martedì 20 ottobre 2020
  • 0
NEWS 9 ottobre 2020    di Redazione
Generazione Covid: la sete di Eucaristia ha aumentato le vocazioni

La pandemia di coronavirus che sta investendo il mondo sta avendo un effetto unico sulla fede delle persone. Ci sono “cristiani di facciata” che sono sempre andati a messa per abitudine che non torneranno più in Chiesa , come ha avvertito il cardinale Hollerich. Ma questa esperienza di dolore ha anche indotto le persone che non hanno mai pregato o chiesto niente a Dio a farlo per la prima volta. E rafforzato anche coloro che, già religiosi, hanno approfondito la loro fede o ascoltato la chiamata ad una fede più profonda. Quest’ultimo caso comincia a manifestarsi nelle chiamate vocazionali. Nonostante l’incertezza generata, ci sono giovani che hanno fatto un passo avanti. È il caso delle religiose domenicane del Michigan, una comunità che è già di per sé un orto vocazionale e che ha conosciuto un boom di vocazioni durante la pandemia.

Suore con un’età media di 32 anni

Sono le Suore Domenicane di Maria Madre dell’Eucaristia ad Ann Arbor (Michigan). Sono più di 150 suore e l’età media è di 32 anni. I loro ritiri erano già famosi in tutti gli Stati Uniti e riescono sempre ad attrarre molti giovani. Tuttavia, con la pandemia il numero delle richiedenti è diventato ancora più alto, e tutto questo senza poter organizzare i loro noti ritiri. Quando il mondo era mezzo paralizzato, adattandosi a nuove norme e abitudini di vita, un totale di 18 giovani donne hanno deciso di lasciare studi, lavoro, famiglia e amici per vivere una vita radicale come suore. Nella loro casa madre ad Ann Arbor, nel Michigan, queste suore hanno accolto uno dei più grandi gruppi di richiedenti nei loro 23 anni di storia. In quest’ordine hanno sempre avuto un problema, ma diverso dagli altri ordini: più candidati che spazio disponibile in casa. Tuttavia, quest’anno ritengono che sia stata una benedizione speciale.

La generazione religiosa post Covid

«Definisco la mia chiamata un “miracolo Covid”, perché la maggior parte del mio discernimento si è verificato durante la pandemia», ha detto Genevieve, candidata a Phoenix. Il suo caso non è unico poiché le sue colleghe candidate, che provengono da tutti gli Stati Uniti e dal Messico, affermano che il loro discernimento e, in ultima analisi, il loro ingresso in comunità sono stati particolarmente “aiutati” dalla pandemia. Le giovani donne vengono da tutti gli Stati Uniti. Dalle grandi città e dai piccoli stati. «Non avere accesso ai sacramenti mi ha davvero mostrato che tutta la mia vita ruotava attorno all’andare a Messa e all’essere in grado di adorare Cristo nell’Eucaristia», confessa Jenna, una postulante di New York. Alla fine, dice questa giovane donna, «trovai conforto nel fatto che, sebbene in quel momento fossi fisicamente separata da Cristo Eucaristia, in pochi mesi avrei iniziato a vivere la vita da sposa di Cristo e mi che sarei stata con lui. Per tutta l’eternità».

Il valore dell’Eucaristia e dell’Adorazione

Un’altra giovane donna, Jacinta, dell’Illinois, spiega che durante il Covid «era difficile per me pregare a casa perché c’erano sempre distrazioni intorno a me, che si trattasse di dispositivi elettronici, di un libro che stavo leggendo in quel momento o di un progetto artistico che era in corso. In altre parole, la mia vita di preghiera è drasticamente diminuita». Per questo afferma che, sebbene non vorrebbe più stare senza l’Eucaristia, «sono contenta di aver vissuto questa prova, perché ora l’ho apprezzata molto di più e capisco veramente l’importanza della Messa e dell’Eucaristia. Tutto questo mi ha reso una cattolica migliore».

Altre giovani donne che si sono unite a questo ramo domenicano hanno cercato di continuare la loro vita di culto attraverso Internet. È il caso di Autumn, dalla Pennsylvania, che ha seguito una trasmissione in diretta di Adorazione quasi ininterrottamente durante la quarantena. «La mia famiglia si è abituata a vedere una nota adesiva con scritto “sto pregando” attaccata alla mia porta in modo che potessi avere un po’ di pace e tranquillità», dice. Nel frattempo, Genevieve assicura di aver potuto assistere alle ore sacre nella sua parrocchia. E afferma di essere molto grata «di essere potuta andare all’Adorazione quasi tutte le sere, perché penso che sia stata la fonte della grazia che Gesù ha usato per aiutarmi a dire “sì” alla mia vocazione».

Rory, di Michigan City, Indiana, ha riassunto il sentimento dell’intero gruppo: «Non voglio più essere separata da Lui, quindi la prossima volta che c’è una pandemia, l’unico posto in cui voglio essere è un convento».

Nelle domenicane del Michigan, le famiglie delle giovani richiedenti hanno la possibilità di recarsi lì per accompagnarle al loro ingresso ufficiale nella comunità. Tuttavia, quest’anno, a causa delle circostanze causate dalla pandemia, c’erano due opzioni: fare una celebrazione più breve e con una distanza di sicurezza all’aria aperta per le famiglie, o avere la cerimonia di ingresso completa nella cappella della casa madre. Le 18 giovani donne hanno votato all’unanimità per la celebrazione nella cappella e con tutti i riti. Le loro famiglie hanno seguito la cerimonia online e hanno visto come ciascuna delle giovani donne, vestita con la semplice uniforme blu di una postulante, è stata presentata e accolta dalla loro nuova famiglia religiosa, e hanno ricevuto la croce che indosseranno fino a quando non riceveranno l’abito il prossimo anno. (Fonte)


Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Per navigare controcorrente.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: