domenica 09 maggio 2021
  • 0
NEWS 25 maggio 2020    di Redazione

Giornalista arrestata per aver raccontato il COVID-19 a Wuhan

Zhang Zhan, una giornalista video indipendente che ha pubblicato numerosi video/denuncia da Wuhan su Twitter e YouTube dall’inizio di febbraio, è scomparsa il 14 maggio, un giorno dopo aver pubblicato un video critico sulle contromisure del governo per contenere il virus. Il 15 maggio, l’Ufficio di Pubblica Sicurezza Municipale di Shanghai ha emesso un avviso in cui affermava che Zhang era stata arrestata e detenuta per «aver turbato la stabilità sociale e creato problemi di ordine pubblico», e che sarebbe stata trattenuta nel centro di detenzione di Pudong Xinqu. Se condannata, potrebbe rischiare fino a cinque anni di reclusione, secondo il codice penale cinese.

«La Cina è orgogliosa della gestione della pandemia COVID-19, ma sembra mortalmente spaventata dal consentire ai giornalisti indipendenti come Zhang Zhan di raccontare liberamente la storia di ciò che sta accadendo», ha dichiarato il coordinatore del programma CPJ Asia Steven Butler, a Washington, DC, «le autorità dovrebbero liberare Zhang immediatamente e consentirle di continuare l’importante lavoro di documentazione dell’impatto della malattia».

Da quando è arrivata a Wuhan all’inizio di febbraio, Zhang ha pubblicato molti video tra cui interviste con imprenditori locali che sono stati gravemente colpiti dalla pandemia e con lavoratori che hanno lottato per trovare lavoro in città. La 37enne ha spesso attaccato il governo cinese, colpevole ai suoi occhi di aver gestito in modo inadeguato la crisi e di aver privato il popolo cinese dei suoi diritti fondamentali. CPJ ha chiamato l’Ufficio di pubblica sicurezza di Wuhan per un commento, ma nessuno ha risposto. Un ufficiale dell’Ufficio di pubblica sicurezza municipale di Shanghai ha detto a CPJ di chiamare il centro di detenzione di Pudong Xinqu per informazioni sull’arresto di Zhang. CPJ ha chiamato il centro, ma, anche qui, nessuno ha mai risposto.

Secondo molti osservatori, le autorità stanno sfruttando la lotta al coronavirus per reprimere il dissenso interno. Il giornalista video Chen Quishi, che si è recato a Wuhan per riferire sulla pandemia alla fine di gennaio, è scomparso dopo aver detto alla sua famiglia che aveva programmato di visitare un ospedale temporaneo il 6 febbraio, come documentato all’epoca CPJ. Il giornalista freelance Li Zehua, scomparso dopo aver pubblicato due video in streaming in cui si afferma che gli agenti di sicurezza dello stato lo stavano perseguendo il 26 febbraio, è riapparso due mesi dopo affermando che era stato messo in quarantena dalla polizia perché era stato in «aree epidemiche» secondo notizie rapporti. (Fonte)


Potrebbe interessarti anche