venerdì 14 giugno 2024
  • 0
Gmg Lisbona. Mons. Gallese: «La cura del creato parte dall’amore per il Creatore»
NEWS 3 Agosto 2023    di Guido Gallese

Gmg Lisbona. Mons. Gallese: «La cura del creato parte dall’amore per il Creatore»

Pubblichiamo di seguito uno stralcio della catechesi di monsignor Guido Gallese, vescovo di Alessandria, tenuta il 2 agosto al Centro Civico de Carnaxide, periferia di Lisbona, ai 2.500 giovani che stanno prendendo parte alla Gmg e provengono da Torino, Asti, Alessandria, Biella, Mondovì, Ivrea, Pinerolo, Vercelli, Aosta. Lo stralcio è una trascrizione autorizzata, ma non rivista dall’autore.

L’ecologia, così come è stata vista da Papa Francesco nella enciclica Laudato Sii, non è un semplice problema tecnico-ingegneristico. C’è anche questo, perché poi le nostre scelte arriveranno fino all’aspetto tecnico. Ma Papa Francesco, nella Laudato Si, parla della conversione ecologica: dice che desidera proporre ai cristiani alcune linee di spiritualità ecologica. E dice che non si tratta tanto di parlare di idee, quanto soprattutto delle motivazioni che derivano dalla spiritualità al fine di alimentare una passione per la cura del creato. Questo è il punto.

Quindi andare alle motivazioni che derivano dalla spiritualità per alimentare una passione per la cura del creato. E questa passione è una passione che ha un sapore diverso da quella degli altri, perché viene da una visione spirituale della realtà. Un po’ come la carità. Non è semplicemente dar da mangiare alle persone che non hanno da mangiare. Questo è un livello umano. Va bene. Ma non è il modo cristiano. Il modo cristiano parte da una spiritualità, parte da un amore per i fratelli che è informato dall’amore stesso di Dio che è stato riversato nei nostri cuori con il dono dello Spirito. È l’amore di Cristo che passa attraverso di me.

Ricordate madre Teresa di Calcutta? Madre Teresa, che aveva un’intensissima vita di carità, faceva sentire l’amore di Cristo alle persone che curava. Infatti, io mi ricordo i racconti del Cardinal Canestri, che aveva bazzicato la casa delle suore di Madre Teresa a Roma e diceva che madre Teresa voleva che le sue suore facessero un’ora di adorazione tutti i giorni prima di andare a incontrare i poveri. E se qualcuna, per una qualche motivazione, non era riuscita a fare l’adorazione, le diceva di stare a casa a fare l’adorazione e prega per noi: «Se no porteresti solo te stessa». Porteresti solo te stessa. Cioè: il cristiano porta qualcosa di speciale, l’amore di Dio, che dobbiamo ottenere dalla relazione con Lui. Lo stesso è per l’ecologia integrale. E papa Francesco riprende una citazione di Papa Benedetto XVI, che dice: «i deserti esteriori si moltiplicano nel mondo perché i deserti interiori sono diventati così ampi». Cioè, il mondo si desertifica, ma noi ci stiamo desertificando dentro, quindi questa cosa finisce proiettata nel mondo, perché siamo delle persone che consumano, ma non amano, quindi non si prendono cura.

[Per fare questo, per prendersi davvero cura] vivete la natura, non parlate della natura, vivete la natura, state nella natura, sentitene il respiro, guardatela, respiratela e collegatela con Dio, che ne è l’origine. […]

+Vescovo di Alessandria

(Immagine: Flickr JMJ Lisboa 2023)


Potrebbe interessarti anche