sabato 08 maggio 2021
  • 0
NEWS 25 settembre 2020    di Redazione

Il presidente Donald Trump firmerà l’Ordine esecutivo “Born Alive”

Il presidente Donald Trump ha annunciato mercoledì la sua intenzione di firmare un ordine esecutivo sulla protezione di tutti i bambini nati vivi, facendo eco alle argomentazioni a favore del Born-Alive Abortion Survivors Protection Act, un disegno di legge che deve ancora essere approvato dal Congresso. In un messaggio registrato per la National Catholic Prayer Breakfast di mercoledì, Trump ha detto che «difenderà sempre il sacro diritto alla vita».

«Oggi annuncio che firmerò l’Ordine esecutivo Born Alive per garantire che tutti i preziosi bambini nati vivi, indipendentemente dalle circostanze, ricevano le cure mediche che meritano», ha detto Trump. «Questo è il nostro sacrosanto dovere morale».

Jennie Bradley Lichter, una vice assistente del presidente che ha assistito nella stesura dell’ordine esecutivo, ha dichiarato in un’intervista del 23 settembre che l’Ordine esecutivo Born-Alive garantirà che gli ospedali che ricevono finanziamenti federali «abbiano l’obbligo di far rispettare determinate leggi che garantiscono lo screening medico e il trattamento appropriato a ogni paziente, compresi i bambini. Questo dovrebbe essere ovvio, ma sfortunatamente alcuni ospedali non rispettano tale obbligo». L’ordine, ha detto Licther, farà anche in modo che «ogni genitore e ogni membro del personale ospedaliero sappia come presentare un reclamo se pensano di assistere ad una violazione» delle leggi che proteggono le cure di questi pazienti. E cercherà «ogni opportunità per aumentare i finanziamenti per la ricerca neonatale che aumenterebbe i tassi di sopravvivenza per i bambini nati in vari tipi di disagio medico e la formazione per professionisti medici su come trattare i bambini nati in queste circostanze».

Sebbene il testo dell’ordine esecutivo non sia ancora disponibile, probabilmente rispecchierà il Born-Alive Abortion Survivors Protection Act, un disegno di legge che permetterebbe ai neonati che sopravvivono alle procedure di aborto di ricevere le cure mediche appropriate per la loro età gestazionale. In una recente lettera ai leader pro-vita, Trump si è impegnato a firmare il Born-Alive Abortion Survivors Protection Act in legge se fosse eletto per un secondo mandato. Il Born-Alive Abortion Survivors Protection Act è stato introdotto dal senatore Ben Sasse. I fautori del disegno di legge sostengono che l’attuale legge federale non protegge adeguatamente un bambino che sopravvive a un tentativo di aborto. Alcuni stati, come New York, hanno addirittura ridotto le protezioni per questi bambini. In una dichiarazione Sasse ha dichiarato: «Questo è una affermazione elementare: ogni bambino merita una possibilità di combattere. Sia che sia nato in una terapia intensiva neonatale all’avanguardia o in una clinica per aborti in un centro commerciale, questi bambini meritano cure mediche e dignità», ha detto Sasse. «L’ordine esecutivo di oggi è un passo nella giusta direzione, ed è ora che il Congresso cambi la legge per assicurarsi che ogni bambino sia protetto».

Sasse ha detto che spera che il Congresso approvi il Born-Alive Abortion Survivors Protection Act. Nel 2002 il Congresso ha approvato il Born-Alive Infants Protection Act, che impone pieni diritti legali per i bambini «nati vivi in ​​qualsiasi fase dello sviluppo». La legge riconosce che un bambino nato vivo da un aborto fallito è una persona giuridica, ma non impone la fornitura di cure mediche adeguate. Resta da vedere fino a che punto un ordine esecutivo possa realizzare ciò che intende il disegno di legge Born-Alive, poiché il testo, al momento della pubblicazione, non è ancora stato pubblicato.

Jeanne Mancini, presidente della March for Life Education and Defense Fund, ha dichiarato il 23 settembre di essere «felicissima e sorpresa» dall’annuncio di Trump. «La maggior parte degli americani concorda sul fatto che un bambino che sopravvive a un aborto fallito meriti la protezione della salute di un cittadino americano, e questo è essenzialmente ciò che questo ordine esecutivo chiede».


Potrebbe interessarti anche