domenica 26 maggio 2024
  • 0
In Occidente molti islamici hanno festeggiato gli attacchi di Hamas
NEWS 10 Ottobre 2023    di Giuliano Guzzo

In Occidente molti islamici hanno festeggiato gli attacchi di Hamas

La guerra che infuria in Israele e a Gaza – con centinaia di vittime, feriti e ostaggi – è un orrore difficile da commentare; eppure offre spunti per riflessioni che non possono in alcun modo essere trascurate; anche perché si basano su fatti concreti. Un primo aspetto, già considerato ieri dal Timone, è quello del clamoroso e macroscopico fallimento dell’intelligence di Israele e Usa; un fallimento che pare inspiegabile, dato che, per le sue caratteristiche, l’operazione Tempesta deve necessariamente essere stata preparata per mesi – e proprio non si può pensare che a Gaza non vi siano uomini di Tel Aviv.

Un secondo aspetto che deve far pensare – e che riguarda però stavolta non Israele né la Palestina, bensì l’Occidente – sono le numerosissime reazioni di giubilo e non solo, da parte di vari esponenti del mondo islamico, alla notizia dell’attacco di Hamas. Basti vedere cos’è accaduto all’High-Deck-Siedlung, area multiculturale che si trova nel quartiere Neukölln di Berlino: dei manifestati pro Palestina sono scesi in piazza per festeggiare i massacri di Hamas distribuendo dolci ai passanti e ci sono stati attacchi alla polizia, che hanno provocato il ferimento di due agenti e l’arresto di 40 persone.

Attenzione a pensare che si tratti di un fenomeno solo tedesco. Anche in tutto il Regno Unito – a Londra, Manchester e Brighton – folle pro-Hamas si sono radunate  per celebrare l’assalto ai danni di Israele. Scene simili si sono verificate anche in Svezia. Sabato scorso a Malmö, una città in cui il 37% della popolazione ha origini straniere, una carovana di palestinesi e altri migranti ha letteralmente invaso le strade; complessivamente, alla manifestazione hanno preso parte circa 200 autovetture, con musica araba e bandiere svolazzanti dai finestrini, quasi ci fosse da festeggiare un successo calcistico.

Anche in Olanda ci sono state manifestazioni e i sindaci di Rotterdam e l’Aia si sono rifiutati di esporre la bandiera d’Israele. Scene surreali si son viste pure negli Stati Uniti e in Canada; significativo in particolare cosa è accaduto in Ontario, dove uomini a bordo di veicoli sono stati ripresi mentre celebravano gli attacchi nel parcheggio di un centro commerciale. Ora, si potrebbe continuare ancora a lungo enumerando avvenimenti che hanno dello sconvolgente, ma forse meglio fermarsi perché essi già mettono ben in luce – davanti ad una guerra che ieri ha superato la quota di 1.000 vittime – le basi civili inesistenti su cui poggia l’osannato modello sociale multiculturale, che ricorda tanto una bomba ad orologeria.

Per carità, è vero che simili surreali festeggiamenti non costituiscono una novità assoluta. Basti vedere quanto accaduto nel 2015 in Siria, dove jihadisti dell’allora sedicente Stato islamico festeggiarono gli attentati di Parigi distribuendo caramelle alla gente in strada. Ma un conto – ecco la differenza – è che ciò sia avvenuto ieri, in Libia, per mano di militanti dell’Isis; un altro, ben più sconvolgente, è apprendere come le medesime scene si ripetano oggi nel cuore dell’Occidente, per mano di soggetti col passaporto europeo o americano. È un fortissimo campanello d’allarme. La domanda però è: quanti sapranno, in particolare nel mondo della politica e delle istituzioni, riconoscerlo come tale? Alla fine, la questione vera è tristemente questa. (Fonte foto: Twitter/X)

ABBONATI ALLA RIVISTA!


Potrebbe interessarti anche