domenica 27 settembre 2020
  • 0
NEWS 4 agosto 2014    
I magi non sono una favola. Scola va a Colonia per l’850° anniversario del loro «furto» da Milano

Il cardinale Angelo Scola rappresenterà papa Francesco alla celebrazione dell’850° anniversario della traslazione delle reliquie dei Re Magi da Milano a Colonia, in Germania, che si svolgerà il 28 settembre prossimo. La notizia è stata confermata dalla Santa Sede nei giorni scorsi

Non si sa se i Re Magi morirono insieme ma a quanto pare furono sepolti tutti nello stesso luogo perché, secondo la tradizione, i loro resti furono trovati dall’imperatrice Elena, madre di Costantino, sul monte Vaus, identificato con il monte Sabalan, nell’attuale Azerbaijan. Qui i Re Magi consacrarono una cappella dedicata a Gesù e lì si sarebbero rincontrati tutti gli anni. Un’altra tradizione dice che i Re Magi tornarono a Gerusalemme dopo la crocifissione e lì sarebbero stati martirizzati.

L’imperatrice Elena, Sant’Elena, portò le reliquie dei Re Magi a Santa Sofia di Costantinopoli. Un’altra tradizione del XII secolo ci narra come Eustorgio, successivamente Sant’Eustorgio, nel 343 si recò a Costantinopoli per ricevere la conferma della sua nomina come vescovo di Milano. Se ne tornò non solo confermato vescovo, ma anche con un enorme sarcofago contenente le preziosissimereliquie dei Re Magi che aveva ricevuto in dono dall’imperatore. Il sarcofago era trainato da buoi. Quando arrivarono a Milano i buoi ad un certo punto si impuntarono e non vollero proseguire. Eustorgio quindi capì che le reliquie volevano rimanere in quel posto e abbandonò l’idea di portarle nella cattedrale.

La basilica di San Eustorgio di Milano sorge proprio in quel punto. Un capitello raffigurante i buoi che trasportano il sarcofago ci illustra quest’episodio. Il sarcofago fu sistemato in una cappella apposita e le reliquie rimasero lì fino al 1162 anno in cui arrivò Federico Barbarossa e mise a sacco la città, portando con sé le reliquie dei Re Magi come parte del bottino. Egli le donò all’arcivescovo di Colonia, Rainaldo di Dassel, che le tolse dal sarcofago per non dare troppo nell’occhio. Rainaldo, infatti, era in aperto dissidio con il papa di Roma dal momento che appoggiava l’antipapa e per questo successivamente venne anche scomunicato. Queste reliquie, pertanto, una volta portate in Germania, lo avrebbero aiutato ad aumentare il suo prestigio consentendogli di volgere una serie di cose a suo favore, come di fatto successe. Per non parlare del prestigio del luogo perché, una reliquia allora poteva cambiare il destino di una città.

Ora il problema era dare una degna dimora ai resti di questi tre illustri monarchi. Per questo motivo poco tempo dopo (1248) iniziarono i lavori di costruzione della nuova cattedrale che andarono avanti per circa tre secoli. L’enorme arca del secolo XIII dove furono sistemate le famose spoglie si trova tuttora dietro l’altare maggiore del duomo di Colonia. È di legno ed argento dorato, pesa trecento chili e misura circa due metri e mezzo per uno. È probabilmente il più grande sarcofago del mondo.

Ma torniamo a Milano. Dopo questo furto la basilica di Sant’Eustorgio rimase senza le sue più preziose reliquie. Il grande sarcofago di marmo grezzo portato dal vescovo Eustorgio, con l’iscrizione "Sepulcrum Trium Magorum" e con una stella cometa, era rimasto vuoto. E pensare che la basilica fu costruita proprio per albergarle! che in alto, sul suo campanile, invece di esserci una croce c’è una stella a 8 punte! oltretutto era una tappa obbligatoria per tutti i pellegrini che dal Nord Europa si recavano a Roma prima di proseguire per Gerusalemme. Bisognava riaverle. Furono tante le richieste di restituzione durante i secoli che alla fine i milanesi riuscirono, nel 1904, a farsene restituire una piccola parte. Furono sistemate di nuovo nella cappella dei Magi, non nel sarcofago grande, ma in una teca sopra l’altare.

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: