sabato 31 luglio 2021
  • 0
NEWS 13 gennaio 2021    di Redazione

Il vescovo Paprocki riflette sui fatti di Capitol Hill

Il vescovo Thomas Paprocki di Springfield, Illinois, ha offerto questa omelia per la festa del Battesimo del Signore il 10 gennaio. È stata pubblicata con il suo permesso qui e il Timone offre ai suoi lettori la traduzione dei passaggi più significativi.

di Thomas Paprocki*

Miei cari fratelli e sorelle in Cristo:

Sei un seguace di Cristo o solo un ammiratore di Cristo? Questa distinzione tra seguaci di Cristo e semplici ammiratori del nostro Salvatore è spiegata in un libro pubblicato di recente da Rod Dreher intitolato Live Not by Lies: A Manual for Christian Dissidents. Racconta la storia di un artista che dipinge immagini di storie bibliche sul muro della chiesa del villaggio. L’artista lamenta la propria incapacità di dipingere una vera rappresentazione di Cristo. Dice che le sue immagini confortano i credenti, ma non li portano al pentimento e alla conversione. Il pittore dice con rammarico: “Creiamo ammiratori. Non creiamo seguaci”. […] In altre parole, come dice Dreher, “Gli ammiratori amano essere associati a Gesù, ma quando arrivano problemi, o si rivoltano contro di lui o in qualche modo cercano di mettere le distanze tra loro e il Signore. L’ammiratore vuole il conforto e il vantaggio che deriva dall’essere un cristiano, ma quando i tempi cambiano e Gesù diventa uno scandalo o peggio, l’ammiratore si piega… Il seguace riconosce il costo del discepolato ed è disposto a pagarlo “.

[…] La seconda lettura odierna della Prima Lettera di San Giovanni ci dice che “l’amore di Dio è questo, che osserviamo i suoi comandamenti” (1 Giovanni 5: 3). Ho sentito alcuni cristiani congratularsi con se stessi per essere stati buoni cristiani perché non hanno ucciso nessuno né rapinato una banca. L’assassinio e la rapina coinvolgono un paio di comandamenti molto importanti, ma ci sono altri otto comandamenti nel Decalogo oltre a questi due. […] Ecco una prova più difficile del discepolato. Nel suo discorso della montagna, Gesù ci ha dato questo comandamento: Hai sentito che è stato detto: “Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico”. Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per coloro che vi perseguitano, affinché possiate essere figli del vostro Padre celeste, poiché egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni e fa cadere la pioggia sui giusti e l’ingiusto. Perché se ami quelli che ti amano, quale ricompensa avrai? Gli esattori delle tasse non fanno lo stesso? E se saluti solo i tuoi fratelli, cosa c’è di insolito in questo? I pagani non fanno lo stesso? Quindi sii perfetto, proprio come è perfetto il tuo Padre celeste.

In quanto figli del nostro Padre celeste, ci è stato comandato di amare i nostri nemici. In effetti, questo straordinario insegnamento è ciò che distingue i primi cristiani e distingue il cristianesimo dalle altre religioni. Se i seguaci di Cristo amassero davvero i loro nemici, questo amore sarebbe contagioso, più persone sarebbero ispirate a diventare cristiane e noi vivremmo in un mondo pacifico. Purtroppo, troppe persone che si definiscono cristiane non vivono di questo comandamento fondamentale. Come ha detto GK Chesterton: “L’ideale cristiano non è stato provato ed è stato trovato carente. È stato trovato difficile; e lasciato in sospeso”.

Sei un seguace di Cristo o solo un ammiratore di Cristo? Se pensi di essere molto bravo ad amare i tuoi nemici e quindi di essere un vero seguace di Cristo, ti pongo questa domanda:

Se hai votato per Joe Biden alla presidenza, puoi dire di amare Donald Trump e i suoi sostenitori?

Se hai votato per rieleggere Donald Trump, puoi dire di amare Joe Biden e i suoi sostenitori?

La domanda mette le persone a disagio perché tendiamo a equiparare l’amore a un caldo sentimento di affetto. Amare qualcuno non significa, tuttavia, che devi essere d’accordo con lui o addirittura che ti piaccia. L’amore implica qualcosa di molto più profondo di questo. San Tommaso d’Aquino diceva che “amare è volere il bene dell’altro”.

Anche se non provi un caldo affetto per i tuoi nemici, puoi comunque pregare e cercare il bene per quella persona. In politica, piuttosto che cercare la distruzione dei tuoi avversari, le persone con punti di vista diversi dovrebbero lottare seriamente per la conversione dei loro avversari attraverso la ragione e la persuasione, non attraverso la violenza.

Il nostro paese è stato scosso dalla violenza sia da sinistra che da destra negli ultimi mesi e anche durante la scorsa settimana. Come nazione, ci siamo allontanati dalle radici giudaico-cristiane dei nostri fondatori. Il primo emendamento della Costituzione degli Stati Uniti protegge “il diritto del popolo di riunirsi pacificamente e di presentare una petizione al governo per una riparazione dei reclami”. Dobbiamo enfatizzare nuovamente la parola “pacificamente” nell’esercizio di tale diritto. Poco più di due settimane fa abbiamo celebrato la nascita del nostro Salvatore, la cui venuta era stata predetta dal profeta Isaia: “Poiché un bambino ci è nato, un figlio ci è dato; sulle sue spalle riposa il dominio. Lo chiamano Consigliere miracoloso, Dio-eroe, Padre per sempre, Principe della pace” (Isaia 9: 5). Cristo è il principe della pace. Se vogliamo vivere in un mondo pacifico, dobbiamo essere veri seguaci del Principe della Pace, non solo ammiratori a distanza (…).

*Vescovo di Springfield




Potrebbe interessarti anche