva da “Monte dei martiri”. Nel 1559 un incendio distrusse un’abbazia benedettina situata in cima alla collina parigina, ma la presenza religiosa rimase. E nel 1794 l’ultima badessa, madre Marie-Louise Montmoreney-Laval, salì coraggiosamente le scale della ghigliottina. Il legame, quindi, tra Espiazione, Voto nazionale e Monte del martirio era chiaro. E così, per offrire una penitenza pubblica, per espiare i peccati storici della Francia e per contrastare l’imminente apostasia, il grande desiderio di Alexandre Legentil e Hubert Rahault era la costruzione di un tempio sulla collina, per illuminare Parigi e agire come punto di riferimento per i cittadini distratti e indifferenti della metropoli ottocentesca. (Fonte)


Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Per navigare controcorrente.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: