lunedì 28 novembre 2022
  • 0
NEWS 5 Ottobre 2022    di Federica Di Vito

Il secondo mandato del «cattolico» Biden? Non lo vogliono anzitutto i cattolici

La maggior parte dei cattolici ritiene che il presidente Joe Biden, il secondo presidente cattolico della nazione, non dovrebbe candidarsi per un secondo mandato nel 2024. Lo rivela un nuovo sondaggio EWTN News/RealClear Opinion Research sui probabili elettori cattolici pubblicato lunedì. Il sondaggio, condotto dal Gruppo Trafalgar dal 12 al 19 settembre ha intervistato 1.581 elettori cattolici in vista delle elezioni dell’8 novembre e ha un margine di errore del 2,5%.

Il questionario è stato somministrato utilizzando un mix di sei metodi diversi, tra cui telefonate dal vivo, messaggi di testo ed e-mail. Tra i punti salienti del sondaggio, gli elettori cattolici indicano l’inflazione e l’economia come le questioni più critiche che il Paese deve affrontare, e la maggior parte afferma di essere molto preoccupata per lo stato dell’istruzione, specialmente dopo i blocchi causati dalla pandemia di Covid-19.

Alla domanda su come pensano che Biden stia gestendo il suo lavoro di presidente, quasi il 52% degli elettori cattolici lo ha disapprovato (5%) o fortemente disapprovato (47%); circa il 46% approvato (32%) o fortemente approvato (14%). Solo il 2% degli elettori non aveva opinioni. La maggioranza dei cattolici (58%) ritiene che Biden non dovrebbe candidarsi per un secondo mandato nel 2024, mentre solo il 22% sostiene una seconda elezione; il 19% dei cattolici non è sicuro. Anche la maggior parte dei cattolici (67%-27% con il 10% non sicuro) non vuole che l’ex presidente Donald Trump si candidi di nuovo alla presidenza nel 2024.

Alla domanda se avrebbero votato per un candidato democratico o repubblicano, quasi il 49% dei cattolici voterebbe per il candidato repubblicano mentre il 45% avrebbe scelto il democratico, con il resto non ne sono sicuro. Tra i cattolici che frequentano la messa una volta alla settimana o più spesso, il 75% dice che voterebbe per il candidato repubblicano, mentre il 54% di coloro che partecipano alcune volte all’anno o meno voterebbe per il candidato democratico.

Sulla questione dell’aborto, il sondaggio è stato condotto dopo il rilascio della Corte suprema del 24 giugno che ha ribaltato la Roe v. Wade e ha esaminato se i cattolici sono d’accordo o in disaccordo con la decisione della Corte suprema. Si trovano quasi equamente divisi, con il 48% che afferma che l’aborto dovrebbe essere un diritto protetto a livello federale e il 46% che ogni stato dovrebbe determinare la propria politica di aborto; il 6% non era sicuro. Tuttavia, il 13% dei cattolici afferma che l’aborto dovrebbe essere disponibile per una donna in qualsiasi momento durante la gravidanza, mentre l’8% afferma che l’aborto non dovrebbe mai essere consentito in nessuna circostanza.

In generale, la maggior parte dei cattolici ammette restrizioni solo in casi di stupro, incesto o per salvare la vita della madre. Nel dettaglio, il 27% fino a 15 settimane, quando il bambino può sentire dolore, 20%; solo durante i primi sei mesi di gravidanza, 13% fino a quando non si può rilevare un battito cardiaco, 10% solo per salvare la vita della madre. I cattolici che frequentano la messa una volta alla settimana o più favoriscono la rovesciamento di Roe del 75%, mentre il 50% di coloro che frequentano alcune volte all’anno o meno crede che l’aborto dovrebbe essere un diritto protetto a livello federale.

L’aborto, tuttavia, non è la questione più importante per gli elettori cattolici. Sebbene sia un elemento importante della campagna democratica, l’aborto risulta secondario rispetto ad altre questioni, tra cui l’inflazione e l’economia. Solo il 10% dei cattolici afferma che l’aborto è la questione più importante che la nazione deve affrontare, mentre il 34% dice inflazione e quasi il 20% economia/lavoro. Alla domanda su quanto le loro finanze personali siano state influenzate dall’aumento dei prezzi e dall’inflazione, l’81% degli elettori cattolici dice che l’inflazione li ha colpiti, mentre solo il 19% dice non molto o niente. Una pluralità (41%) incolpa Biden e la sua amministrazione, mentre quasi il 32% il Covid-19 o l’invasione russa dell’Ucraina (più del 9%).

Un altro dato rilevante è il calo del sostegno tra gli elettori cattolici ispanici, tradizionalmente un’importante fonte di voti per il Partito democratico. Alla domanda su come pensano che Biden stia gestendo il suo lavoro di presidente, il 50% dei cattolici ispanici afferma di approvare fortemente (11%) o approvare (39%), mentre quasi il 47% afferma di disapprovare (7%) o disapprovare fortemente (40%). I numeri di Biden tra i cattolici bianchi sono assai peggiori, con il 54% di forte disapprovazione (51%) o disapprovazione (4%), rispetto al 44%, che approva fortemente (16%) o approva (28%). Tra i cattolici afro-americani, Biden gode di un tasso di approvazione molto alto del 90%, con il 12% che approva con forza e il 78% che approva.

Un’altra area di preoccupazione per molti cattolici è quella dell’istruzione, specialmente all’indomani della pandemia che ha avuto un impatto sulle scuole in tutto il Paese. Tre quarti dei cattolici hanno affermato di essere preoccupati per un “deficit Covid” negli scolari; circa il 17% ha dichiarato di non essere preoccupato e il 10% di non essere sicuro. La maggioranza dei cattolici (quasi il 78%) sostiene fortemente (47%) o sostiene (21%) una politica che consenta agli studenti di usufruire dei fondi pubblici per scegliere le scuole o i servizi che meglio si adattano alle loro esigenze, tra cui una scuola pubblica, una scuola privata, una scuola charter, una scuola a casa, una scuola parrocchiale o qualsiasi altro ambiente di apprendimento.

La maggioranza dei cattolici si oppone alla presenza di ragazzi che si identificano come ragazze nelle squadre sportive femminili (76%-14%) e si oppongono all’introduzione della Critical Race Theory (esame interdisciplinare, da parte di studiosi e attivisti dei diritti sociali e dei diritti civili, per esplorare come le leggi, i movimenti sociali e politici e i media modellano e sono modellati dalle concezioni sociali di razza ed etnia) in classe (60%-29%).

Abbonati alla rivista!


Potrebbe interessarti anche