lunedì 22 aprile 2024
  • 0
La fede nei parastinchi, il segreto del capitano della nazionale croata
NEWS 16 Novembre 2020    di Redazione

La fede nei parastinchi, il segreto del capitano della nazionale croata

Mentre vediamo crescenti attacchi contro i cattolici e i luoghi di culto cattolici – negli Stati Uniti, in Francia e in Cile, solo per fare riferimento ad alcuni recenti incidenti – è incoraggiante ricordare l’esempio di personaggi pubblici che non hanno paura di vivere la loro fede in modo visibile. Un esempio, che sta facendo di nuovo il giro su internet, è quello di Luka Modric, un calciatore professionista croato che gioca per il Real Madrid ed è il capitano della nazionale croata.

A differenza degli altri calciatori del suo calibro, la vita privata di Luka Modric è stata sempre molto riservata. Il croato è sposato dal 2010 con Vanja Bosnic, che oltre ad essere la moglie è anche il suo agente. La coppia ha due figli: Ivano ed Ema. Un anno fa, a settembre, le telecamere lo hanno ripreso a baciare ripetutamente i parastinchi prima di entrare in campo per la seconda metà di una partita tra la sua squadra e il Barcellona. Non stava baciando la sua attrezzatura per ricevere protezione; in realtà è un rituale che spesso esegue, con un significato molto più profondo.

La spiegazione è che sui suoi parastinchi, ha una foto della sua famiglia e un’immagine di Gesù Cristo. Questo non è l’unico modo in cui ha manifestato la sua devozione alla sua famiglia; quando ha vinto il Pallone d’Oro nel 2018 come “Miglior Giocatore” nella Coppa del Mondo di quell’anno, ha dichiarato come la sua famiglia lo abbia aiutato a «fiorire come persona», e ha aggiunto:

«Sono grato alla mia famiglia perché è grazie a loro che sono una persona migliore e mi hanno aiutato a diventare un professionista migliore». Inoltre, questo equipaggiamento protettivo ha un altro significato molto speciale per lui. La sua infanzia è stata trascorsa nel bel mezzo della guerra dei Balcani. Suo padre è stato chiamato dall’esercito croato, suo nonno è stato ucciso da un gruppo di serbi vicino a casa sua, e lui e sua madre hanno dovuto fuggire a Zadar. Hanno alloggiato in un hotel. Attraverso tutto questo tumulto, Modric non ha mai smesso di giocare a calcio. Anche anni dopo, un ex addetto alla reception ha scherzato sul fatto che aveva rotto più vetri con la sua palla lui di quanto avessero fatto le bombe stesse.

È proprio lì che fu scoperto da Tomislav Basic, capo dell’accademia giovanile di Zadar, che ricorda di aver fatto a Modric alcuni parastinchi di legno (che Basic conserva ancora) perché la sua famiglia aveva a malapena abbastanza soldi per sopravvivere. Molto è cambiato da allora, anche i suoi parastinchi, che ora sono fatti di fibra di carbonio. Una cosa rimane la stessa tuttavia, e questa è la convinzione di Modric che le cose più importanti della sua vita sono la sua famiglia e la sua fede cattolica. (Fonte)


Potrebbe interessarti anche