giovedì 26 novembre 2020
  • 0
NEWS 20 novembre 2020    di Redazione
Inghilterra: I leader cristiani sfidano le chiusure obbligatorie delle chiese

Più di 120 capi della chiesa di varie confessioni cristiane stanno sfidando l’ordine di chiudere le chiese in Inghilterra e in Galles. I leader religiosi dicono che il governo non ha prodotto prove che giustifichino il rigoroso trattamento dei servizi di culto. Il centro giuridico cristiano del gruppo evangelico Christian Concern sostiene i dirigenti della Chiesa nella loro sfida legale al Segretario di Stato per la salute e l’assistenza sociale. I leader religiosi affermano che le nuove restrizioni al culto pubblico violano l’articolo 9 della legge sui diritti umani, che protegge la libertà dei cristiani di mostrare la loro religione o credenze nel culto, nell’insegnamento, nella pratica e nell’osservanza della legge sui diritti umani. Il governo, sostengono, non è riuscito a determinare se vi è in realtà grave rischio di diffusione COVID-19 nel caso i luoghi di culto vengano lasciati aperti. I regolamenti governativi hanno superato i poteri della legge sulla sanità pubblica. Citano anche il permesso dato di continuare a utilizzare locali religiosi per scopi laici, ma non religiosi, sostenendo che questo è auto-contraddittorio: «Questo dimostra che questo divieto di culto collettivo è palesemente irragionevole», ha detto Christian Concern.

I membri del Parlamento hanno approvato il 4 novembre un lockdown di quattro settimane in Inghilterra, che ha avuto inizio il 5 novembre, a seguito di un aumento dei casi di coronavirus. Durante il blocco, i luoghi di culto potranno essere aperti solo per la preghiera individuale, ad eccezione dei funerali, ai quali possono partecipare 30 persone. La preghiera di gruppo o il culto di gruppo è vietato. Il divieto generale ha sollevato forti opposizioni da parte dei leader cattolici, della Chiesa d’Inghilterra e dei cristiani pentecostali, nonché dei rappresentanti dell’ebraismo ortodosso, dei musulmani, degli indù e dei sikh. «I governi inglese e gallese hanno ora introdotto due serie successive di misure di blocco che hanno completamente vietato e criminalizzato il culto pubblico in comunità, un aspetto fondamentale della vita religiosa per i richiedenti e le loro congregazioni», denunciano. «Con queste misure, i governi hanno inflitto un terribile costo umano, senza una rigorosa considerazione di restrizioni meno onerose, e come parte di un pacchetto che lascia i luoghi di culto aperti per le attività secolari».

Anche i leader cattolici sono in prima linea nell’opporsi a questi divieti. Il cardinale Vincent Nichols di Westminster e l’arcivescovo Malcolm McMahon di Liverpool il 31 ottobre hanno detto che il piano del governo per fermare il culto collettivo causerebbe «profonda angoscia». Aggiungendo: «Anche se comprendiamo le molte decisioni difficili che il governo deve affrontare, non abbiamo ancora visto alcuna prova che renderebbe il divieto del culto comune, con tutti i suoi costi umani, una parte produttiva della lotta contro il virus. Chiediamo al governo di produrre queste prove che giustificano la cessazione degli atti di culto pubblico». Il cardinale Nichols e l’arcivescovo McMahon sono rispettivamente il presidente e il vicepresidente della Conferenza Episcopale d’Inghilterra e Galles.

Un portavoce del governo ha difeso le restrizioni, dicendo: «Il governo non prende alla leggera l’imposizione di ulteriori restrizioni, ma questa azione è vitale per affrontare la diffusione del virus. I luoghi di culto portano enorme conforto alle persone, specialmente in questo momento difficile. Ecco perché rimangono aperti durante questo periodo di nuove restrizioni per la preghiera privata e altre funzioni essenziali, come i funerali. Continuiamo a lavorare a stretto contatto con i leader religiosi e i luoghi di culto, come abbiamo fatto durante tutta la pandemia», ha detto il portavoce, al quotidiano britannico The Independent.

Gavin Ashenden, ex cappellano onorario della regina convertito al cattolicesimo [ne parliamo qui], ha citato la lunga storia dei tentativi del governo di controllare, limitare e vietare il culto cristiano in Inghilterra. «I dirigenti della Chiesa hanno il dovere di garantire la fedeltà al nostro Dio e alle nostre coscienze», ha detto Ashenden. «Questa fedeltà ci pone in un’opposizione educata, ma determinata, a qualsiasi governo che chiuda le porte delle Chiese, vietando l’accesso ai sacramenti e alle nostre responsabilità verso Dio e gli uni verso gli altri». (Fonte)


Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Per navigare controcorrente.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: