sabato 31 luglio 2021
  • 0
NEWS 11 gennaio 2021    di Redazione

Il gesuita Adolf Kajpr, perseguitato da nazisti e comunisti, verso la beatificazione

I gesuiti cechi hanno completato la prima fase del processo di beatificazione del sacerdote Adolf Kajpr, imprigionato dai nazisti e condannato dai comunisti in un processo politico. Sei scatole di documenti stanno viaggiando in questo momento verso Roma e i gesuiti attendono la decisione del Papa, secondo Romana Marksová di Radio Praga. Le attività spirituali e giornalistiche di Adolf Kajpr non sono mai piaciute ai nazisti e nemmeno ai comunisti. I primi lo hanno mandato nei campi di concentramento senza processo, i secondi lo hanno coinvolto in un processo politico, che ha segnato l’inizio dell’oppressione del regime della Chiesa cattolica in Cecoslovacchia.

Alla vigilia della seconda guerra mondiale, Kajpr predicava nella chiesa di Sant’Ignazio nel centro di Praga. Come sacerdote era molto popolare e scriveva anche per diversi giornali cattolici. Aveva intuito precocemente il pericolo rappresentato dal nazismo e non ha esitato a dare voce ai suoi avvertimenti. Era, infatti, critico nei confronti del fascismo e del nazismo già all’inizio degli anni ’30 e continuò a mettere le sue opinioni sulla carta anche nel 1939, quando la Cecoslovacchia fu occupata dai nazisti. Secondo il pubblicista Pavel Hlavatý, per Kajpr la spiritualità era un percorso contro la delusione: «Accentuando i valori spirituali, Kajpr affrontò l’enorme delusione che attanagliò la Cecoslovacchia dopo il Trattato di Monaco del 1938 e il marzo 1939, che è stata fondamentalmente l’ultima goccia. E questo nonostante fosse consapevole del pericolo rappresentato dal regime totalitario».

Il giovane sacerdote, capace di ammaliare la gente e di parlare chiaramente dei problemi del suo tempo, e che registrò persino una serie di discorsi spirituali per la Radio Ceca, fu arrestato dalla Gestapo nel 1941. I nazisti furono i primi a tentare di zittire la sua voce critica e lo mandarono nei campi di concentramento di Mauthausen e Dachau, senza alcuna giustificazione. Kajpr tornò in Cecoslovacchia nel 1945, dopo la liberazione di Dachau. Fu decorato dal presidente Edvard Beneš e per diversi anni divenne una figura importante nella società cecoslovacca. Tuttavia, con la sua voce critica, Kajpr fu presto coinvolto dagli affari regime comunista. Ed era diventato ancora più meticoloso nella sua ricerca. Nel 1950 Kajpr fu arrestato, insieme ad altri rappresentanti religiosi, nel tentativo del regime di dimostrare che la Chiesa è un nemico e un grande pericolo per la società socialista. Come i nazisti, i comunisti lo hanno arrestato per articoli critici nei confronti del regime e anche per prediche sovversive e presunto “spionaggio” a favore del Vaticano. Dopo essere stato detenuto per due settimane, è stato condannato a 12 anni di carcere. Kajpr ha scontato la pena in diverse prigioni ceche e ha trascorso, in totale, più di un anno in isolamento. Secondo testimoni dell’epoca, anche nelle carceri continuò la sua opera spirituale. Morì nel settembre 1959 nella prigione di Leopoldov dopo aver subito un infarto. Secondo il gesuita e storico Miroslav Herold, la sua morte ha provocato una rapida reazione: «Immediatamente dopo la sua morte, le persone intorno a lui erano convinte che Kajpr fosse stato un martire del regime. Un martire morto per le sue convinzioni».

Oggi le spoglie di Kajpr si trovano a Vyšehrad a Praga, vicino al famoso mausoleo di Slavín, dove si trovano alcuni dei più importanti cechi della storia. Tuttavia, anche questo suo percorso non è stato facile. Dopo essere morto in prigione, Kajpr è stato sepolto nel cimitero locale. E secondo lo storico Jaroslav Šebek, la sua riesumazione fu possibile solo anni dopo: «I comunisti cercarono di denigrare i gesuiti, non solo negli anni Cinquanta, ma per lungo tempo. Li hanno mostrati come il male più grande. Ecco perché è stato possibile trasportare i resti di Kajpr solo nel 1968, grazie alla Primavera di Praga. Così Kajpr fu sepolto a Vyšehrad». Nel 2019, il corpo di Kajpr è tornato nel luogo in cui ha prestato servizio come sacerdote, nella chiesa di Sant’Ignazio a Praga. Ed è qui che è iniziato anche il cammino verso la sua beatificazione. I documenti raccolti dai gesuiti ora viaggiano a Roma, dove saranno valutati. La decisione finale spetta a Papa Francesco. Se la richiesta dei gesuiti sarà approvata, Adolf Kajpr diventerà il primo gesuita ceco ad essere beatificato. (Fonte)


Potrebbe interessarti anche