sabato 2 marzo 2024
  • 0
Immigrazione, alla Francia costa quasi 2 miliardi di euro l’anno. E a noi?
NEWS 8 Gennaio 2024    di Paola Belletti

Immigrazione, alla Francia costa quasi 2 miliardi di euro l’anno. E a noi?

Sarebbe dovuto uscire il 13 dicembre, ma la sua pubblicazione è stata intenzionalmente differita. Ad ammetterlo Pierre Moscovici, già ministro dell’economia e delle finanze nei due governi Ayrault, e attualmente primo presidente della Corte dei Conti della Repubblica francese. Si tratta del rapporto sull’immigrazione clandestina in Francia, fenomeno contro il quale il governo aveva promesso il pugno di ferro: il ministro dell’Interno Gérald Darmanin sbandierava fieramente l’efficacia della sua gestione degli immigrati clandestini e afferma che il tasso di espulsione degli stranieri delinquenti è aumentato del 30%. Il rapporto che riferisce i numeri del fenomeno migratorio – che si configura oggi come epocale per tutta l’Europa, come ha evidenziato il Timone di novembre (qui per abbonarsi) – è invece un atto di accusa contro l’operato del governo.

TEMPISMI SOSPETTI

Darmanin, che non ha potuto far tornare i conti in modo che confermassero la bontà della gestione dell’esecutivo di Macron, ha deciso di non renderli noti nel momento in cui avrebbero potuto pesare maggiormente sul dibattito parlamentare che proprio in quei giorni si stava infiammando, l’ 11 dicembre infatti l’Assemblea nazionale aveva bocciato il progetto di legge sull’immigrazione: la mozione è stata votata con 270 voti favorevoli contro 265, impedendo di fatto l’approvazione del progetto di legge all’Assemblea nazionale e infliggendo l’ennesima sconfitta politica alla maggioranza di Macron. La proposta di legge era invece passata al Senato francese qualche settimana fa e numerose organizzazioni si erano mobilitate per evitare che il progetto di legge passasse in via definitiva.

Il presidente della Corte ha spacciato per rigore morale una omissione, se non una manomissione strumentale a favore del governo in carica (e sotto una fitta grandine di malcontento sociale): si è difeso spiegando che non voleva che “questa pubblicazione interferisse in alcun modo con il dibattito politico”. A prendere in considerazione i numeri del rapporto si capisce anche come a pensar male, anche in questo caso, si rischi poco di sbagliare.

CONTROLLI INESISTENTI, RISORSE SCARSE, SPESA ELEVATA

Nel pezzo a firma di l’elenco, seppure sintetico, è impietoso: la gestione delle frontiere è giudicata catastrofica, con controlli di identità praticamente mai effettuati e nessuna informazione seriamente raccolta. Le amministrazioni e i tribunali responsabili delle deportazioni sono totalmente saturi, poiché il numero di ordini di lasciare la Francia (Obligation de Quitter le Territoire Français, o OQTF) emessi è effettivamente aumentato del 60% negli ultimi cinque anni, mentre il numero di personale responsabile del loro trattamento è aumentato solo del 9%. Gli OQTF sono spesso contestati e i tribunali amministrativi non sono in grado di gestire correttamente i casi a causa della mancanza di personale e risorse.

Altro limite significativo è la mancanza di applicazione degli ordini di espulsione emessi: solo il 10% diventa effettivo: di sicuro questa sproporzione non rimanda un’immagine di semplice disorganizzazione; ciò che comunica all’opinione pubblica nazionale e internazionale è un senso di inefficacia e perdita di controllo da parte dell’autorità politica. Tra i numeri che l’ex ministro socialista ha preferito tacere il più a lungo possibile spicca senz’altro quello del costo dell’immigrazione clandestina sui bilanci dello Stato: 1,8 miliardi di euro all’anno, essenzialmente a carico del Ministero dell’Interno. Questa cifra sconcertante mina un argomento spesso avanzato dalla sinistra, vale a dire che l’immigrazione ha “arricchito” il paese. E il rapporto della Corte esamina solo il costo dell’immigrazione illegale.

CRISI MIGRATORIE: È ORA CHE LA REALTÀ PREVALGA SULL’IDEOLOGIA

 


Potrebbe interessarti anche