lunedì 28 novembre 2022
  • 0
NEWS 14 Giugno 2022    di Redazione

«In Nigeria i cristiani massacrati per odio, non per il global warming»

Il vescovo Jude Ayodeji Arogundade di Ondo ha risposto a una dichiarazione rilasciata dal presidente irlandese Michael D. Higgins dopo il massacro del 5 giugno nella chiesa cattolica di St. Francis Xavier a Owo, nel sud-ovest della Nigeria. Higgins ha condannato l’attacco del 7 giugno, ma sembrava collegarlo alle «conseguenze del cambiamento climatico».

«Mentre ringrazio l’onorevole Higgins per essersi unito ad altri per condannare l’attacco e per offrire la sua solidarietà alle vittime, le sue ragioni per questo raccapricciante massacro sono errate e inverosimili», ha detto Arogundade in un messaggio del 10 giugno. Il vescovo ha affermato di sentirsi in dovere di affrontare la dichiarazione del presidente a causa dei legami storici tra la Repubblica d’Irlanda e la sua diocesi. «I primi due vescovi della diocesi di Ondo erano uomini irlandesi, l’edificio della Chiesa in cui è avvenuto l’attacco è stato costruito da missionari irlandesi e alcune delle persone uccise sono state battezzate o hanno ricevuto i sacramenti della Cresima e del Matrimonio da molti venerabili missionari irlandesi» ha scritto. «Inoltre, uomini e donne irlandesi hanno gettato le basi della fede per noi in questa parte del mondo. Ai loro ricordi eterni, restiamo grati».

Ha aggiunto: «Suggerire o stabilire un collegamento tra le vittime del terrorismo e le conseguenze dei cambiamenti climatici non è solo fuorviante, ma è anche esattamente uno sfregio sulle ferite di tutti coloro che hanno subito il terrorismo in Nigeria. Le vittime del terrorismo sono di un’altra categoria a cui nulla può essere paragonato! È molto chiaro a chiunque abbia seguito da vicino gli eventi in Nigeria negli ultimi anni che le questioni alla base degli attacchi terroristici, del banditismo e dell’assalto incessante in Nigeria e nella regione del Sahel e il cambiamento climatico non hanno nulla in comune».

Secondo quanto riferito, il governo nigeriano sospetta che il massacro di uomini, donne e bambini nella chiesa, che ha anche provocato il ferimento di oltre 126 persone, sia stato compiuto dal gruppo di ribelli Provincia dell’Africa occidentale dello Stato islamico (ISWAP). I commenti di Arogundade sono stati ripresi dall’attivista cattolico britannico per i diritti umani David Alton. Alton, un membro indipendente della Camera dei Lord, la camera alta del parlamento del Regno Unito, si è lamentato del fatto che le sofferenze dei nigeriani abbiano suscitato “scarso interesse” nei media mainstream.

«Ed è sorprendente la rapidità con cui politici e commentatori tirano fuori la stessa narrativa banale secondo cui i fattori trainanti di tale carneficina sono il cambiamento climatico e la mancanza di risorse», ha scritto sul suo sito web il 12 giugno. «Dicono che le cause sono “complicate”, senza quasi un accenno all’ideologia jihadista che sta dietro le infinite atrocità dell’Isis e di Boko Haram. E poi dicono che tutti soffrono e c’è una sorta di equivalenza con vittime provenienti da diverse estrazioni religiose. Dovrebbero dirlo alle famiglie i cui cari sono presi di mira, giorno dopo giorno, e vedere che tipo di risposta ricevono». Ha concluso dicendo che era «giunto il momento che il mondo si svegliasse con la sgradevole verità» sugli attacchi. Almeno 4.650 cristiani nigeriani sono stati uccisi per la loro fede nel 2021 e quasi 900 nei primi tre mesi del 2022.

La Nigeria è considerata il settimo peggior paese al mondo in cui essere cristiani, secondo il gruppo di difesa Open Doors. Alcune organizzazioni umanitarie ed esperti stanno persino raccogliendo prove che l’uccisione di cristiani nella nazione più popolosa dell’Africa costituisce un genocidio. Ma nel 2021, il paese dell’Africa occidentale è stato cancellato senza spiegazioni dall’elenco dei paesi del Dipartimento di Stato americano con le più eclatanti violazioni della libertà religiosa.

Il vescovo Arogundade ha aggiunto che le persone che hanno seguito da vicino gli eventi in Nigeria si renderebbero conto «che alludere a una qualche forma di politica del cambiamento climatico nella nostra situazione attuale è del tutto inappropriato. I terroristi sono liberi di massacrare, ferire e instillare il terrore in diverse parti della Nigeria da oltre otto anni non a causa di qualcosa di ragionevole ma perché sono malvagi, punto«, ha commentato. Il vescovo, che guida la diocesi di Ondo dal 2010, ha affermato che c’è «una profonda paura in ogni parte del Paese» per i diffusi rapimenti, nonché per gli attacchi a chiese, mercati e trasporti pubblici» (Fonte).

«Mentre stiamo ancora piangendo i nostri cari dopo l’orribile attacco, desidero fare appello a coloro che stanno cercando di approfittare di questo evento orribile per progettare qualsiasi forma di agenda ideologica, di desistere da tale opportunismo. Chiedo a tutti di pregare per la Nigeria e in effetti per la pace nel mondo. Le vittime del terrorismo e in effetti tutto il popolo della Nigeria sarebbero grati se i leader mondiali proponessero idee fruttuose al governo della Nigeria su come proteggere i cittadini e rendere la Nigeria un luogo sicuro in cui vivere. Questo sarebbe un modo migliore per onorare le vittime dell’odio e porre fine alle incessanti uccisioni in Nigeria».


Potrebbe interessarti anche